“NON HO TROVATO LA NOSTRA CASA, C’ERA SOLO UN ENORME BUCO”, I BAMBINI DI SAWARKAH PARLANO DI UN MASSACRO A CUI SONO SOPRAVVISSUTI

0

tratto da: rete Italiana ISM

http://qudsnen.co/
16 novembre 2019

Gaza (QNN) – Alcuni bambini sopravvissuti al massacro in cui un bombardamento israeliano ha ucciso 8 membri della famiglia “Sawarkah” di Abu Malhous, tra cui cinque bambini e due donne, hanno parlato di quello che è successo a loro giovedì scorso.

Quella notte, Noor Sawarkah (12 anni) non è riuscita a dormire. Era spaventata nel sentire i droni israeliani che sorvolavano la zona.

Non riuscivo a dormire quella notte. Avevo paura dei suoni dei droni israeliani”, ha detto Noor, che ora vive con sua nonna e che era in visita dai suoi fratelli feriti.

Noor afferma anche che la sua famiglia viveva in una stanza di plastica nella loro baraccopoli. Stavano dormendo quando Noor ha visto una luce rossa e ha sentito una forte esplosione.

Mi sono precipitata fuori di casa e non sono riuscita a svegliare la mia famiglia. Ero in un terreno vicino alla casa, tremando e piangendo”, ha detto Noor. Quando le esplosioni si sono fermate, Noor è tornata a casa sua e vide ciò che la fece sbalordire.

Non ho trovato la casa ma c’era solo un enorme buco mentre tutto veniva lanciato qua e là e la mia famiglia era sepolta nella sabbia”, ha detto Noor.

Altri membri della famiglia di Noor sono sopravvissuti al massacro israeliano. Un fratello di Noor, Nermin (10 anni) ha le gambe rotte, Reem (8 anni) ha il naso rotto e Salem (3 anni) ha il bacino fratturato. Anche suo padre Muhammad (40 anni) è sopravvissuto ma è ancora in terapia intensiva. La madre di Noor, Yusra (39 anni) e i suoi fratelli Muath (7 anni) e waseem (13 anni) sono stati uccisi dalle bombe.

Noor adesso ha solo la casa di sua nonna, dove dorme, ma preferisce passare la sua giornata in ospedale a confortare i suoi fratelli, che continuano a chiedere della loro madre, perché non sanno che se n’è andata.

Diverse famiglie e madri palestinesi trascorrono il loro tempo con i sopravvissuti per alleviare il loro dolore.

Diaa Sawarkah (13 anni) è un altro sopravvissuto, che è ancora scioccato da ciò che ha dovuto vedere.

E’ stato ferito in faccia a causa di schegge mentre stava scappando verso la casa di sua nonna, che è diventata il suo unico rifugio.

Ero sdraiato in casa quando tutto è diventato rosso e ho sentito un’esplosione nella casa di mio zio. Mi sono precipitato verso  la casa di mia nonna (a 500 metri di distanza)“, citato da AA.

Poi altre esplosioni hanno avuto luogo mentre correvo. Ho raggiunto mia nonna e le ho chiesto di chiamare un’ambulanza perché la nostra casa era stata bombardata. Mia nonna non sapeva che la nostra casa era stata bombardata”, ha detto Diaa, i cui parenti lo descrivono come audace e forte.

Sono tornato con mio fratello Muhammad e un vicino sul luogo dell’esplosione per trovare molte persone lì. Ho visto mio fratello Muhammad (12 anni) sepolto nella sabbia e le gambe fuori. Ho visto anche mio cugino Nermin (10 anni) seppellito nella sabbia”, ha aggiunto.

Ho provato a tirare fuori Nermin. lei stava piangendo. Poi mi hanno portato con loro in ospedale e non so cosa sia successo. Mi hanno detto che mio padre e Muhammad sono morti”.

La nonna in lutto Silmiyyah Sawarkah (70 anni) ha parlato delle nuove preoccupazioni che dovrà affrontare.

I bambini vivranno con me. I miei figli, sia il martire che il ferito, soffrivano di difficoltà economiche. Vivevano in baraccopoli e case di plastica. Non potevano nemmeno mandare tutti i loro figli a scuola.”

Non so come fornire cibo per le loro esigenze di base. Questo è troppo per me!”, Ha detto.

Ha aggiunto che quando è accaduto il massacro, Diaa è arrivata urlando “vogliamo un’ambulanza … la mia famiglia e mio zio sono stati uccisi”.

Sono molto vecchia. Non ho potuto fare nulla, quindi ho chiamato i vicini e ho chiesto loro di chiamare un’ambulanza. Poco dopo mi hanno detto che otto dei miei figli e le loro famiglie sono stati uccisi … È stato uno shock!”, Ha spiegato.

Awatef Sawarkah (35 anni), la zia dei bambini, sembrava essere la più forte tra i membri della famiglia in lutto.

Quello che è successo con le famiglie dei miei fratelli Rasmi e Muhammad è incredibile e oltre ogni descrizione e logica. Come possono usare bombe che pesano tonnellate per bombardare una baraccopoli, che brucia in pochi minuti se viene incendiata”, ha detto.

Hanno bombardato la casa sulle teste di donne e bambini, che erano dentro, all’improvviso. Non so, dov’è il diritto internazionale e le persone coscienziose di tutto il mondo per vedere cosa è successo? Perché hanno bombardato le nostre case?

All’alba di giovedì, gli aerei da guerra israeliani hanno bombardato due case della famiglia Sawarkah, uccidendone otto, tra cui cinque bambini e due donne. L’esercito israeliano ha rivendicato la responsabilità del massacro e ha affermato che si è trattato di un errore.

 

“NON HO TROVATO LA NOSTRA CASA, C’ERA SOLO UN ENORME BUCO”, I BAMBINI DI SAWARKAH PARLANO DI UN MASSACRO A CUI SONO SOPRAVVISSUTI

“NON HO TROVATO LA NOSTRA CASA, C’ERA SOLO UN ENORME BUCO”, I BAMBINI DI SAWARKAH PARLANO DI UN MASSACRO A CUI SONO SOPRAVVISSUTI

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.