Netanyahu: Votatemi e non toccherò le colonie

0
adminSito   venerdì 18 gennaio 2013 11:55
Il premier israeliano Netanyahu (Foto: Reuters)

Il premier, in testa nei sondaggi, gioca l’ultima carta: “Non smantellerò nessun insediamento illegale”. USA e UE preoccupati da formazione di un governo di estrema destra.

dalla redazione

Betlemme, 18 gennaio 2013, Nena News – A quattro giorni dalle elezioni israeliane, Netanyahu è in testa nei sondaggi. Ma si gioca comunque le ultime carte a disposizioni, promesse elettorali che infiammino la destra e che gli garantiscano una maggioranza solida:oggi il premier in carica ha detto che nel caso di rielezione non smantellerà neanche uno degli insediamenti illegali israeliani in Cisgiordania.

In un’intervista rilasciata al quotidiano Maariv, Netanyahu si è solennemente impegnato a non toccare le colonie considerate illegali anche dalla legge israeliana: “I giorni in cui i bulldozer cacciavano gli ebrei sono ormai il passato. Lo dimostrano le nostre politiche: non abbiamo evacuato nessuna colonia, anzi, le abbiamo estese. Nessuno può darmi lezioni sull’amore per la Terra di Israele o sulla fede che nutro per il sionismo”.

Una battuta riservata al partito dei coloni, Jewish Home, che in campagna elettorale mira a sfilare seggi al Likud e al centro-destra per assicurarsi un posto alla Knesset. Oggi sono stati resi noti due nuovi sondaggi che danno in testa la coalizione Likud-Beitenu, guidata dal premier Netanyahu e dal ministro degli Esteri Lieberman. Secondo le indagini dei quotidiani israeliani Ha’aretz Yedioth Ahronothla coalizione di centro-destra otterrebbe 32 seggi, la maggioranza relativa. Ma è in calo: alle precedenti elezioni i due partiti – che correvano da soli – avevano ottenuto dieci seggi in più.

Un risultato che costringerebbe il premier a formare una coalizione molto più ampia, che potrebbe virare verso l’estrema destra o preferire il centro moderato. Secondo alcuni osservatori, Netanyahu sarebbe più propenso ad optare per i piccoli partiti estremisti religiosi, come Jewish Home, Shas e United Torah Judaism. Una simile scelta però provocherà la reazione internazionale e pressioni politiche da parte europea e statunitense che temono che un governo di estrema destra blocchi definitivamente il processo di pace con la controparte palestinese.

Sicuramente a favorire il premier c’è anche l’assenza di una sinistra forte, incapace di unirsi in un’unica coalizione di opposizione e di presentare al Paese un programma serio. Un gap che si allarga se si pensa alle reali preoccupazioni dell’elettorato israeliano: secondo un sondaggio di Ha’aretz, il 47% degli israeliani ritiene le questioni sociali ed economiche il tema centrale, contro il 10% che si dice preoccupato dalla minaccia iraniana.

Le proiezioni sono impietose: il partito Laburista, secondo i sondaggi, arriverebbe a 17 seggi, contro gli otto seggi del partito dell’ex ministro degli Esteri, Livni, e i tredici di Yesh Atid. Nena News

 

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=48023&typeb=0&Netanyahu-Votatemi-e-non-tocchero-le-colonie

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.