Piombo fuso 2

 di Ury Avnery

 A un anno dalla guerra di Gaza, chiamata Piombo Fuso, la questione è diventata pubblica. Per la maggioranza la risposta è già stata data: certamente! Non ci arrivano più i Qassam sulla testa.

Davvero semplicistica -per non dire primitiva- questa risposta. Ma dipende da quanto superficialmente si guardano le cose. “C’erano i Qassam, abbiamo fatto la guerra; non ci sono più Qassam. Sderot è tranquilla e fiorente, gli abitanti di Beersheva possono andare a teatro.

Tutto il resto è inutile ragionare filosofico. Ma chi vuole capire i risultati di questa guerra deve porsi alcune domande difficili. Fermare i Qassam era stato veramente l’obiettivo della guerra? Se fosse stato quello si poteva raggiungere più facilmente con altri mezzi? Se invece i motivi erano altri, quali erano? E il bilancio finale è positivo o negativo, per quanto riguarda gli interessi di Israele? Mi dispiace per gli storici, costretti a scrutare i documenti e sfogliare i protocolli. I documenti sono fuorvianti. Nascondono troppo spesso i fatti, inventano fatti – tutti a seconda degli interessi dello scrittore. Quali erano gli obiettivi reali di coloro che hanno iniziato la guerra? Credo che erano come segue, in ordine decrescente di priorità:

1. Rovesciare il regime di Gaza, trasformando la vita degli abitanti in un inferno tale che si sarebbero rivoltati contro Hamas.

2. Tornare al governo e l’esercito loro rispetto di sé, che era stato gravemente danneggiato in Libano guerra mondiale.

3. Ripristinare il potere deterrente dell’esercito israeliano.

4. Fermare i Qassam

5. Liberare il soldato prigioniero, Gilad Shalit.

Esaminiamo i risultati, uno per uno.

Questa settimana, centinaia di migliaia di persone si sono raccolte nella Striscia di Gaza per una manifestazione in sostegno di Hamas. A giudicare dalle foto, erano tra i 200 e i 400 mila. Visto che ci sono circa 1,5 milioni di abitanti della Striscia, e la maggior parte di loro bambini, che era stato un affluenza alle urne – soprattutto in vista della miseria causata dal blocco israeliano, che ha continuato per tutto l’anno e le case in rovina che non può essere ricostruita . Coloro che credevano che la pressione sulla popolazione avrebbe causato una rivolta contro il governo di Hamas sono stati smentiti. Sembra che la maggior parte delle persone nella Striscia di Gaza siano più o meno soddisfatte del funzionamento del governo di Hamas. Nonostante la miseria della loro vita, essi possono anche essere orgoglioso della propria fermezza C’è un ordine nelle strade, criminalità e la droga sono in diminuzione.

Hamas.

L’obiettivo principale dell’operazione è completamente fallito. Il secondo obiettivo, d’altra parte, è stato raggiunto. Il governo Olmert, che ha perso la fiducia nella seconda guerra del Libano, ha vinto di nuovo nella guerra di Gaza. L’esercito ha ristabilito la sua fiducia in se stesso. L’opinione pubblica ritiene che a Gaza l’esercito ha funzionato bene. Il fatto che un totale di sei soldati israeliani siano stati uccisi dal fuoco nemico, mentre oltre un migliaio di persone sono morte sul lato opposto, ha rafforzato questa convinzione. La questione se il terzo obiettivo – deterrenza – è stato raggiunto è strettamente collegata con un’altra domanda: Chi ha vinto la guerra militarmente? In una guerra tra un esercito regolare e una forza mal armata di guerriglia, è difficile decidere quale sia la “vittoria”. In una classica battaglia tra gli eserciti, la vittoria appartiene al lato che rimane sotto il controllo del campo di battaglia dopo la conclusione delle ostilità. Ovviamente questo non si applica in un contesto asimmetrico. L’esercito israeliano non ha voluto restare nella Striscia di Gaza – al contrario, è stato molto forte per evitare una tale possibilità. Alcuni sostengono che Hamas ha vinto la guerra: se una banda di guerriglieri improvvisati riesce a tenere fuori del suo territorio uno dei più potenti eserciti del mondo, ciò costituisce una vittoria.

Prendendo in considerazione tutti questi risultati, si può trarre la conclusione che la guerra è finita in una sorta di pareggio. Ad eccezione di Goldstone.

Questa guerra ha inferto un colpo fatale al modo di vedere Israele nel mondo. L’utilizzo del fosforo bianco e di munizioni flechette, ha sollevato una nuvola nera sopra Israele. La relazione di Goldstone, insieme alle immagini raccapriccianti trasmesse in tutto il mondo, hanno prodotto una terribile impressione. Centinaia di milioni di persone hanno visto e sentito, e il loro atteggiamento nei confronti di Israele è cambiato in peggio. Questo avrà profonde ripercussioni sulle decisioni dei governi, l’atteggiamento dei media e in migliaia di piccole e grandi decisioni riguardo a Israele. Quasi tutti i nostri portavoce e giornalisti, dal presidente fino all’ultimo ospite di talk show, hanno rigorosamente ripetuto a pappagallo che la relazione di Goldstone è “unilaterale”, “vile” e “falsa”. Ma la gente di tutto il mondo sa che è una enorme falsità. Così, tragicamente, non mancano le voci -sia nella leadership che tra la gente comune – che parla apertamente di un “Piombo Fuso 2″ come di una concreta e auspicabile possibilità… semplicemente sarebbe una questione di tempo.

Un detto attribuito a Bismarck recita: Si impara dalla propria esperienza e le persone intelligenti imparano anche dall’esperienza degli altri. E noi, a che punto siamo?

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.