NON E’ TEMPO PER LA VERITA’ SU FEIVEL POLKES E SUI SUOI CAPI DELL’HAGANAH?

0
319

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/41989

04/03/2021

Perché un ebreo dovrebbe voler aiutare le SS, dopo la brutalità nazista e l’umiliazione degli ebrei tedeschi, dopo le leggi di Norimberga, e quant’altro?

Fonte: english version

Stanley Heller – 25 febbraio 2021

Immagine di copertina: Eichmann durante il suo processo

Il 4 febbraio 1937 un giovane di nome David Frankfurter assassinò il capo del movimento nazista in Svizzera. Il nazista si chiamava Wilhelm Gustloff. I nazisti tedeschi lo piansero come un martire. Frankfurter consegnò alla polizia svizzera e disse di aver agito da solo per vendicare le umiliazioni inflitte agli ebrei dai nazisti. I nazisti tedeschi non ci credevano e pensavano che fosse un agente di qualche gruppo. Erano ansiosi di trovare il presunto gruppo per neutralizzarlo prima che potesse uccidere altri leader nazisti, forse persino Hitler.

Come parte delle loro indagini quell’anno parlarono con un agente dell’Haganah, la formazione paramilitare ebraica nella Palestina britannica. Si chiamava Feivel Polkes. Promise di aiutarli a scoprire l’organizzazione dietro l’uccisione di Gustloff e si offrì di aiutare la Germania nazista in altri modi. Le discussioni continuarono e alla fine Polkes portò nella Palestina britannica nientemeno che l’SS-Untersturmführer Adolf Eichmann per continuare la cooperazione.

Se qualcuno lo mettesse in un romanzo sarebbe ridicolizzato, ma è tutto vero. Perché un ebreo dovrebbe voler aiutare le SS, dopo la brutalità nazista e l’umiliazione degli ebrei tedeschi, dopo le leggi di Norimberga, e quant’altro? Sappiamo della vicenda principalmente da due documenti, uno è stato recuperato dagli alleati negli archivi nazisti dopo la seconda guerra mondiale, l’altro un rapporto di Eichmann e del suo capo sul loro viaggio in Palestina. Entrambi sono inclusi nel libro “51 Documents” dello storico Lenni Brenner, pp.111-120. Il coinvolgimento di Polkes è esaminato in dettaglio da Francis Nicosia, l’illustre professore di studi sull’Olocausto presso l’Università del Vermont Raul Hilberg nei libri che ha scritto, “The Third Reich and the Palestine Question” (Il Terzo Reich e la Questione Palestinese – 1985) e “Sionism and Anti-Semitism in Nazi  Germania”(Sionismo e Antisemitismo nella Germania Nazista – 2008).

Secondo il “rapporto segreto sul commando” del giugno 1937 steso da Franz-Albert Six, Polkes era stato raccomandato al Sicherheits Dienst (Servizio di Sicurezza – SD), il servizio informazioni e spionaggio delle SS, dal Dr. Franz Reichart del’Ufficio Stampa Tedesco in Palestina come qualcuno “che era a conoscenza di tutte le questioni importanti che si presentano negli ambienti ebraici”. Il rapporto segreto presupponeva che Polkes fosse “una figura centrale nel servizio di spionaggio ebraico, Haganah”. Descrive un incontro che ebbe luogo alla fine di febbraio o all’inizio di marzo 1937 a Berlino.

L’interrogatorio dell’SD con Polkes è stato condotto da Adolf Eichmann e registrato da Six, che era il suo capo. (Fonti; Brenner e Nicosia, “The Third Reich”, Capitolo Abteilung II / 112 e Palestina) Polkes disse a Eichmann che lui e l’Haganah volevano creare una maggioranza ebraica in Palestina ed era pronto a “servire” la Germania finché non è in conflitto con il suo principale obiettivo politico. “Ha fatto sapere che conosceva gli uomini e il retroscena dell’omicidio Gustloff.” Si offrì anche di cercare di ottenere per la Germania fonti petrolifere in Medio Oriente.

Fermiamoci qui per un secondo. Se siete stupiti che un uomo dell’Haganah o qualsiasi funzionario ebreo si incontrasse con i nazisti tedeschi, rendetevi conto che era stata la politica sionista dal 1933. Quando Hitler prese il controllo della Germania nel gennaio di quell’anno la maggior parte delle organizzazioni ebraiche cercarono di lanciare l’allarme pensando a come reagire, come lanciare un boicottaggio delle merci tedesche. I sionisti (allora guidati dai leader di quello che in seguito divenne il Partito Laburista) la pensavano diversamente. Presumevano che l’opposizione a Hitler fosse inutile e la cosa migliore da fare era cercare di portare alcuni ebrei tedeschi con le loro ricchezze nella Palestina britannica. Fecero il cosiddetto “Accordo di Trasferimento” nel 1933 con la Germania nazista per vendere merci tedesche, finanziate da depositi bancari congelati di ricchi ebrei tedeschi. In questo modo quegli ebrei potevano entrare in Palestina con più denaro che se fossero fuggiti. L’accordo continuò fino al dicembre 1939. Quindi gli incontri Polkes-Eichmann facevano parte dello schema dei contatti nazi-sionisti.

Il dipartimento ebraico dell’SD nazista era alla disperata ricerca di ciò che credevano essere “numerose minacce di omicidio e piani concomitanti dell’Alleanza Israelita Universale di Parigi, contro il Führer” e ha pensato che fosse “assolutamente urgente trovare contatti per scoprire gli organizzatori.” L’Alleanza Israelita Universale era un gruppo istituito a Parigi nel 1860 per difendere i diritti degli ebrei e fornire istruzione. Esiste ancora oggi. Non riesco a trovare alcun resoconto delle sue attività in Germania o contro i nazisti (di cui oggi sarebbe giustamente orgoglioso). Ma, naturalmente, i nazisti immaginavano cospirazioni ebraiche ovunque. Il rapporto di Six proponeva che Polkes fosse arruolato come “informatore fisso”, che 1.000 Reichmark (marchi nazisti) fossero assegnati per fornire a Polkes pagamenti regolari e che Adolf Eichmann fosse il suo contatto. Polkes aveva chiesto di incontrare Eichmann in Palestina e Six acconsentì.

Il rapporto nazista sull’incontro di Berlino elenca quattro obiettivi per ulteriori contatti con Polkes. Il primo era quello di scoprire di più sull’omicidio di Gustloff, il secondo era quello di saperne di più sui piani della “comunità ebraica internazionale”, in particolare le organizzazioni e i gruppi di boicottaggio americani che i nazisti ritenevano stessero pianificando omicidi, il terzo era quello di conoscere le cospirazioni “contro il Fuhrer”. Quello che chiamavano “opera di colonizzazione ebraica” in Palestina era elencato come il quarto interesse. I nazisti temevano che se fosse stato proclamato uno stato ebraico “sarebbe sorto un nuovo oppositore politico della Germania”.

Come scrisse lo storico Frances Nicosia nel 1985 (“The Third Reich”, II-112), l’unità di spionaggio nazista, “era più interessata a ottenere informazioni su omicidi e presunte cospirazioni in Germania e in Europa che ad assicurarsi un quadro accurato della situazione in Palestina.” Evidentemente i nazisti avevano grandi speranze di ricevere informazioni da Polkes. Dopotutto Eichmann avrebbe dovuto viaggiare per sette giorni e 6.500 chilometri per arrivare ad Haifa.

La volta successiva che sentiamo parlare di Polkes è dopo che Eichmann e Herbert Hagen (un altro futuro terrorista) sono sbarcati da una nave ad Haifa per incontrarlo il 2 ottobre 1937. La loro “copertura” era quella di giornalisti tedeschi. Polkes li accompagnò in giro per Haifa, ma evidentemente gli inglesi hanno scoperto chi erano veramente questi “giornalisti” e li hanno espulsi al Cairo. Polkes li seguì. Il rapporto Eichmann-Hagen sul loro incontro (pubblicato in 5 volumi “Olocausto” di John Mendelsohn e in “51 Documents” di Brenner) dice che si sono incontrati con “l’informatore Polkes” il 10 e l’11. Lì Polkes parla di quella che dice essere la strategia sionista di accettare una parte della Palestina ed espandere i confini in seguito. Ha detto che “nei circoli nazionalisti ebraici la gente era molto soddisfatta della politica tedesca radicale, poiché la forza della popolazione ebraica in Palestina sarebbe, fino ad allora, aumentata”. Ha detto ai tedeschi che il gruppo dietro l’assassinio di Gustloff “dovrebbe essere cercato nei circoli anarchici” e ha indicato le strade di Parigi come il luogo dove potrebbero essere trovati. Ha promesso di ottenere informazioni sull’Alleanza Israelita Universale e l’uccisione di Gustloff “in 14 giorni”. Quando gli fu detto degli ebrei arrestati ad Amburgo che contrabbandavano armi in Palestina, iniziò dal nome “Schalomi” e chiese cosa volessero per il suo rilascio. Gli dissero che volevano una spiegazione completa dell’omicidio di Gustloff sul quale concordava.

Polkes propose un piano per far emigrare in Palestina 50.000 ebrei con l’equivalente di 50.000 sterline britanniche e discusse i possibili mezzi di finanziamento con la vendita di merci. Il rapporto Eichmann-Hagen afferma che Polkes ha fornito loro questa informazione politica sui possibili oppositori: “Il Congresso Pan-Islamico Mondiale che si riunisce a Berlino, secondo Polkes, è in contatto diretto con due leader arabi filo-sovietici, Emir Shekib Arslan e Emir Adil Arslan”, e “l’emittente illegale comunista la cui trasmissione in Germania è particolarmente ampia, è, secondo la dichiarazione di Polkes, allestita su un camion che viaggia lungo il confine tedesco-lussemburghese quando la trasmissione è in onda.”

Lenni Brenner ha cercato di saperne di più su Feivel Polkes. In “51 Documents” (p.111) scrive: “Nel 1982, ho incontrato Yoav Gelber, uno studioso del Memoriale dell’Olocausto Yad Vashem di Gerusalemme. Ho chiesto cosa sapeva di Polkes: “Gli archivi dell’Haganah si rifiutano di farmi vedere il suo fascicolo”. Il 3 ottobre sono andato lì e ho chiesto al custode Chaim Zamir di vedere il fascicolo: “Non c’è alcun fascicolo”. Ma Yoav Gelber dice  che non gli avrebbero permesso di vederlo. “Non c’è nessun fascicolo perché sarebbe troppo imbarazzante”.

Adolf Eichmann fu catturato dagli israeliani in Argentina nel 1960 e processato e giustiziato nel 1962. I giornali scrissero che Eichmann era stato in Medio Oriente nel 1937. Nel suo libro del 2008 Nicosia scrive che nel 1963 Feivel Polkes fu interpellato da qualcuno che lavorava per gli archivi dell’Haganah. Polkes ha detto che il suo lavoro con Reichert è stato autorizzato dall’Haganah. Tuttavia, in un’altro incontro quel mese, l’agente dell’Haganah Shaul Avigur disse che il viaggio a Berlino era un’idea di Polkes e che i vertici dell’Haganah come ritorsione per ciò che aveva fatto e lo hanno congedato. (fonte: Francis Nicosia, “Zionism and Anti-Semitism in Nazi Germany”, p.126).

Quindi ci sono (almeno) tre modi per guardare a tutto questo. Possiamo dire che non era niente, spia contro spia, entrambe le parti hanno mentito. E proseguiamo perché non è nulla. O forse Avigur ha ragione, quando afferma che Polkes ha esagerato nell’attuare la cooperazione sionista con i nazisti e collaborare con l’SD è stata una sua idea. O forse Chaim Zamir di Yad Vashem conosceva la verità. È successo qualcosa di molto imbarazzante, così imbarazzante che il fascicolo Polkes doveva sparire.

Cosa sarebbe così imbarazzante? Beh, potrebbe essere che l’offerta di Polkes di collaborare fosse veramente una proposta dell’Haganah. Alcune cose che Polkes ha riferito a Franz Reichart, l’agente tedesco in Palestina, devono essere verificate. Altrimenti Reichart non lo avrebbe raccomandato all’SD. Forse ciò che Polkes comunicò a Eichmann erano informazioni utili, come l’ubicazione dei circoli anarchici a Parigi, i nomi dei due “leader arabi filo-sovietici” alla conferenza di Berlino o il modo in cui i comunisti diffondevano trasmissioni radiofoniche in Germania dal confine con il Lussemburgo. Forse ha dato loro molto di più.

Sono passati 84 anni dall’omicidio di Gustloff e dagli incontri dei nazisti con Polkes. Sicuramente chiunque vi sia collegato è morto da tempo e qualsiasi preoccupazione di “sicurezza nazionale” è da tempo svanita. È tempo che i sionisti e lo Stato israeliano (le cui forze armate sono le eredi dell’Haganah) spieghino appieno questo incidente, qualcosa che a tutti gli effetti sembra una collaborazione con i nazisti tedeschi.

I fascicoli di Polkes e altre informazioni rilevanti sui contatti tra sionisti e nazisti dovrebbero essere consultabili pubblicamente. Gli storici dovrebbero cercare le risposte a queste domande:

Qual era l’argomento dei colloqui che Polkes ebbe con Reichert prima di andare a Berlino? Chi era Feivel Polkes? Quanto in alto era nell’Haganah? Cosa riferì Polkes sui suoi colloqui a Berlino nel 1937? Se ha fatto rapporto e l’Haganah era insoddisfatto di lui, perché non ha annullato la visita di Eichmann in ottobre in Palestina? Quanto erano preziose le informazioni che Polkes ha fornito ai nazisti in ottobre? Cosa ha riferito Polkes dopo aver incontrato Eichmann e Hagen al Cairo? È stato espulso dall’Haganah, e quando? Polkes ha fornito informazioni su persone o gruppi che pianificavano l’assassinio di nazisti? Per quanto tempo i contatti sono continuati dopo la riunione del Cairo? Quando si sono interrotti e perché? Se il fascicolo di Polkes è stato distrutto, chi ne ha ordinato la distruzione?

È tempo per la verità.

Stanley Heller è amministratore di Promoting Enduring Peace e conduttore della rivista televisiva “The Struggle”. È autore di “Sionist Betrayal of Jewish: From Herzl to Netanyahu” e ospita il programma televisivo “TheStruggle”. Vedi https://thestrugglevideo.org Contattalo: mail@thestruggle.org

 

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

Non è tempo per la verità su Feivel Polkes e sui suoi capi dell’Haganah?

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.