L’ORDINE DI DEMOLIZIONE ISRAELIANO DELLE SCUOLE LASCIA I BAMBINI PALESTINESI NEL LIMBO

0
268

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/40560

11/10/2020

Il progetto sostenuto dall’Unione Europea a Ramallah è stato oggetto di intimidazioni quotidiane da parte dei coloni e serve 50 studenti

Fonte – English version 


Di Shatha Hammad – 9 ottobre 2020

Giovedì un tribunale israeliano ha respinto un appello contro la demolizione di una scuola palestinese finanziata dall’Unione Europea nella città di Ramallah nella Cisgiordania occupata.

Le autorità israeliane avevano emesso un ordine di demolizione a settembre contro la scuola elementare di nuova costruzione in una zona conosciuta come Ras al-Tin, a est di Ramallah. L’ordine di demolire la scuola era stato emesso con il pretesto che fosse stata costruita senza permesso nell’Area C.

La scuola, costruita con mattoni e tetto di lamiera senza porte né finestre, accoglieva 50 studenti di età compresa tra i 5 e 13 anni.

“Sfidare l’occupazione”

Noura al-Azhari, la direttrice della scuola, ha detto a Middle East Eye che la scuola era stata aperta all’inizio dell’anno scolastico, sebbene non fosse ancora completamente attrezzata.

“Abbiamo iniziato l’anno scolastico, anche se la struttura non era ancora pronta, per fornire istruzione ai bambini che altrimenti dovevano percorrere a piedi circa 7 km e passare ogni giorno lungo una strada controllata da coloni israeliani mentre si recavano a scuola nel villaggio di al-Mughayer”, ha detto Azhari.

“È un modo per sfidare l’occupazione e dare potere ai residenti della zona, che Israele minaccia costantemente di espulsione”.

Azhari ha detto che prima che fosse emesso l’ordine di demolizione, soldati e coloni israeliani avevano preso d’assalto la scuola ogni giorno, facendo volare droni con telecamere sopra la scuola e intimidendo insegnanti e studenti.

“Hanno preso d’assalto la scuola ogni giorno e confiscato i nostri documenti di identità, mentre i coloni ci minacciavano e ci intimidivano”, ha detto.

Lo studente Zaid Salama, 13 anni, dice che doveva camminare moltissimo per raggiungere la sua scuola prima che quella di Ras al-Tin fosse costruita.

“Eravamo molto felici per la nuova scuola. Questo ha risolto tutti i nostri problemi”, ha detto. “Ma le autorità israeliane hanno rapidamente deciso di demolirla. La nostra gioia oggi si è trasformata in dolore e indignazione.”

Salama credeva che oltre a fornire istruzione, la scuola garantisse la tutela di parte delle terre palestinesi occupate dalla confisca e dagli insediamenti.

“Se la scuola è qui, significa che resteremo qui e che faticheranno per cacciarci. La scuola rafforza la nostra esistenza”, dice.

L’amica di Salama, Malak Omar, 11 anni, ha detto che “si sente più sicura in questa scuola” perché temeva che i coloni israeliani tentassero di investirla mentre andava a scuola ad al-Mughayer.

Omar ha aggiunto che: “anche se demoliranno la scuola, ne costruiremo una nuova”, un sentimento largamente condiviso dagli altri studenti. “La scuola ha ancora bisogno di porte e finestre, nonché di una mensa, di un cortile e di un bagno”, ha detto.

I bambini erano soliti usare un bagno esterno appartenente alla scuola, prima che le autorità israeliane lo confiscassero.

“Vogliamo che la nostra scuola sia ampliata, non demolita”, ha detto Omar.

Una nuova lezione

Nella classe di lingua araba, l’insegnante Baian Ba’arat ha fornito ai suoi studenti una lezione che non faceva parte del programma di insegnamento.

“Se demoliscono la nostra scuola, torneremo e la ricostruiremo”, ha detto ai suoi studenti, prima di scoppiare in lacrime.

“Anche se siamo spaventati e tristi, ciò che ci rafforza come insegnanti è vedere i bambini ignorare l’esercito israeliano quando prende d’assalto la scuola, continuando a seguire la lezione, o talvolta anche iniziando a cantare”, ha detto Ba’arat.

Sebbene abbia affrontato molte sfide nel suo tragitto verso la scuola, Ba’arat dice che ha perseverato nell’andarci ogni giorno per aiutare i bambini, che devono sopportare difficoltà quotidiane.

“Questi bambini meritano tutto il sostegno del mondo. Meritano di ottenere la migliore istruzione e ambiente scolastico, e un brillante futuro dove possono realizzare i loro sogni”, ha detto.

Progetto sostenuto dall’Unione Europea 

Secondo Bassem Arikat, il direttore dell’istruzione nel governatorato di Ramallah e al-Bireh, la scuola era stata costruita nell’ambito di un progetto sostenuto dall’Unione Europea, per rispondere alle esigenze dei 50 bambini della zona, che dovevano affrontare molti ostacoli per raggiungere la loro scuola precedente.

“La decisione di costruire la scuola è arrivata per fornire sicurezza e stabilità ai bambini, ma gli israeliani si sono rifiutati di concederci un permesso di costruzione e hanno emesso un ordine di demolizione contro di essa”, ha detto. “Questo serve solo al progetto israeliano di colonizzazione ed espansione”.

Arikat ha sottolineato che la scuola era stata costruita su un terreno palestinese donato da un cittadino palestinese, che era riuscito a ottenere documenti ufficiali dalle autorità israeliane che dimostravano la sua proprietà della terra.

La scuola di Ras al-Tin era una delle 18 scuole costruite nell’Area C. Le scuole in queste aree erano solitamente chiamate “scuole presidio” e erano supportate dall’Unione Europea e da altre organizzazioni europee.

Il sostegno europeo, tuttavia, non ha garantito protezione o immunità a tali progetti.

Trad: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

L’ordine di demolizione israeliano delle scuole lascia i bambini palestinesi nel limbo

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.