Muhammad lanciava sassi non certo per uccidere: gli hanno sparato proiettili veri, ora è sulla sedia a rotelle. la denuncia di B’TSELEM.

lunedì 7 gennaio 2013

Video: soldati sparano ad adolescenti che lanciavano sassi e che non rappresentavano alcuna minaccia, ferendone uno: Tuqu’, novembre 2012

Pubblicato il: 6 Gen 2013

Un’indagine di B’Tselem indica che lunedi mattina, 19 novembre 2012, alle 7:30 AM, ragazzi studenti della scuola superiore di Tuqu protestavano contro la campagna Pilastro della Difesa nella Striscia di Gaza. La scuola si trova vicino alla Route 356, che collega Betlemme e Hebron, e alcuni degli studenti lanciavano pietre sulla strada. Di conseguenza, una forza militare israeliana di 11 soldati è arrivata sulla scena in due veicoli.

Un video girato da un fotografo per l’agenzia di stampa palestinese Ma’an mostra quello che è successo dopo. La testimonianza video e altre raccolte da B’Tselem rivelano che diversi studenti lanciavano pietre contro i soldati, che hanno risposto con gas lacrimogeni e poi cominciarono a lasciare la zona. Due dei soldati erano a una certa distanza dagli altri, proprio dalla Route 356. A quel punto, uno dei due soldati ha aperto il fuoco, sparando due raffiche dal vivo agli studenti, anche se nessuno dei soldati era in pericolo al momento e i due soldati avevano il vantaggio del terreno significativamente più alto. Il video mostra che, dopo che i colpi sono stati sparati, l’altro soldato corse verso il tiratore e lo tirò via dalla scena.

Riprese video dell’incidente, girato da cameraman Ma’an

Muhammad al-Badan, 17 anni, è stato ferito all’addome. E ‘stato portato all’ al-Ahli Hospital di Hebron, dove gli sono state diagnosticate lesioni interne e danneggiamento delle ossa pelviche. Il padre racconta che Muhammad è stato ricoverato per circa un mese e poi recentemente trasferito in un centro di riabilitazione nel villaggio palestinese di Beit Jala. Ora usa le stampelle e la sedia a rotelle. Richiede l’assistenza per mangiare e non può mangiare cibi solidi.

Il 1 ° gennaio 2013, mentre era a casa in congedo dal centro di riabilitazione, Muhammad al-Badan è stato convocato per un interrogatorio dalla polizia israeliana con l’accusa di lancio di pietre durante l’incidente in cui è stato ferito. L’interrogatorio ha violato i suoi diritti, in quanto non gli è stato permesso di avere la presenza di un adulto durante l’interrogatorio, anche se suo nonno lo aveva accompagnato alla stazione di polizia.

Muhammad al-Badan a casa sua. Foto: Suha Zeid, B’Tselem, 3 gennaio 2013

Secondo le regole dell’esercito israeliano sull’aprire il fuoco e le dichiarazioni ufficiali da parte dei funzionari militari, l’uso del fuoco vivo è vietato durante le attività di contrasto, come la dispersione delle manifestazioni in Cisgiordania, con l’eccezione di sparare in aria in determinate circostanze. Ordini permanenti dei militari dichiarano esplicitamente che le munizioni non devono essere usate contro i lanciatori di pietre. I regolamenti consentono la detenzione dei lanciatori di pietre solo quando le loro azioni costituiscono un pericolo immediato per il benessere fisico di un soldato o di un altro individuo. Solo quando vi è reale pericolo di vita i soldati sono autorizzati a sparare al corpo di un aggressore per risolvere la minaccia.

Tuttavia, le forze di sicurezza a volte usano il fuoco vivo durante le manifestazioni palestinesi, soprattutto quando sono coinvolti in sassaiole. Nell’ultimo anno, due palestinesi sono stati uccisi quando munizioni sono state sparate a disarmati lanciatori di pietre. B’Tselem ha documentato l’uso del fuoco vivo in circostanze che non possono essere descritte come pericolo mortale per i soldati.

Va notato che B’Tselem non ha il video completo dell’incidente in suo possesso. Il filmato che abbiamo ricevuto è stato curato da Ma’an News Agency. Tuttavia, la clip qui illustrata, che comprende la sparatoria effettiva, è un continuo segmento inedito.

B’Tselem ha contattato l’avvocato generale del Corpo militare esigendo di ordinare un’indagine penale sulle circostanze dell’uso di munizioni in questo incidente.

http://www.btselem.org/firearms/20130106_muhammad_al_badan_injured_by_live_ammunition

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam