….”Ma adesso apriranno le frontiere o proveranno a rimandarci in Afghanistan dai talebani?” mi chiede una di loro… di Valerio Nicolosi

507

tratto da: Valerio Nicolosi

28 agosto 2021  8:48

Quando entri a Bojna la tensione è palpabile, i pochi abitanti rimasti in questo piccolo villaggio al confine tra Bosnia e Croazia sono della minoranza serba e non vedono di buon occhio profughi, giornalisti e attivisti. Nelle scorse settimane uno di loro ha sparato a una troupe e la polizia ha fatto diverse retate contro i migranti.

In questo villaggio dar da mangiare alle persone, è reato.

Inoltre il confine è a poco più di 100 metri, dove i boschi ancora minati dalla guerra segnano l’inizio della Fortezza Europa.

Eppure qua ci sono solo famiglie afghane con bambini e bambine piccole, molti di loro provengono dal Panjshir, regione famosa per la resistenza anti sovietica prima, e anti talebana poi.

“Siamo in viaggio da anni e abbiamo provato il “game” più di venti volte, la polizia croata ci ha sempre preso, picchiato e respinto” racconta una ragazza con ancora i segni delle manganellate.

Quello che succede in Afghanistan in questi giorni preoccupa tutti, soprattutto loro che da settimane non riescono a sentire le famiglie d’origine. “Ma adesso apriranno le frontiere o proveranno a rimandarci in Afghanistan dai talebani?” mi chiede una di loro.

Difficile mentire in questi casi, ma è altrettanto difficile dire la verità: “No, la fortezza Europa non vuole profughi”.

Bojna, Bosnia.
27 luglio 2021
Foto Valerio Nicolosi

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.