MINISTRO PALESTINESE RACCONTA I MALTRATTAMENTI SUBITI DALLA POLIZIA ISRAELIANA DURANTE UN ARRESTO DA “INCUBO” A GERUSALEMME

1231

tratto da: rete Italiana ISM

6 aprile 2020

 https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-palestinian-minister-says-israeli-police-abused-him-during-nightmare-arrest

Le forze israeliane hanno requisito da casa il ministro degli affari di Gerusalemme per il suo lavoro con l’Autorità palestinese. Secondo la sua denuncia, gli agenti lo hanno colpito e lo hanno costretto a indossare una maschera sporca e insanguinata

di Nir Hasson

Il ministro Fadi al-Hadami da un video della telecamera di sicurezza nella sua casa, mentre la polizia israeliana lo arresta.

Lunedì un ministro palestinese ha presentato una denuncia contro gli agenti di polizia israeliani che, secondo il suo parere, hanno abusato di lui, lo hanno picchiato e costretto a indossare una maschera sporca e insanguinata durante il suo arresto di venerdì.
Il ministro degli Affari di Gerusalemme, Fadi al-Hadami, è stato arrestato con l’accusa di agire per conto dell’Autorità palestinese nel coordinare la sua risposta al coronavirus a Gerusalemme est, che è illegale ai sensi della legge israeliana. Israele vede qualsiasi presenza dell’Autorità Palestinese a Gerusalemme come una violazione degli Accordi di Oslo.

Al-Hadami, residente a Gerusalemme est, è in carica da un anno. Durante il suo mandato è stato arrestato quattro volte, incluso l’ultimo venerdì, per il suo lavoro con l’Autorità palestinese con Gerusalemme.

In tutti e quattro i casi, al-Hadami è stato brevemente interrogato e successivamente rilasciato senza che le autorità israeliane presentassero accuse contro di lui.

 

Venerdì intorno alle 5 del mattino agenti di polizia, accompagnati dall’unità cinofila, sono arrivati a casa sua. Secondo una denuncia presentata dagli avvocati Mohand Jabara e Ahmed Safiya al dipartimento del ministero della Giustizia per le indagini sugli agenti di polizia, gli agenti hanno deciso di irrompere nell’edificio residenziale in cui si trova il suo appartamento, facendo esplodere inutilmente la porta d’ingresso dell’edificio senza nemmeno preoccuparsi di bussare alla porta”.
Secondo gli avvocati, la polizia ha brutalmente condotto le loro ricerche con grida e imprecazioni, nel chiaro tentativo di insultare il nostro cliente.
La ricerca, affermavano gli avvocati di al-Hadami, è stata condotta senza consentire la presenza della famiglia, presumibilmente in violazione del mandato emesso dal tribunale.

La polizia ha persino portato i cani nella camera del figlio di cinque anni mentre dormiva e ha condotto una perquisizione senza i genitori presenti, sostengono gli avvocati.
Durante la ricerca, la polizia ha confiscato circa 10.000 shekel ($ 2,800), secondo fonti palestinesi, intese come donazioni di beneficenza.

Più tardi, secondo la denuncia, un ufficiale di sesso maschile ha sequestrato con forza e illegalmente la moglie di al-Hadmi senza motivo, insultandola e spingendola brutalmente e senza motivo. Le forze di polizia, sottolineano gli avvocati, non includevano ufficiali femminili.

La denuncia continua dicendo che la polizia ha portato al-Hadmi alla macchina di pattuglia e lo stesso ufficiale ha preso una maschera che giaceva nella macchina di pattuglia della polizia con chiari segni di sporcizia e persino segni di sanguinamento, e ha costretto il signor al-Hadami (per chiarezza, un ministro dell’Autorità palestinese) ad indossarla con la forza, mentre non prestava attenzione alle affermazioni secondo cui si trattava di una maschera sporca e insanguinata.

L’incubo del nostro cliente sembra essere solo iniziato. Quando hanno raggiunto l’area del Russian Compound, dopo che il nostro cliente si è sentito soffocato da questa stessa maschera sporca con macchie di sangue e dopo aver tentato di rimuoverla, un robusto ufficiale di polizia con la barba di nome Moshe Shahal si è avventato su di lui come un animale e ha colpito il nostro cliente su tutto il corpo, tra cui pugni e schiaffi sul suo viso e calci allo stomaco. Imprecando, ha costretto il nostro cliente a indossare sempre la stessa maschera, sporca e con macchie di sangue. Così hanno riportato gli avvocati.

Dopo tutto questo, al-Hadami è stato brevemente interrogato e gli è stato chiesto sulle sue attività a nome dell’Autorità Palestinese in merito alla lotta contro il coronavirus a Gerusalemme. Circa sei ore dopo essere stato arrestato, è stato rilasciato senza essere portato davanti a un giudice o con alcuna restrizione.
La polizia israeliana ha affermato che il resoconto di al-Hadami sugli eventi di venerdì conteneva alcune “imprecisioni fondamentali, senza specificare quali potrebbero essere.

Domenica scorsa anche il governatore dell’Autorità palestinese Adnan Ghaith è stato arrestato con il sospetto di agire a nome dell’AP per combattere la crisi del coronavirus. Ghaith, residente a Gerusalemme Est, è stato arrestato circa 10 volte nell’ultimo anno, ma anche lui non è mai stato incriminato.
Il Magistrato di Gerusalemme ha respinto una richiesta della polizia lunedì di prorogare il suo arresto di otto giorni. Il giudice Naeel Mohana ha respinto la richiesta e ha scritto nella sua decisione che ha esaminato le indagini e ha scoperto che non vi è alcun ragionevole sospetto di un reato attribuito a lui in un modo che giustifica il suo arresto o addirittura gli arresti domiciliari”.Il giudice ha stabilito che l’attività di Ghaith è conforme alle linee guida del Ministero della Salute ed era anche intesa a divulgare informazioni tra i residenti che non violano la legge. La polizia ha presentato ricorso contro la decisione del tribunale distrettuale, che discuterà della questione.

All’inizio della crisi del coronavirus, la polizia ha arrestato diversi attivisti dell’AP che hanno effettuato lavori di disinfezione nei quartieri di Gerusalemme Est e li hanno rilasciati dopo un breve periodo. Due giorni prima degli arresti, Israele ha autorizzato una grande forza palestinese armata a operare all’interno di Gerusalemme.

La forza, unità 101 delle forze di sicurezza nazionali palestinesi, è stata chiamata a Kfar Aqab, un quartiere all’interno dei confini municipali di Gerusalemme che si trova fuori dalla barriera di separazione. La forza ha agito per separare due gruppi di palestinesi che si stavano sparando a vicenda, come parte di una lotta per il controllo di un blocco stradale inteso a imporre la chiusura del coronavirus sulle comunità palestinesi.
I palestinesi affermano che l’approvazione concessa alle forze armate per operare in città fa sembrare ridicola l’applicazione della polizia contro le attività dell’AP a Gerusalemme – un’applicazione che include eventi dispersi come un torneo di calcio, una festa per bambini e persino la festa della donna.

Ministro palestinese racconta i maltrattamenti subiti dalla polizia israeliana durante un arresto da “incubo” a Gerusalemme

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.