L’Università di Birzeit condanna la violazione della libertà accademica dopo che gli accademici sono stati costretti a lasciare la Palestina

0

 

Luglio 2018

Dall’inizio dell’attuale anno accademico (2017-2018), decine di titolari di passaporti stranieri, molti di origine palestinese  che vivono e lavorano nel territorio palestinese occupato ma senza documenti di residenza, sono stati esclusi dall’ingresso nel paese o si son visti rifiutare la domanda di rinnovo  dalle autorità israeliane. Nella sola università di Birzeit, ci sono 15 membri stranieri di facoltà in possesso di passaporto le cui richieste di rinnovo del visto sono state respinte o ritardate in modo significativo.

Questi membri di facoltà hanno un rapporto di lavoro a tempo pieno, lavorano in tutte le varie facoltà del nostro campus e sono docenti senior e presidenti di dipartimento. I nostri docenti che sono attualmente sotto la minaccia insegnano nel BA, MA e Ph.D. programmi alla Birzeit University, sono membri di comitati universitari e servono la più ampia comunità palestinese attraverso seminari pubblici e conferenze. Alcuni professori sono già stati costretti a lasciare il paese; tra cui uno del Dipartimento di inglese e letteratura e un professore di storia europea presso l’Ibrahim Abu Lughod Institute for International Studies che ha dedicato tutta la sua carriera accademica alla Palestina e all’università negli ultimi quarant’anni.

Questi professori internazionali svolgono un ruolo fondamentale non solo nella formazione continua di un’istruzione di qualità presso l’Università di Birzeit, ma anche nello sviluppo a lungo termine dell’istruzione superiore palestinese.

Se questa politica continua, le università palestinesi, compresa l’Università Birzeit, saranno ulteriormente isolate dall’ambiente accademico globale. La nostra capacità di fornire un’educazione di livello mondiale, se perdiamo le prospettive internazionali, sarà ulteriormente compromessa insieme alle diverse esperienze professionali e alle competenze di alto livello che questi membri della facoltà portano in modo determinante alla vita accademica palestinese e all’ambiente del campus nel suo complesso.

Nell’ambiente accademico globale del 21 ° secolo, avere una facoltà internazionale diversificata è diventata una pietra miliare fondamentale dell’eccellenza accademica nelle università di tutto il mondo. Se all’università Birzeit e all’istruzione superiore palestinese nel suo complesso viene negato il diritto di coinvolgere membri di facoltà internazionali, ciò che in definitiva viene negato è il nostro diritto a fornire una qualità e standard di istruzione che soddisfino la norma globale accettata.

Il diritto all’istruzione è un diritto umano fondamentale come stabilito nell’articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Questo articolo sottolinea contemporaneamente il legame critico tra l’educazione e la promozione delle prospettive globali, la comprensione e la connessione tra popoli e nazioni diversi:

L’educazione deve essere diretta al pieno sviluppo della personalità umana e al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. L’educazione promuove comprensione, tolleranza e amicizia tra tutte le nazioni, gruppi razziali o religiosi e sostiene le attività delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.

 

Una lunga serie di risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dell’Assemblea generale e le sentenze della Corte internazionale di giustizia affermano l’obbligo di Israele di esercitare le proprie responsabilità come potere occupante in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza in conformità con il diritto internazionale umanitario (compresa la Convenzione dell’Aia del 1907 e la Quarta Convenzione di Ginevra del 1949) e la legge internazionale applicabile sui diritti umani. Israele è obbligato dal diritto internazionale a proteggere e facilitare il funzionamento delle istituzioni civili palestinesi, inclusa l’istruzione superiore. Tutti gli stati che sono firmatari di queste risoluzioni hanno anche la responsabilità di assicurare che Israele eserciti i propri obblighi nei confronti dell’educazione palestinese in base al diritto internazionale; compreso  il controllo sull’ingresso e la presenza di accademici stranieri in modo da evitare danni compromettenti all’istruzione superiore palestinese e al diritto fondamentale all’educazione della popolazione occupata.

Chiediamo a tutti – inclusi i governi, le istituzioni, gli accademici e le associazioni – di condannare queste politiche, proteggere il nostro diritto fondamentale di libertà accademica all’Università di Birzeit e a tutta l’istruzione superiore palestinese.

 

Trad. Invictapalestina.org

Fonte: https://www.birzeit.edu/en/news/birzeit-university-condemns-breach-academic-freedom-after-academics-forced-leave-palestine

 

 

L’Università di Birzeit condanna la violazione della libertà accademica dopo che gli accademici sono stati costretti a lasciare la Palestina

L’Università di Birzeit condanna la violazione della libertà accademica dopo che gli accademici sono stati costretti a lasciare la Palestina

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.