“NON ABBIAMO PAURA DI TE, MIKE”: gli attivisti reagiscono alla mossa di Pompeo contro i gruppi pro-BDS

0
206

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/40891

Il Segretario di Stato Mike Pompeo ha definito antisemita qualsiasi gruppo che sostenga il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni guidato dai palestinesi

Fonte: English Version

Sheren Khalel -19 novembre 2020 

Immagine di copertina: Palestinesi manifestano vicino all’insediamento israeliano di Psagot contro la visita di Mike Pompeo il 18 novembre (AFP / File foto)

I sostenitori della Palestina e dei diritti umani hanno condannato l’annuncio politico del Segretario di Stato americano Mike Pompeo contro i gruppi affiliati alla campagna Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS).

Pompeo ha detto giovedì che gli Stati Uniti considerano ufficialmente il movimento BDS antisemita e intendono tagliare qualsiasi finanziamento governativo a gruppi che hanno espresso sostegno alla campagna,  che esorta individui, aziende e paesi a ritenere Israele responsabile  di violazioni dei diritti umani.

Secondo il J Street’s November National Jewish Survey,  il 22% degli ebrei americani sotto i 40 anni sostiene il movimento BDS, così come diversi membri del Congresso.

Secondo  il nuovo ordine di Pompeo, sostanzialmente tutti i gruppi che difendono i diritti dei palestinesi negli Stati Uniti, come Students for Justice in Palestine; Jewish Voice for Peace (JVP); Code Pink; US Palestinian Community Network (USPCN); US Campaign for Palestinian Rights (USCPR); l’International Solidarity Movement (ISM) e molti altri saranno etichettati come antisemiti.

 ‘Sono stato deportato da Israele nel 2018, in seguito al divieto di ingresso in quel Paese agli attivisti del BDS, e mi vergogno di vedere il mio stesso Paese seguire oggi le orme di Israele nella repressione della libertà di parola’ – Ariel Gold, co-direttore nazionale di CodePink

“Questo è l’ultimo sussulto di un regime morente”, ha detto a Middle East Eye Hatem Abudayyeh, il presidente nazionale dell’USPCN.

Sebbene l’USPCN non riceva alcun finanziamento governativo, sarà ufficialmente designato come antisemita a causa della sua posizione critica nei confronti delle violazioni dei diritti umani da parte di Israele.

“Credo che la questione principale per noi sia la criminalizzazione e la delegittimazione del nostro movimento”, ha detto Abudayyeh, avvertendo che la nuova politica rischia di influenzare gravemente la  possibilità dei giovani attivisti nei campus universitari di esprimere liberamente il loro sostegno ai diritti dei palestinesi.

Conl’amministrazione Trump che utilizza la controversa definizione di antisemitismo stabilita dall’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA), qualsiasi gruppo che critica Israele senza allo stesso tempo criticare altri Paesi che violano i diritti, ricadrà nella categoria di antisemita.

La definizione dell’IHRA è stata condannata da dozzine di gruppi ebraici in tutto il mondo e da centinaia di eminenti studiosi ebrei e israeliani.

‘Un ultimo tentativo’

Oltre a prendere di mira i gruppi che sostengono il BDS, Pompeo ha anche annunciato che i prodotti realizzati negli insediamenti israeliani, considerati illegali dalla maggior parte degli organismi mondiali, saranno ora etichettati come “Made in Israel” invece della decennale norma statunitense che imponeva la dicitura “Made in Cisgiordania ” rendendo più difficile per i consumatori boicottare le merci degli insediamenti israeliani.

Mentre l’amministrazione Trump ha solo due mesi prima che il presidente eletto Joe Biden entri in carica , Abudayyeh si è detto scettico sul fatto che la nuova amministrazione democratica ribalti entrambe le misure, data la chiara posizione pro-Israele di Biden.

“Pompeo e Trump stanno cercando di stabilire ‘cambiamenti  sul campo’ per la prossima amministrazione”, ha detto.

“Sì, [Biden] ha parlato di revocare la decisione di tagliare i finanziamenti all’UNRWA”, ha continuato, riferendosi alla decisione dell’amministrazione Trump del 2018 di tagliare gli aiuti all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. “Ma non ha parlato di revocare la decisione sul trasferimento dell’ambasciata americana a Gerusalemme. Lui e Harris sono chiaramente grandi fan di Israele”.

Ahmad Abuznaid, direttore esecutivo dell’USCPR, ha detto a MEE che l’annuncio è stata l’ultima spinta dell’amministrazione Trump  nello  stabilire il  sostegno degli Stati Uniti a Israele.

“È un ultimo tentativo da parte di Pompeo e di Trump di distruggere ciò che possono  a sfavore dei palestinesi e sostenere ciò che possono  a favore degli israeliani. I loro giorni sono contati, e penso che queste siano mosse disperate  di fine amministrazione “, ha detto Abuznaid.

“Il Dipartimento di Stato e Israele stanno procedendo con i piani di annessione,  cancellando i confini tra insediamenti e non insediamenti”, ha aggiunto, avvertendo che la mossa potrebbe ancora ritorcersi contro di essi.

“Stanno  rendendo sempre più chiaro alla gente che in realtà ciò che è  in gioco è un sistema di apartheid colonialista che cerca di occupare la massima estensione di  terra palestinese con  il minor numero di palestinesi e minimi diritti “, ha detto.

Jamil Dakwar, direttore del Programma per i diritti umani dell’ACLU, ha avvertito che è “pericoloso armare la lotta contro l’antisemitismo per fini politici” e per “ambizioni politiche personali”.

“Identificando la critica a Israele o al sionismo con l’antisemitismo, Pompeo mira a sopprimere e  indebolire la legittima difesa a sostegno dei diritti umani palestinesi”, ha twittato Dakwar.

L’annuncio anti-BDS di Pompeo segue una legge approvata da Israele nel 2018 che blocca l’ingresso nel Paese di chiunque  aderisca al movimento.

Ariel Gold, il co-direttore nazionale di CodePink, un gruppo contro la guerra con sede negli Stati Uniti, in quell’anno è stato deportato da Israele in seguito all’approvazione della legge.

In una dichiarazione inviata per e-mail, ha criticato l’amministrazione Trump per aver assunto una posizione simile.

“È particolarmente spaventoso per me come ebreo americano e come qualcuno che si impegna a porre fine alle violazioni dei diritti dei palestinesi da parte di Israele”, ha detto Gold. ‘Sono stato deportato da Israele nel 2018, in seguito al divieto di ingresso in quel Paese agli attivisti del BDS, e mi vergogno di vedere il mio stesso Paese seguire oggi le orme di Israele nella  repressione della libertà di parola’.

Sari Bashi, avvocato per i diritti umani e co-fondatore di Gisha, una ONG israeliana per i diritti umani, ha definito la mossa di Pompeo un “insulto all’eredità delle donne e degli uomini coraggiosi che nel corso della storia hanno dato la vita per combattere l’antisemitismo”.

“I sostenitori del BDS si oppongono al governo israeliano perché opprime i palestinesi. Non perché è gestito da ebrei”, ha detto in un post su Twitter.

 

“Le persone che sostengono  la discriminazione verso i palestinesi non dovrebbero essere affidabili per determinare cosa costituisce  la discriminazione contro gli ebrei”, ha detto Peter Beinart, un attivista e commentatore politico ebreo.

Nel frattempo, altri attivisti hanno espresso la preoccupazione che gruppi per i diritti umani più grandi e più affermati tra cui Human Rights Watch (HRW), Amnesty International, Oxfam e altri che hanno criticato le violazioni dei diritti di Israele possano essere presi di mira con l’etichetta antisemita.

I gruppi promettono di continuare a lavorare sui diritti umani

HRW, che è già stato preso di mira in Israele, Venezuela e Iran, si è espresso contro la mossa di Pompeo, che a suo avviso è contraria alle norme sulla libertà di parola degli Stati Uniti.

“Gli americani hanno una lunga storia di sostegno a boicottaggi pacifici per promuovere la giustizia sociale e i diritti umani, come il boicottaggio dei diritti civili nel Mississippi o quelli contro l’apartheid in Sud Africa”, ha detto Eric Goldstein, direttore della divisione Medio Oriente e Nord Africa di HRW. in una sua dichiarazione giovedì.

“L’amministrazione Trump non ha  diritto di attaccare i gruppi perché appoggiano i boicottaggi”, ha detto.

L’anno scorso, Israele ha deportato il direttore di HRW, Omar Shakir, e in ottobre ha smesso di concedere  visti ai dipendenti dell’agenzia per i diritti umani delle Nazioni Unite, costringendo di fatto lo staff dell’organizzazione  a lasciare.

Amnesty International USA, in una lunga dichiarazione sul suo sito web, ha condannato l’annuncio di Pompeo definendolo una minaccia alla libertà di espressione e al lavoro sui diritti umani.

“L’amministrazione statunitense sta seguendo l’approccio del governo israeliano utilizzando false e politicamente motivate accuse di antisemitismo per danneggiare attivisti pacifici, compresi i difensori dei diritti umani, e proteggere dalla responsabilità i responsabili di azioni illegali che danneggiano le persone in Israele, nei Territori palestinesi occupati, e qui a casa “, ha detto giovedì Bob Goodfellow, direttore esecutivo ad interim di Amnesty International USA, in una sua dichiarazione.

“Il processo risulta particolarmente ipocrita e ingannevole provenendo da un’amministrazione che ha incoraggiato neonazisti, suprematisti bianchi e altri gruppi che sostengono la violenza e la discriminazione, mostrato un insensibile disprezzo per il diritto internazionale e favorito le politiche israeliane che sfociano nella discriminazione istituzionalizzata e in  violazioni sistematiche dei diritti umani contro milioni di palestinesi “, ha detto Goodfellow.

Ha anche avvertito che la politica “danneggia il popolo ebraico equiparando Israele al giudaismo e paragonando le critiche alle politiche e pratiche del governo israeliano all’antisemitismo”.

Tuttavia, Amnesty ha promesso di non consentire alla nuova politica di influenzare il suo lavoro sui diritti umani, affermando che il gruppo “continuerà a sostenere i nostri colleghi israeliani e palestinesi, compresi gli attivisti del BDS, che come i difensori dei diritti umani in tutto il mondo, parlano quando la giustizia, la libertà, la verità e la dignità sono negate “.

Jewish Voice for Peace si è anche impegnata a continuare il suo lavoro a favore del BDS, nonostante questa nuova minaccia.

“Siamo orgogliosamente ebrei, orgogliosamente antisionisti e orgogliosamente pro-BDS”, ha detto il gruppo su Twitter. “Facciamo parte del movimento per i diritti dei palestinesi perché TUTTE le persone dovrebbero vivere in libertà e con giustizia. Il BDS è uno strumento potente nel lavoro per i diritti dei palestinesi. Non abbiamo paura di te, Mike”.

Da parte sua, il Comitato nazionale BDS ha accusato il governo degli Stati Uniti di “revisione fraudolenta della definizione di antisemitismo”.

“La fanatica alleanza Trump-Netanyahu sta intenzionalmente equiparando l’opposizione al regime israeliano di occupazione, colonizzazione e apartheid contro i palestinesi e il suo esercitare  pressioni non violente per porre fine a questo regime, con il razzismo antiebraico, al fine di sopprimere la difesa dei diritti dei palestinesi secondo il diritto internazionale “, ha detto il gruppo.

“Il BDS ha costantemente e categoricamente rifiutato tutte le forme di razzismo, incluso il razzismo antiebraico, per una questione di principio”.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

 

“Non abbiamo paura di te, Mike”: gli attivisti reagiscono alla mossa di Pompeo contro i gruppi pro-BDS

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.