NAKSA DAY: RADUNI LUNGO CONFINI E VALICHI

Nei Territori occupati le principali manifestazioni sono previste a Qalandiya, Walaje e Nazlat Issa. Ieri sera a Tel Aviv migliaia di israeliani hanno manifestato contro il governo Netanyahu e a favore dell’indipendenza palestinese.

Gerusalemme, 05 giugno 2011, Nena News – Migliaia di israeliani si sono ritrovati ieri sera nelle strade di Tel Aviv per manifestare contro il governo Netanyahu e a sostegno della proclamazione di uno Stato palestinese nei territori occupati 44 anni da Israele (Cisgiordania, Gaza, Gerusalemme Est). Al corteo hanno preso parte anche esponenti della cultura e del mondo accademico.

Ma è la giornata di oggi che potrebbe rappresentare una svolta e lanciare definitivamente sulla scena politica e sociale  un nuovo ampio movimento palestinese per la libertà, il “diritto al ritorno” per i profughi e l’indipendenza. Israele ha schierato nelle ultime ore rinforzi di polizia ed esercito ai principali posti di blocco con la Cisgiordania e la Striscia di Gaza e lungo i confini e le linee di armistizio con Libano, Siria e Giordania. L’intento è quello di impedire la «pressione alle frontiere» che stamani, per l’anniversario della «Naksa» – la sconfitta araba nella Guerra dei Sei Giorni (1967) e la conseguente occupazione militare israeliana –  dovrebbero attuare molte migliaia di palestinesi (non solo i profughi) e di attivisti arabi. Come per lo scorso 15 maggio, lo slogan delle manifestazioni è l’applicazione del «diritto al ritorno», ossia del rientro dei profughi alle case e ai villaggi originari (ora in territorio israeliano) da dove nel 1948 circa 750mila palestinesi vennero espulsi o fuggirono (oggi i rifugiati palestinesi ed i loro discendenti sono 5 milioni, tra quelli che vivono in campi nei paesi arabi e quelli che sono a Gaza e in Cisgiordania). Il premier israeliano Netanyahu a metà settimana ha avvertito, con parole di fuoco, che non sarà tollerato alcun tentativo di penetrazione da parte dei manifestanti e negli ultimi giorni Tel Aviv ha fatto arrivare ai governi di Libano, Siria e Giordania, ma anche all’Autorità nazionale palestinese, messaggi di ammonimento.

La tensione è molto forte e le minacce di pesanti ritorsioni hanno avuto un grande impatto a Beirut, dove le autorità militari hanno vietato la marcia dei palestinesi lungo il confine. Ai profughi e agli attivisti libanesi oggi non verrà permesso di attraversare l’area sud del fiume Litani e, stando alle notizie che arrivavano ieri dal Paese dei Cedri, i promotori dell’iniziativa al posto della marcia dovrebbero organizzare un sit-in di fronte all’ex prigione di Khiam  (usata dagli israeliani durante l’occupazione del Libano del sud tra il 1978 e il 2000) o nella città portuale di Sidone. Incerta è anche una nuova manifestazione a ridosso dei reticolati sulle Alture del Golan (siriane ma occupate da Israele), come quella dello scorso 15 maggio che vide migliaia di palestinesi passare sul versante controllato da Israele nei pressi del villaggio druso di Majdal Shams (i morti furono quattro, tre dei quali del campo palestinese di Yarmouk, a Damasco). In azione per impedire la «pressione» sul confine israeliano entreranno con ogni probabilità anche le forze di sicurezza giordane.

Fare previsioni è azzardato ma ieri sera appariva chiaro che le manifestazioni più imponenti si svolgeranno ai valichi tra Israele e i Territori occupati, in particolare a nord e a sud di Gerusalemme. «Il nostro scopo è quello di manifestare tutti assieme davanti al più disumano posto di blocco di tutta la Cisgiordania e di cercare di oltrepassarlo per dirigerci verso Gerusalemme» – spiega Majd Hamid, 23 anni, di Ramallah, tra i principali attivisti palestinesi – «Cristiani e musulmani si raduneranno a Qalandyia e pregheranno insieme per poi dare inizio ad una marcia pacifica verso Gerusalemme». A Gaza migliaia di profughi convergeranno sul valico di Erez. Per i palestinesi, specie quelli più giovani, le manifestazioni di oggi sono il naturale sviluppo del movimento del «15 marzo» per l’unità nazionale, la rifondazione dell’Olp e per una alternativa politica alle soluzioni proposte da Fatah e Hamas. Come nelle rivolte arabe di questi mesi, la voce di questo movimento palestinese è soprattutto il web (in particolare la pagina Facebook «Sawt al-Manara»), dove si trovano le principali attività dei gruppi di giovani e continui aggiornamenti sulle attività svolte e su quelle in programma.

Il fattore coagulante tra le varie componenti politiche palestinesi e tra le varie generazioni, era e rimane l’attuazione del diritto al ritorno per i profughi che Israele respinge seccamente e considera come «una minaccia alla sua esistenza» in quanto Stato ebraico. «Sappiamo che il 5 giugno non torneremo nelle nostre case – dice Khalil, 23enne, del campo profughi di Dehisha (Betlemme) – ma è l’inizio della lotta. Dobbiamo dimostrare che i palestinesi che si battono per la liberazione non sono solo i quattro milioni e mezzo di profughi. Sono quattordici milioni nel mondo intero». Nena News

http://www.nena-news.com/?p=10382

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam