Netanyahu, via libera a 538 case per coloni Itamar

Il premier israeliano aveva detto appena due giorni fa che la colonizzazione andra’ avanti. Oggi la notizia dell’ennesimo progetto di espansione di un insediamento colonico.

adminSito

 giovedì 13 giugno 2013 11:38

APTOPIX Mideast Israel Palestinians

della redazione 

Gerusalemme, 13 giugno 2013, Nena News – Il quotidiano Haaretz riferisce che il governo del premier israeliano Netanyahu intende autorizzare la costruzione di 538 alloggi nella colonia di Itamar, nella Cisgiordania occupata. E starebbe valutando anche la possibilità di costruire altri 530 appartamenti nella colonia di Brunchin. Progetti che si aggiungono al via libera dato a fine maggio alla realizzazione di un migliaio di alloggi nelle colonie di Gilo e Ramot, nella zona araba di Gerusalemme, sotto occupazione dal 1967.

Una colata di cemento che rappresenta la risposta di Netanyahu alla condizione posta dal presidente palestinese Mahmud Abbas per ritornare al negoziato, lo stop dell’espansione degli insediamenti colonici. Abbas ripete che e’ impossibile riaprire la trattativa mentre Israele espande la sua colonizzazione sui territori del futuro Stato di Palestina. Il governo israeliano non sente ragioni e insiste nel voler continuare la sua politica che, peraltro, viola apertamente le leggi internazionali. La colonia di Itamar peraltro si triva a ridosso di Nablus, la piu’ grande delle citta’ palestinesi in Cisgiordania.

Nei mesi scorsi si ipotizzava una moratoria parziale, non annunciata, di Israele sulle nuove costruzioni, per favorire il tentativo del Segretario di Stato americano John Kerry di “rilanciare il negoziato di pace”. Tuttavia Netanyahu in varie occasioni ha ribadito il suo rifiuto delle “precondizioni” palestinesi. Lasciando aperto solo un piccolo spiraglio. «Le costruzioni vanno avanti ma dobbiamo essere consapevoli di ciò che accade intorno a noi», ha detto due giorni fa.

Perde percio’ slancio l’iniziativa diplomatica di Kerry che avrebbe dovuto far ritorno nella regione questa settimana ma ha rinviato la sua missione. Ufficialmente per l’aggravarsi della crisi siriana, dietro le quinte invece si dice che il Segretario di stato ha preferito il rinvio per non rischiare un imbarazzante fallimento. E qualche giorno fa una fonte del Dipartimento di stato ha detto all’agenzia Reuters che se israeliani e palestinesi non si mostreranno seri, Kerry si farà da parte. Nena News

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=77980&typeb=0&Netanyahu-via-libera-a-538-case-per-coloni-Itamar

gaza

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam