Nablus: circondata da insediamenti israeliani. I palestinesi lamentano che i coloni israeliani agiscono impunemente….

mercoledì 18 dicembre 2013

 immagine1

NELLA CISGIORDANIA OCCUPATA, I COLONI ISRAELIANI HANNO LA QUASI ASSOLUTA IMPUNITA’ PER LE LORO SCORRERIE E I LORO CRIMINI, SPESSO PROTETTI DAI SOLDATI DELL’IDF. NABLUS E’ LA CITTA’ SIMBOLO DI QUESTA SISTEMATICA PERSECUZIONE

Nablus: circondata da insediamenti israeliani

I palestinesi lamentano che i coloni israeliani agiscono impunemente mentre il numero di attacchi cresce.

di Jessica Purkiss
Ultimo aggiornamento: 18 dicembre 2013

Il 6 dicembre, i coloni israeliani hanno distrutto una macchina palestinese e vandalizzato una casa in Jalud, un villaggio nel governatorato di Nablus della West Bank. In tutta la proprietà, è stato riferito che i coloni avevano scarabocchiato la parola “price tag”.

Il termine “tag (etichetta)” si riferisce ad attacchi eseguiti dai coloni contro i palestinesi come vendetta per le azioni del governo israeliano contro i coloni, come demolizioni o evacuazioni forzate di avamposti illegali.

Appena 11 giorni prima, la casa della famiglia Omran – anche nella zona di Nablus – era stata preso di mira dai coloni armati di bottiglie molotov. Il 25 novembre, Ghassan Omran ha detto che stava insegnando al figlio l’inglese quando le bombe improvvisate furono scagliate in casa nel villaggio di Burin. Ha detto che l’incidente è stato il terzo attacco sulla sua casa dal mese passato.

Durante la stessa settimana, i coloni israeliani hanno sradicato 26 alberi di ulivo nel villaggio di Qusra, vicino il confine meridionale del Governatorato di Nablus. Otto palestinesi sono stati feriti da proiettili di acciaio rivestiti di gomma sparati dai soldati israeliani che erano venuti dopo che gli scontri erano scoppiati quando gli abitanti del villaggio hanno protestato contro la distruzione degli alberi.

Un mare di insediamenti

I palestinesi nel governatorato di Nablus effettivamente vivono in un mare di insediamenti. Il quartiere è sede di 12 insediamenti israeliani e 37 avamposti – l’ultimo dei quali è illegale secondo le stesse leggi di Israele.

Nablus è anche il teatro di metà degli attacchi dei coloni contro i palestinesi svolti in Cisgiordania. Secondo Ghassan Daglas, colono responsabile del controllo della violenza dell’Autorità Palestinese, 267 su 492 attentati che hanno avuto luogo in Cisgiordania dall’inizio del 2013 ad ottobre si sono verificati a Nablus.

Gli attacchi dei coloni contro i palestinesi sono aumentati del 315 per cento dal 2007 al 2011, secondo il Centro palestinese. Ciò può essere dovuto in parte alla rappresaglia per gli attacchi palestinesi contro i coloni. Nel 2011, due uomini palestinesi sono stati condannati per aver ucciso cinque membri della famiglia nella loro casa nel villaggio di Itamar. E nel mese di aprile 2012, il colono israeliano Evyatar Borowsky è stato accoltellato a morte da un palestinese a un incrocio a Nablus.

“I coloni erano impazziti per le strade di Nablus dopo la morte [di Borowsky]”, ha detto Daglas. “Hanno attaccato un autobus carico di bambini che andavano a scuola, e hanno cercato di appiccarvi il fuoco . Questo era solo uno dei 100 incidenti di vendetta. Dopo che il colono è stato ucciso, il livello di violenza dei coloni è peggiorato. Ma poi di nuovo, ogni anno la situazione peggiora. “

Quando gli accordi di Oslo hanno intagliato la Cisgiordania, la città di Nablus era l’unica parte del governatorato, che era stata designata come parte della “zona A”, che rientra sotto il controllo dell’Autorità palestinese. Le altre città e villaggi del governatorato di Nablus cadono sotto un certo grado di controllo israeliano.

In caso di un attacco di coloni, i palestinesi in questi ultimi settori si basano sulla protezione israeliana, che spesso non è disponibile. I residenti palestinesi non protetti e disarmati sono di fronte regolarmente ad attacchi da parte dei coloni armati, che sono spesso custoditi da soldati israeliani.

Gli insediamenti ricadono sotto la completa giurisdizione israeliana .

All’interno degli insediamenti

Itamar, un insediamento di Nablus i cui residenti hanno la reputazione di attaccare i palestinesi che vivono nelle vicinanze, è sotto protezione pesante. Gli uomini pattugliano le strade armati di mitra, un diritto accordato ai coloni per legittima difesa secondo la legge israeliana.

“Dobbiamo stare attenti degli arabi qui fuori”, ha detto un uomo che ha rifiutato di dare il suo nome, spingendo una carrozzina con una mitragliatrice legata alla schiena, mentre indicava la terra al di là della barriera di sicurezza che circonda l’insediamento.

“La comunità qui porta le armi a causa del problema con i terroristi in questa parte di Israele”, ha detto il soldato a guardia dell’ingresso. “Questo è il piccolo Israele”, ha detto, riferendosi alla composizione.

Alla domanda se sapeva di incidenti in cui i residenti dell’ insediamento hanno attaccato i villaggi palestinesi nelle vicinanze, il soldato ha risposto: “No, non c’è niente di tutto questo. Molte poche volte, forse anche prima, ma ora si rendono conto che sangue porta a sangue.”

L’ispettore capo Micky Rosenfeld, portavoce della stampa estera per la polizia israeliana, ha detto ad Al Jazeera che le forze di sicurezza in Cisgiordania ” hanno intensificato le operazioni per prevenire e affrontare gli incidenti che coinvolgono israeliani e palestinesi. Vediamo questi incidenti come incidenti criminali con motivazioni nazionalistiche che vengono effettuati da individui e sporadicamente. C’è anche un maggiore coordinamento con l’IDF su questo tema, in quanto vediamo che questi incidenti hanno luogo anche in aree in cui la polizia deve entrare e sono
pericolose. “

La vita dietro le statistiche

I palestinesi che vivono nella regione vedono le cose diversamente. “Non esiste una legge per punire i coloni: attaccano le nostre case, il nostro bestiame, bruciano i nostri alberi e non c’è legge per punirli”, ha detto Daglas. “La legge, invece, punisce un bambino palestinese di 10 anni se cerca di difendere la sua terra.”

Nel gennaio 2011, il 15enne Odai Qadous e suo cugino stavano facendo lavori agricoli nel villaggio di Nablus Iraq Burin, quando un colono si avvicinò a loro. Seduta nella sua stanza nel secondo anniversario della sua morte, sua madre, Amneh Qadous, ha raccontato il giorno in cui suo figlio è stato ucciso.

“Ho potuto vedere da casa mia il colono che li stava molestando. Ero spaventata e ho urlato a Odai di tenersi lontano, ma quel giorno il vento soffiava forte e lui non mi sentiva. Poi sono andati fuori dalla mia vista e ho sentito un colpo. Ho visto da lontano che il cugino di Odai portava qualcosa sulla sua spalla. Ero preoccupata, ma mia figlia stava cercando di calmarmi dicendomi che stava solo portando un sacco “, ha detto. “Ma poi, mentre si avvicinava, ho visto che era mio figlio. “

Nonostante che l’uccisione di Odai sia stata catturata su pellicola da una vicina telecamera di sicurezza dell’esercito israeliano, il caso è stato chiuso il 1 ottobre 2013 in quanto non è stato trovato alcun colpevole.

“Ci hanno [le autorità israeliane] chiesto di venire a dare dettagli tre volte. Alla terza volta, ho detto loro che volevo una causa legale intentata contro il colono, ma dopo che l’ho detto non ci hanno mai più chiamato di nuovo”, ha detto Omar Qadous, il cugino che era con Odai al momento della sparatoria.

Quando è stato interrogato per i dettagli riguardanti la chiusura del caso, il dipartimento di polizia non ha risposto.

Stessa terra, diverse leggi

Il caso di Odai non è affatto isolato. Nelle centinaia di attacchi contro i palestinesi e le loro proprietà, solo l’ 8,5 per cento delle querele sollevate hanno portato a un atto d’accusa.

L’assassino è stato creduto che fosse venuto dal vicino insediamento di Yitzhar , i cui abitanti nel 2011 hanno effettuato ulteriori attacchi contro i palestinesi rispetto a quelli di qualsiasi altro insediamento, secondo le statistiche dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari .

Mentre i coloni hanno davanti una quasi impunità , la storia è diversa per i palestinesi che vivono nello stesso territorio, perché Israele opera nell’ambito di un sistema duale di legge. I coloni che vivono in Cisgiordania sono soggetti al diritto civile israeliano, mentre i palestinesi in Cisgiordania possono essere processati dai giudici dei tribunali militari, dove il tasso di condanne supera il 99 per cento .

Questo sistema duale vale anche per i bambini: se, per esempio, un bambino di 12 anni di Nablus e un bambino di 12 anni dal vicino insediamento di Yitzhar dovessero avere una lotta, entrambi sarebbero arrestati dalla polizia israeliana .

Il bambino palestinese, tuttavia, potrebbe essere detenuto per quattro giorni prima di vedere un giudice militare, mentre il bambino israeliano dovrebbe aspettare solo 12 ore prima di vedere un giudice civile. Il bambino palestinese può essere tenuto fino a 90 giorni prima di vedere un avvocato e avrebbe solo una probabilità del 13 per cento di essere liberato su cauzione, mentre il bambino israeliano sarebbe in grado di vedere un avvocato in soli due giorni e avrebbe un 80 per cento di probabilità di essere rilasciato su cauzione.

Fonte: Al Jazeera

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

…………………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.aljazeera.com/indepth/features/2013/12/nablus-surrounded-israeli-settlements-20131211111543526601.html

 

 

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam