Nakba Day: Manifestazioni dentro e fuori Territori

I palestinesi commemorano l’anniversario della “Catastrofe”. 65 anni fa oltre 750 mila civili furono cacciati o fuggirono dalla loro terra, cominciando un esilio che non è mai finito.

adminSito

mercoledì 15 maggio 2013 07:29

MIDEAST ISRAEL PALESTINIANS

Ramallah (Cisgiordania), 15 maggio 2013, Nena News –

Oggi una serie di manifestazioni e commemorazioni si terranno Cisgiordania, Gaza, nei centri arabo israeliani, nei campi profughi sparsi nel mondo arabo, e in molti Paesi anche occidentali, ricorderanno il 65/o anniversario della ‘Nakba’ (‘Catastrofe’), la perdita della terra e l’inizio dell’esilio per 750 mila palestinesi (quei profughi oggi sono circa 5 milioni) cacciati o fuggiti dalle loro case nelle fasi che portarono alla nascita dello Stato di Israele. 

Nei principali centri della Cisgiordania, a Nablus, Betlemme, Tulkarem, Nablus, Hebron e Ramallah, le commemorazioni vanno avanti già da alcuni giorni e ieri si sono registrati anche scontri tra militari israeliani e giovani palestinesi durante durante la marcia per la Nakba organizzata dai profughi del campo di Deheishe, a qualche km da Betlemme.

Significativa la commemorazione tenuta due giorni fa all’università di Tel Aviv dove un centinaio di studenti arabi ed ebrei israeliani hanno ricordato la “Catastrofe” leggendo i nomi dei villaggi palestinesi distrutti dopo la creazione di Israele e alcune poesie del poeta Mahmoud Darwish. Un’iniziativa contestata dagli studenti israeliani ultranazionalisti “Im Tirzu”, ai quali si è unito anche l’ex deputato di estrema destra Michael Ben Ari. 

Oggi e nei prossimi giorni oltre a marce e cortei sono previsti concerti, rappresentazioni teatrali e varie manifestazioni culturali nei Territori occupati e nelle comunità palestinesi in Israele. Secondo le notizie filtrate nelle ultime ore, oggi centinaia di attivisti cercheranno di ridare vita al villaggio di tende di “Bab el Shams” (Porta del Sole), creato lo scorso gennaio nel corridorio di terra noto come E1, tra Gerusalemme Est e la colonia israeliana di Maale Adumim. L’avamposto palestinese, con il quale i promotori intendevano protestare contro l’annunciato ampliamento di Maale Adumim, fu sgomberato con la forza dalla polizia israeliana.

A Gerusalemme est, la zona araba della città occupata da Israele nel 1967, saranno lanciate centinaia di palloncini colorati con le ”lettere del ritorno”, indirizzate ai profughi palestinesi. A Gaza city è prevista una manifestazione alla quale prenderanno parte tutte le fazioni politiche. Il corteo raggiungerà il quartier generale dell’Onu per porre l’accento sul ”diritto al ritorno” per i profughi sancito da una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu (la 194) ma mai attuata per l’opposizione di Israele. Nena News

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=74599&typeb=0&Nakba-Day-Manifestazioni-dentro-e-fuori-Territori

 

 

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam