Nakba Day: diritto al ritorno e prigionieri politici

0

TUESDAY, 15 MAY 2012 09:29 MARTA FORTUNATO (ALTERNATIVE INFORMATION CENTER)

 I palestinesi ricordano oggi il 64° anniversario della Nakba, la “catastrofe”, l’espulsione nel 1948 di più di 750.000 persone dalle proprie case e dalle proprie terre. E come ogni anno sono state organizzate manifestazioni in tutta la Cisgiordania, Gaza, in Israele e nei principali campi profughi palestinesi nel mondo arabo.

Quest’anno tema centrale delle manifestazioni sarà, oltre al diritto al ritorno per gli oltre 5 milioni di profughi palestinesi nel mondo, la solidarietà ai 4600 prigionieri politici palestinesi rinchiusi nelle carceri israeliane. Anche se ieri sera è stato siglato un accordo tra Anp ed Israele, con Egitto come mediatore, sulla fine della protesta nelle carceri, nella realtà il problema della detenzione amministrativa non è stato risolto. Israele ha accettato alcune richieste dei detenuti, come la scarcerazione di alcuni prigionieri allo scadere della detenzione amministrativa, la fine della pratica dell’isolamento e la concessione alle famiglie di Gaza di visitare i propri parenti rinchiusi in prigione in Israele. Tuttavia niente verrà fatto per porre fine alla pratica della detenzione amministrativa, misura extra-giudiziale illegale secondo il diritto internazionale di cui Israele fa uso per incarcerare i palestinesi senza capo d’accusa né processo.
Nella giornata di oggi sono previste manifestazioni e proteste nelle principali città della Cisgiordania. A Betlemme, Ramallah, Hebron, Qalandyia e a Gerusalemme Est e in molti villaggi palestinesi sono state organizzate marce per celebrare la giornata della Nakba.
Secondo quanto riportato dall’agenzia palestinese Ma’an, sono già stati registrati scontri nel quartiere di Issawiya a Gerusalemme Est dove sono state arrestate quattro palestinesi. Anche presso il check-point di Qalandiya sono già iniziati scontri tra le autorità israeliane e i manifestanti.
Ieri sera i giovani del campo profughi di Aida (area di Betlemme) hanno organizzato una manifestazione in solidarietà coi prigionieri politici palestinesi davanti alla “Tomba di Rachele” e sono stati registrati scontri tra i dimostranti e la polizia palestinesi. Alcuni ragazzi sono stati feriti.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.