NEGATO L’INGRESSO IN ISRAELE A FAMOSA ATTIVISTA EBREA DEL BDS

498

 

La dirigente di Code Pink, Ariel Gold, era venuta per prendere parte a un programma di studi ebraici all’Università ebraica, ma ministri dicono che in realtà era qui per premere verso un boicottaggio del paese. 

FOTO – Ariel Gold (Eric Cortellessa / The Times of Israel)

Toy Staff, 2 luglio 2018

I funzionari israeliani domenica scorsa hanno impedito ad un’attivista ebrea filo-palestinese di entrare in Israele e hanno avviato un procedimento per espellerla per il suo sostegno al boicottaggio del paese.

Ariel Gold ha dichiarato di aver organizzato la sua visita in anticipo con le autorità israeliane, in linea con una richiesta di Gerusalemme dopo la sua ultima visita nel paese, ma è stata comunque deportata dopo essere atterrata all’aeroporto internazionale Ben-Gurion.

Gold è la co-direttrice nazionale del gruppo statunitense di attiviste di sinistra Code Pink e una sostenitrice del movimento di Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni (BDS) che cerca di isolare Israele a livello internazionale.

“Sono all’aeroporto di Tel Aviv e mi stanno deportando. Ho ricevuto in anticipo un visto per entrare nel paese ma si rifiutano di rispettarlo e ora mi stanno deportando”, ha scritto su Facebook lunedì mattina.

 

FOTO – “Sono all’aeroporto di Tel Aviv e mi stanno deportando. Ho ricevuto in anticipo un visto per entrare nel paese ma si rifiutano di rispettarlo e ora mi stanno deportando”

 

Il ministro della Pubblica sicurezza Gilad Erdan, che ha chiesto al ministro degli interni Aryeh Deri di far annullare il suo visto, ha detto che le è stato negato l’ingresso a causa del suo sostegno al movimento BDS.

“Chiunque operi per un boicottaggio di Israele e viene qui per causare danni, non entrerà nel paese”, ha scritto su Twitter.

Secondo quanto riferito, Gold sarebbe venuta in Israele con un visto per partecipare a un programma di studi ebraici all’Università ebraica di Gerusalemme. Nelle interviste ha parlato del suo desiderio di saperne di più sul giudaismo.

Tuttavia, i funzionari israeliani hanno creduto che lei in realtà fosse qui per chiedere sostegno a un boicottaggio di Israele.

Deri l’ha definita una “donna ebrea che cerca di trarre da questo un vantaggio al peggio”, ha riferito Haaretz.

Gold ha visitato Israele l’anno scorso e mentre era nel paese è stata individuata per il suo attivismo nel BDS.

FOTO – L’attivista di CodePink Ariel Gold interrompe l’ambasciatore israeliano negli Stati Uniti Ron Dermer in un evento della Democratic National Convention del 2016 (Eric Cortellessa / Times of Israel)

Prima che lasciasse il paese i funzionari le hanno detto che se voleva tornare avrebbe dovuto chiarire in anticipo con le autorità, secondo Haaretz.

 

FOTO – Attivisti israeliani e stranieri della Israeli Coalition of Women for Peace e dell’organizzazione femminista internazionale Code Pink, protestano contro il blocco israeliano della Striscia di Gaza, al valico di confine di Erez tra Israele e Gaza, nel sud di Israele, lunedì 8 giugno 2009. (AP / Tsafrir Abayov)

 

“Se non mi verrà concesso di tornare, sarò molto triste”, disse l’anno scorso al sito web di sinistra +972.

Il caso fa luce su una legge relativamente recente che consente al ministro degli interni di deportare o negare l’ingresso ai sostenitori del movimento BDS.

Tuttavia, l’eredità ebraica di Gold potrebbe comportare che con il diritto al ritorno che estende la cittadinanza israeliana agli ebrei di tutto il mondo, Gold potrebbe probabilmente venire in Israele come cittadina, ma non come visitatrice.

 

Traduzione: Simonetta Lambertini – Invictapalestina.org

Fonte: https://www.timesofisrael.com/prominent-jewish-bds-activist-denied-entry-to-israel/

 

 

NEGATO L’INGRESSO IN ISRAELE A FAMOSA ATTIVISTA EBREA DEL BDS

Negato l’ingresso in Israele a famosa attivista ebrea del BDS

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.