NETANYAHU E’ RESPONSABILE DELLE 45 MORTI DI MERON. ECCO PERCHE’: analisi di Maayan Jaffe-Hoffman

420

tratto da: https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/05/netanyahu-e-responsabile-delle-45-morti.html

Ebrei ultraortodossi accendono candele per le 45 vittime che sono state uccise in una fuga precipitosa, sulla scena del disastro fatale, sul monte Meron. 01 maggio 2021.
(credito fotografico: DAVID COHEN / FLASH 90)

– maggio 02, 2021

 Traduzione sintesi 

 

Il primo ministro Benjamin Netanyahu è responsabile della morte di 45 persone a Mount Meron giovedì notte e di migliaia di persone durante la pandemia COVID-19. a causa del suo assecondare  politicamente gli haredim (ultra-ortodossi), hanno sottolineato gli analisti al Jerusalem Post.

Circa 100.000 israeliani, per lo più ultraortodossi, hanno partecipato al raduno di Lag Ba’omer di quest’anno sul Monte Meron, nonostante il parere sfavorevole del Ministero della Salute che temeva  una recrudescenza del virus. La folla era così numerosa e indisciplinata che la polizia ha detto di non poter obbligare le persone a rispettare le  restrizioni COVID.

Secondo quanto riferito, la dimensione del raduno di massa è stata il risultato delle pressioni dei politici haredi su Netanyahu e sul ministro della Pubblica Sicurezza Amir Ohana, che hanno accettato di revocare le restrizioni. La catastrofe era prevedibile non solo perché i rapporti  degli esperti avevano avvisato del pericolo da quasi due decenni, ma anche per le  dinamiche politiche di Israele.

“Le considerazioni degli esperti vengono prese in considerazione solo fino a quando non si scontrano con considerazioni politiche”, ha sottolineato il presidente dell’Israel Democracy Institute Yohanan Plesner, un ex Kadima MK che ha cercato di  far approvare la legislazione per gli haredim nell’IDF.

Ha dichiarato al Post che, sebbene gli ultraortodossi rappresentino una minoranza della popolazione, costituiscono la forza politica più significativa, soprattutto oggi dato che Netanyahu fa affidamento su di loro per mantenerlo al potere.” Ogni volta volta che venivano fuori le loro richieste inequivocabili, la tendenza del premier  era di soccombere a loro.” Il resto dei giocatori nel sistema – agenti di polizia e altri, si sono adeguati di conseguenza.

Per essere onesti, il primo ministro non ha inventato l’idea delle istituzioni statali che capitolano ai bisogni e agli interessi degli haredim. Nella maggior parte degli ultimi 44 anni gli haredim sono stati in ogni singola coalizione, questo ha significato cambiare le priorità nazionali a loro favore, ma Netanyahu ha amplificato e perfezionato questa tendenzaIl presidente e fondatore della Shoresh Institution for Socioeconomic Research, Ben-David, ha affermato ì:

“Il premier ha scavato un buco dal quale sarà estremamente difficile uscire. Cercare di ribaltare questo stato nello stato potrebbe portare a rivolte nelle strade oggi. Un  giorno potrebbe diventare  un problema impossibile da affrontare. 

A settembre, nonostante il parere contrario del responsabile sanitario per il coronavirus Prof Ronni Gamzu, il primo ministro ha  autorizzato, per la  forte pressione esercitata dagli ortodossi, il pellegrinaggio sulla tomba del rabbino Nachman di Breslov.

Alla fine circa 30.000 pellegrini si sono recati in Ucraina e alcuni dei partecipanti si sono ammalati. La maggior parte degli haridim ha poi sfidato le restrizioni obbligatorie di quarantena, diffondendo la malattia nelle proprie comunità e poi nel resto del paese.

A ottobre il governo ha impiegato diverse settimane per approvare il piano di Gamzu perché si era capito che il modello differenziato avrebbe determinato la chiusura della maggior parte delle città haredi.  In seguito il governo ha ritirato la decisione di chiudere le città. Si è limitato quindi  ad approvare  solo  l’imposizione del coprifuoco notturni in 40 città rosse. Poi, meno di una settimana dopo, il governo ha votato per bloccare l’intero paese per almeno tre settimane, per non turbare gli ultraortodossi. Alcuni haredim hanno tenuto le loro scuole aperte, mentre il resto dei bambini del paese è stato costretto a imparare su Zoom. Complessivamente 675 haredim sono morti dall’inizio della pandemia, secondo il Ministero della Salute.

Dalla tragedia di Meron è emerso che già nel 2008, gli esperti avevano avvertito che poteva accadere un disastro ,ma le loro raccomandazioni, sono stati bloccate o nascoste dai politici. Secondo fonti del Likud, nel 2011, lo stato ha chiesto di assumere il controllo del sito per intervenire sui problemi legati alla sicurezza e gestire adeguatamente l’evento annuale di Lag Ba’omer. Ciò non è stato approvato dalle organizzazioni non profit religiose che controllavano il sito sin dall’epoca ottomana. La Corte Suprema ha emesso un’ingiunzione che ha fermato gli sforzi del governo. Entro il 2015 è stato raggiunto un compromesso che ha concesso alle organizzazioni non profit tre anni per apportare modifiche che non sono mai state apportate. Gli haredim costituiscono il 3% delle persone di età compresa tra 75 e 79 anni, il 6% tra i 50 ei 54 anni, il 13% tra i 25 ei 29 anni e il 23% dei nati negli ultimi quattro anni.

Con le loro scuole che rifiutano di insegnare il curriculum di base, gli analisti suggeriscono che i bambini haredi non avranno le conoscenze e le capacità per affrontare la società moderna, influenzando la capacità di Israele di competere in un’economia globale. Gli esperti della Banca d’Israele e del Ministero delle Finanze hanno appena iniziato a mettere su carta queste previsioni perché finora sono stati intimiditi dai politici. Nonostante ciò i  leader israeliani continuano a chiudere un occhio.

Le possibilità di Netanyahu di formare una coalizione stanno rapidamente diminuendo. Non ha alcuna speranza di creare un governo senza gli haredim, quindi è disposto a ipotecare il futuro di Israele per convenienza politica a breve termine. Potrebbe funzionare politicamente per Netanyahu, ma non funziona per lo Stato di Israele. Certamente non ha funzionato per i 45 haredim che hanno perso la vita giovedì sera.

JPOST.COM

Netanyahu is responsible for the 45 Meron deaths. Here is why – analysis

 

 

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2021/05/netanyahu-e-responsabile-delle-45-morti.html

 

 

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.