NIENTE. NON SI RIESCE A DIRE NIENTE. – Altri 9 bambini siriani muoiono di freddo / FOTO

sabato 14 dicembre 2013

immagine1

Migliaia di fronte alla morte imminente a causa della mancanza di accesso alle necessità di base durante la guerra civile

Altri nove bambini, di cui 4 neonati, sono morti per il freddo, la Rete siriana per i diritti umani ha annunciato venerdì.
I medici della regione avvertono che il peggioramento delle condizioni meteorologiche potrebbe portare a più morti, dato che la mancanza di accesso ai beni di prima necessità ha lasciato migliaia di fronte alla morte imminente. L’opposizione siriana ha emesso un appello urgente di aiuto alle istituzioni internazionali.
La nazione mediorientale sfida il freddo invernale per la terza volta durante la guerra civile iniziata nel marzo 2011.
Più di 100.000 persone sono state uccise in più di tre anni di conflitto in Siria e oltre due milioni di siriani sono ora registrati come rifugiati nei paesi vicini, Turchia, Libano e Iraq, secondo le Nazioni Unite.

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

……………………………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.worldbulletin.net/?aType=haber&ArticleID=124890

9 more Syrian children die from cold / PHOTO

Updating: 13:34, 13 December 2013 Friday

IMMAGINE2(File Photo)

Thousands face imminent death due to lack of access to basic necessities during the civil war.

World Bulletin / News Desk 

Nine more children including 4 newborn babies died from the cold, the Syrian Network for Human Rights announced Friday.

Doctors in the region warn that worsening weather conditions could lead to more deaths as the lack of access to basic necessities has left thousands facing imminent death. The Syrian opposition issued an urgent call for help to international institutions.

The Middle Eastern nation braves the wintry cold for a third time during the civil war which began in March 2011.

More than 100,000 people have been killed in the more than three-year old conflict in Syria and over two million Syrians are now registered as refugees in neighboring countries, Turkey. Lebanon and Iraq, according to the UN.

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam