Negare agli ebrei il diritto ad uno stato è antisemita. Quindi, perché è giusto negarlo ai palestinesi? – di Dean Obeidallah

0

FORWARD.COM
Opinion | Denying Jews The Right To A State Is Anti-Semitic. So Why Is It Ok To Deny Palestinians?Why is it that politicians who deny Palestinians’ right to a state aren’t punished while those claiming Israel shouldn’t exist are anti-Semitic?

 

Sintesi personale

Se dichiari che Israele non ha il diritto di esistere, sei giustamente etichettato come antisemita. È vero, ci sono alcuni che si oppongono a questa visione, anche all’interno della comunità ebraica. Lo scrittore ebreo progressista Peter Beinart ha recentemente scritto un articolo dove ha sottolineato che “l’antisionismo non è intrinsecamente antisemita”.

In  generale, se un politico americano  o un personaggio dei media proclamasse  di non credere che Israele abbia il diritto di esistere, sarebbe soggetto ad una tempesta di critiche per essere antisemita.  Potrebbero persino perdere  il lavoro; basta chiedere a Marc Lamont Hill, che è stato licenziato dalla CNN a novembre per aver sostenuto una “Palestina libera dal fiume al mare”.

Quando si dice che non ci dovrebbe essere uno stato palestinese, tuttavia, non c’è una reazione negativa. Nessuno ti definisce bigotto per aver detto che i circa cinque milioni di cristiani e musulmani palestinesi che vivono in Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est non sono in qualche modo degni dell’autodeterminazione.

Il GOP ha dovuto affrontare reazioni negative  per la sua piattaforma del 2016 ed ha effettivamente concluso il suo sostegno alla creazione di uno stato palestinese, aggiungendo che “Rifiutiamo la falsa idea che Israele sia un occupante”? (I miei cugini che vivono in Cisgiordania devono essere felicissimi di sapere che l’occupazione è finalmente finita!)

C‘è stato qualche contraccolpo per i sapientoni politici che non hanno solo respinto uno stato palestinese, ma hanno persino negato l’umanità del popolo palestinese? L’ex senatore Rick Santorum ha dichiarato apertamente quando era in corsa per il presidente nel 2012 che “tutte le persone che vivono in Cisgiordania sono israeliane. Non sono palestinesi. Non c’è nessun palestinese.

Pensi che la CNN lo avrebbe assunto se avesse detto lo stesso sugli israeliani?Lo stesso dicasi per GOP icon e Fox News, Newt Gingrich, che ha dichiarato che i palestinesi sono un popolo “inventato”. Chiaramente, se avesse detto la stessa cosa sugli ebrei israeliani, sarebbe sbattuto come un antisemita.

Forse porre fine a questo doppio standard può aiutare  nell’introdurre una pace giusta per palestinesi e israeliani.

Ecco perché dobbiamo essere d’accordo sul fatto che se una persona nega che Israele o la Palestina hanno il diritto di esistere, dovrebbe affrontare la stessa critica.

E questa regola deve valere anche per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che continua a raddoppiare e addirittura a triplicare la sua opposizione a uno stato palestinese.

Lo abbiamo visto solo poche settimane fa, quando Netanyahu ha chiarito che sostiene l’occupazione senza fine dei palestinesi, dichiarando: “Uno stato palestinese metterebbe in pericolo la nostra esistenza”. Netanyahu ha persino attaccato i suoi avversari più moderati nelle prossime elezioni israeliane del 9 aprile,  Benny Gantz e Yair Lapiddicendo che in caso di vittoria, Prima o poi, probabilmente prima, stabiliranno uno stato palestinese. Questo non è sorprendente perché l’ultima volta che Netanyahu ha corso per la rielezione nel 2015, ha messo in chiaro che non ci sarebbe stato uno statopalestinese. E proprio di recente abbiamo appreso che Netanyahu stava facendo molto di più che denunciare pubblicamente la creazione della Palestina. Stava lavorando attivamente per minare le prospettive di uno stato palestinese, accettando  a milioni di dollari di fluire ad Hamas.

Perché il primo ministro israeliano dovrebbe permettere regolarmente che ingenti somme di denaro passino  direttamente ad Hamas dal governo del Qatar? È perché all’improvviso Netanyahu si preoccupa dei quasi due milioni di palestinesi che vivono a Gaza, dove c’è un tasso di disoccupazione del 54%   e così  avverte  la Banca Mondiale.

Ovviamente no. La logica di Netanyahu è che puntando su Hamas, manterrà separati i palestinesi della Cisgiordania e di Gaza in modo che non possano unirsi per difendere la propria nazione. In realtà, Netanyahu non nasconde nemmeno questo sentimento, affermando che “chiunque sia contro uno stato palestinese dovrebbe” permettere questo trasferimento di milioni di dollari ad Hamas.

Netanyahu è il Donald Trump del Medio Oriente. Entrambi hanno utilizzato l’odio per guadagno politico. Nel 2015, quando Netanyahu temeva di perdere la rielezione, ha gridato il giorno delle elezioni ai suoi sostenitori di destra che “gli elettori arabi si stanno dirigendo verso i seggi elettorali”. Non  diversamente da Trump  che, nel giorno delle elezioni ,fece esplodere la sua base bianca avvertendo che neri, immigrati e latini stavano votando in grande numero. E all’inizio di questa settimana, Netanyahu ci ha di nuovo dato la sua migliore imitazione di Trump quando ha usato il bigottismo anti-arabo per fare appello agli elettori conservatori. Questa volta è stato in risposta all’appello  dell’  attrice israeliano Rotem Sela su Instagram che Israele è “un paese per tutti i suoi cittadinie tutte le persone nascono uguali”, aggiungendo. Gli arabi sono anche gli esseri umani.

Beh, questo era troppo per Bibi, che ha risposto su Facebook che “Israele non è un paese per tutti i suoi cittadini”. Piuttosto, “Israele è lo stato del popolo ebraico e appartiene a loro solo”.

Come si chiama una persona che dice che un gruppo di suoi cittadini è intrinsecamente superiore agli altri?

È ora di avere uno standard comune per israeliani e palestinesi. Soprattutto quando discutiamo di questo problema qui negli Stati Uniti, dobbiamo stare attenti a applicare lo standard del bigottismo a coloro che negano agli ebrei e ai palestinesi il diritto all’autodeterminazione.

Dean Obeidallah ospita il programma radiofonico nazionale SiriusXM, “The Dean Obeidallah Show”, sul canale politico progressista della rete. È anche editorialista di The Daily Beast e collaboratore di CNN.com . Seguilo su Twitter @DeanObeidallah .

Questa storia “L’ipocrisia dell’essere contro uno stato palestinese” è stata scritta da Dean Obeidallah.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del Forward.

Read more: https://forward.com/opinion/420886/why-opposing-a-palestinian-state-is-the-equivalent-of-denying-israels/

 

Negare agli ebrei il diritto ad uno stato è antisemita. Quindi, perché è giusto negarlo ai palestinesi? – di Dean Obeidallah

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2019/03/dean-obeidallah-negare-agli-ebrei-il.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.