Mediterraneo dei pirati: guardacoste libico dà la caccia al barchino per affondarlo

0
289

tratto da: https://www.remocontro.it/2021/07/03/mediterraneo-dei-pirati-guardacoste-libico-da-la-caccia-al-barchino-per-affondarlo/

Remocontro Remocontro  3 Luglio 2021

 

Il video. Una motovedetta donata dall’Italia, la Bigliani 648 Ras Al Jadar, ripresa mentre tenta di speronare un barchino carico di migranti. Le immagini dell’aereo Sea Bird di Sea-Watch. Prove incontestabili, ‘inchiesta’ libica, e imbarazzo italiano sui rifinanziamenti della stessa guardia costiera della caccia all’uomo.

«Stanno sparando». «Sì, stanno sparando». Inizia così il video diffuso ieri dalla Ong Sea-Watch. È stato girato mercoledì pomeriggio dall’aereo Sea Bird durante una missione di monitoraggio sul Mediterraneo centrale. Ma l’audio è nulla in confronto a ciò che mostrano le immagini, avverte Giansandro Merli sul Manifesto. Una motovedetta libica, la Bigliani 648 Ras Al Jadar (il doppio nome, italiano e arabo, è traccia del passaggio di consegne), sta dando la caccia a un barchino carico di migranti».

Dev’essere così per fermare gli sbarchi?

«Per un minuto si susseguono manovre pericolosissime, tentativi di speronamento, colpi di mitra esplosi in acqua. A un certo punto sembra che i libici tentino di agganciare la barca con dei bastoni o delle corde, come nel Far West. Le 63 persone a bordo rifiutano di fermarsi. Si giocano il tutto per tutto. Incredibilmente, nonostante la sproporzione dei mezzi, riescono a fuggire. Arriveranno a Lampedusa».

Tripoli ‘indaga’, Italia in imbarazzo

«La Marina militare libica ammette che sono state svolte manovre pericolose e vietate», segnala Nello Scavo su Avvenire. L’indagine interna arriva quando il Parlamento italiano si appresta a votare il rifinanziamento delle missioni in Libia. Non potendo smentire le immagini, l’insolito rigore. Vite messe a rischio, quelle dei migranti, «così come quelle dei membri dell’equipaggio della motovedetta stessa, in quanto non sono state seguite le misure di sicurezza».

La giustizia libica solo come alibi

«Fino ad ora l’unica inchiesta su un esponente delle autorità accusato di traffico di esseri umani, maltrattamenti e contrabbando di petrolio si era chiusa con la scarcerazione dell’indagato, il comandante Bija, promosso pochi giorni prima del rilascio al grado di maggiore della Marina», ricorda sempre Scavo.
«Abbiamo visto il video e stiamo verificando le circostanze ad esso legate. Sicuramente chiederemo spiegazioni ai nostri partner libici», ha detto Peter Stano, portavoce della Commissione europea, nel corso della conferenza stampa quotidiana.

Più pirati che guardacoste

Dal 2017 il costo a sostegno dell’accordo Italia-Libia per bloccare i flussi migratori è stato di oltre 213 milioni di euro. Soldi usati anche per addestrare ed equipaggiare i guardacoste, «che però in mare agiscono più secondo gli standard dei pirati somali, che secondo quelli delle guardie costiere europee».
I guardacoste libici si sono allontanati per oltre 110 miglia dal porto di Tripoli e sono arrivati a sole 45 miglia da Lampedusa. Non era mai successo che una motovedetta tripolina si spingesse così a Nord per inseguire dei migranti, lasciando però che altri barconi raggiungessero indisturbati a Lampedusa.

Ora la marina libica giura futura virtù

Stavolta l’imbarazzo per le conseguenze anche politiche di una tale azione, che mette in oggettiva difficoltà anche il governo italiano, che ha promesso la prosecuzione del sostegno politico ed economico a Tripoli, ha costretto le autorità libiche a intervenire, almeno verbalmente. «Confermiamo la nostra volontà nel proseguire lo svolgimento dei nostri compiti e doveri, salvare vite in mare e proteggere le coste libiche, secondo le leggi e i regolamenti umanitari riconosciuti a livello locale e internazionale».

Ma i diritti umani in Libia non valgono

‘Regolamenti umanitari’ quali? La Libia non ha mai sottoscritto la Convenzione di Ginevra per i Diritti dell’Uomo e, come ha ricordato di nuovo ieri l’Onu, il Paese non è riconosciuto come “luogo sicuro di sbarco” e perciò riportare a terra i migranti, destinati ai campi di prigionia, costituisce una violazione dei Diritti Umani che però in Libia non è perseguibile.

Remocontro

REMOCONTRO

 

 

Mediterraneo dei pirati: guardacoste libico dà la caccia al barchino per affondarlo

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.