Nazareth Illit: no a scuole arabe per palestinesi

0
adminSito  venerdì 18 gennaio 2013 09:51

Il sindaco della città a Nord di Israele rigetta la richiesta dell’ACRI: “Finché ci sarò io, nessuna concessione ai musulmani”. Esempio di apartheid nello Stato di Israele.

di Emma Mancini

Betlemme, 18 gennaio 2013, Nena News – No a scuole arabe a Nazareth Illit. Il divieto è firmato dal sindaco della cittadina a maggioranza ebraica, che sorge su una delle colline della città di Nazareth (considerata la capitale palestinese d’Israele). Oltre 52mila abitanti, di cui il 20% arabi, Nazareth Illit è guidata da una delle amministrazioni più estremiste del Paese.

Ieri il sindaco, Shimon Gapso – noto per le sue posizioni oltranziste anti-arabe – ha rigettato l’appello presentato dall’Associazione per i Diritti Civili in Israele che chiedeva la creazione di una scuola araba a Nazareth Illit. “Nessuna concessione alla popolazione musulmana, finché sarò io il sindaco – ha detto Gapso – Nazareth Illit è stata fondata per rendere la Galilea ebraica e io devo preservare questo status”.

La petizione era stata consegnata lo scorso 7 gennaio: nella città, dove vivono anche arabi palestinesi, di fede musulmana, sono già presenti una moschea e un cimitero islamico. “Si tratta di una petizione nazionalista e provocatoria, che intende rompere lo status quo”, ha continuato il sindaco, aggiungendo che ogni simile iniziativa futura sarà rigettata.

La richiesta era nata dalle necessità della popolazione araba, consistente minoranza a Nazareth Illit: gli studenti palestinesi non hanno scuole in cui iscriversi e sono costretti a spostarsi nelle città o nei villaggi arabi vicini. “La mancanza di scuole viola il diritto dei residenti arabi all’educazione e viola il principio di uguaglianza nell’allocazione delle risorse pubbliche e municipali – spiega l’avvocato dell’associazione israeliana firmataria, Ashraf Elias –I bambini palestinesi di Nazareth Illit sono privati di un’educazione adeguata e libera nella loro stessa città. Ciò significa che l’autorità locale e il Ministero dell’Educazione non forniscono alla comunità araba le stesse risorse di cui gode quella ebraica”.

Un’accusa a cui il sindaco Gaspo risponde per le rime: il Comune fornisce agli studenti arabi trasporti pubblici gratis verso le scuole di Nazareth e dei villaggi circostanti. Poca cosa, che non giustifica la totale mancanza di scuole per la comunità palestinese, l’ennesima forma di apartheid all’interno dello Stato di Israele.

Ma certo Gapso non è nuovo a simili boutade. Poco tempo fa, aveva fatto richiesta al Ministero degli Interni israeliano perché tagliasse i fondi al Comune della città palestinese di Nazareth e la dichiarasse ufficialmente “comunità ostile allo Stato di Israele, un covo terroristico nel cuore della Galilea che attende solo l’occasione per colpire Israele alle spalle”. Nena News

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=48005&typeb=0&Nazareth-Illit-no-a-scuole-arabe-per-palestinesi

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.