Mare Jonio. La Guardia costiera si dissocia dal divieto di sbarco. Atti ai magistrati

379

Nello Scavo – inviato a bordo sabato 31 agosto 2019

Nessun porto per Mediterranea, ma indicati ai magistrati i nomi delle figure istituzionali coinvolte nella decisione

A bordo della Mare Jonio (Ansa)

A 72 ore dall’impegno preso dalle autorità italiane per individuare un porto di sbarco per la Mare Jonio, sulla plancia della nave di Mediterranea è arrivata l’ennesima risposta negativa. Stavolta, però, la Guardia costiera sembra voler chiaramente prendere le distanze dal rigetto, e con una decisione senza precedenti scarica la responsabilità sulla filiera decisionale che parte dal vertice politico e arriva agli ufficiali in banchina.

La nota della capitaneria fornisce direttamente alla magistratura gli elementi per una inchiesta che potrebbe rivelarsi esplosiva. La comunicazione della Guardia costiera, infatti, è stata trasmessa a due procure indicando in chiaro i nomi e gli indirizzi di posta elettronica di quanti nella filiera decisionale sono coinvolti e potrebbero venire indagati per “omissione di soccorso” e trattamento inumano”. Se anche una piccola percentuale dei 39 indicati finisse in una inchiesta, potremmo assistere al più grande maxi processo per violazione dei diritti umani a carico di funzionari pubblici ed esponenti politici.

Nel messaggio inviato dalla Capitaneria di porto al comandante Giovanni Buscema si legge: “In riscontro alla richiesta di Place of Safety (POS), pervenuta con l’email a cui si porge riscontro, si rappresenta che la competente Autorità Nazionale, alla quale la predetta richiesta è stata inviata per le valutazioni di competenza, ha comunicato, che: ferma restando l’attualità e l’efficacia del Decreto Interministeriale del 28 agosto, il POS non può essere assegnato”.

A causa del decreto sicurezza la Mare Jonio non può entrare in porto, neanche dopo il primo drammatico trasbordo notturno di 64 persone e nonostante i 34 naufraghi rimasti sul ponte siano affetti da serie patologie mediche e psichiche. Situazione che si va aggravando, peraltro appesantita dalla mancanza di acqua per i servizi, che impedisce a migranti ed equipaggio anche solo di poter usare normalmente i bagni oramai da tre giorni.

Ma è la lista dei destinatari, questa volta messa in chiaro e non in “copia riservata”, a segnare un punto di svolta nelle decisioni della Guardia costiera. Il rifiuto dell’approdo, attribuito alle “autorità nazionali” e dunque in alcun modo attribuibile agli ufficiali in servizio a livello locale, è stato inviato dalla capitaneria siciliana alla procura di Agrigento, a quella di Roma e (in modo che i magistrati possano vedere) al capo di gabinetto del ministro dell’interno, e a una serie di altre figure che rispondono agli ordini politici.

Poche ore prima il capomissione Luca Casarini aveva avvertito dell’imminente denuncia contro le autorità coinvolte sulla base della recentissima pronuncia “emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Agrigento nella vicenda della nave Open Arms”, nella quale è stato ribadito come “sulla scorta delle Convenzioni internazionali” la responsabilità ricada “sullo Stato che per primo ha ricevuto notizia di persone in pericolo in mare fino a quando il Centro di coordinamento competente per l’area non abbia accettato tale responsabilità”. Tra i destinatari indicati dalla Guardia costiera vi sono il capo di gabinetto del
Viminale, Matteo Piantedosi, e quello del ministero dei Trasporti, Gino Scaccia. Si tratta delle figure che interloquiscono con i responsabili politici e poi traducono gli ordini alle figure operative.

Il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha già aperto da tempo una inchiesta, ancora contro ignoti, per reati che vanno dall’omissione al sequestro di persona. Non ci sono indagati poiché il magistrato sta raccogliendo gli ultimi elementi per chiedere il processo e, a quanto se ne sa, ancora una volta potrebbe essere investito il tribunale dei ministri che, se perdurasse la scelta di tenere i migranti in ostaggio dell’inerzia politica, stavolta potrebbe doversi occupare non solo di Matteo Salvini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Mare Jonio. La Guardia costiera si dissocia dal divieto di sbarco. Atti ai magistrati

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/la-guardia-costiera-si-dissocia-dal-divieto-di-sbarco

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.