NON TIRARSI INDIETRO FINO A QUANDO LA GIUSTIZIA NON SARA’ SERVITA

0
356

tratto da: rete Italiana ISM

26 marzo 2020 

https://electronicintifada.net/content/never-flinch-until-justice-served/29821

di Ola Mousa 

Huda Ghalia guarda una foto di lei più giovane. Per molti, sarà sempre quella ragazza sulla spiaggia. Mohammed Al-Hajjar

Huda Ali Ghalia è una giovane donna in missione.

Il 26 gennaio, la venticinquenne ha conseguito il diploma di laurea in giurisprudenza, l’equivalente di fare il test per il tribunale. Ora è in grado di praticare la legge a Gaza, da dove viene e dove, un anno fa, si è diplomata anche in legge della sharia.

Ora intende ottenere una borsa di studio per studiare all’estero per una laurea in diritto pubblico al fine di familiarizzare con il diritto internazionale umanitario.

Ma Huda, anche secondo gli standard di Gaza, non è semplicemente una ragazza ambiziosa.

Quattordici anni fa, il 9 giugno 2006, Huda era il volto del dolore di Gaza. Pochi giorni dopo il suo dodicesimo compleanno, la sua espressione angosciata, mentre si lanciava nella sabbia gridando per suo padre, morto su una spiaggia di Gaza insieme ad altri sei membri della famiglia dopo un bombardamento israeliano, è diventata il simbolo di tutto ciò che è sbagliato in Palestina, e che al resto del mondo semplicemente non importa.

Il filmato è stato tanto straziante quanto le sue conseguenze, che sono rimaste oscure. Israele ha contestato i resoconti del massacro che ha incolpato i suoi militari, insistendo invece sul fatto che le mine di Hamas fossero state la vera causa dell’esplosione fatale.

Israele rifiutò anche un’indagine internazionale.

La versione israeliana degli eventi è stata ampiamente respinta. Human Rights Watch lo ha definito il meno probabile dei tre scenari possibili.

Ma nessuna giustizia è stata concessa ai membri sopravvissuti della famiglia Ghalia, e nessuno è stato ritenuto responsabile.

Questo è in parte ciò che motiva Huda oggi.

Voglio riattivare il caso della mia famiglia, ha detto Huda a The Electronic Intifada. Deve esserci giustizia.

Ma non è solo personale. Più studiava legge, diceva, più trovava assurdo il modo in cui Israele non è mai stato ritenuto responsabile per i suoi crimini. Vuole, ha detto, rappresentare tutti i palestinesi che hanno sofferto per l’oppressione di Israele.

La “ragazza della spiaggia”
Per molte persone sarà sempre quella ragazza sulla spiaggia. E non sfuggirà mai ai ricordi di quel giorno. Ricorda come suo padre, un contadino, aveva raccolto melanzane e pomodori sul piccolo appezzamento di terra della famiglia, poco prima che uscissero.

Siamo andati a casa a portare cibo e vestiti per passare il resto della giornata in spiaggia. Era pomeriggio e la spiaggia era affollata.

Ricorda come sono atterrati i primi proiettili, disperdendo la folla e facendo correre tutti a cercare le macchine che li portassero via.

Ricorda che ci furono più bombardamenti, che questa volta la gettarono a terra, prima che si alzasse per cercare la sua famiglia.

Ricorda di averli trovati.

Non avevo mai visto nessuno morto prima d’ora. Non avevamo la TV a casa, quindi non l’avevo nemmeno visto in un film”.

Persino le offuscazioni di Israele non potevano impedire lo sdegno che seguì, una volta che il filmato catturò il momento in cui vide uscire per la prima volta suo padre ucciso.

Ma questo la trasformò anche ad essere oggetto di un’attenzione cui non era pronta e cui era riluttante. Telecamere e giornalisti aspettavano fuori dalla casa di suo zio – dove è rimasta per mesi dopo – mentre cercavano di avere notizie da lei e su di lei.

Huda ha deciso di prendere le distanze da altri bambini e adulti. Non ha cercato amici.

I suoi voti hanno sofferto durante i suoi anni alla Ibad Ur-Rahman Exemplary School. Ha frequentato questa scuola privata attraverso una borsa di studio che soddisfaceva i suoi bisogni speciali a seguito del trauma che aveva subito dall’orribile attacco alla spiaggia.

Odiava essere conosciuta come la “ragazza della spiaggia” che urlava in TV dopo aver trovato suo padre assassinato dai militari israeliani.

Tuttavia, a 15 anni, la consulenza ricevuta sembrava avere qualche effetto. I suoi risultati accademici sono migliorati e ha terminato l’esame tawjihi al liceo con una media lodevole del 71,9 %,  nel 2012.

Una vita di brutalità
Nonostante il suo graduale miglioramento e la sua laurea adesso, le cicatrici di Huda – insieme a quelle di tutti gli altri a Gaza – non hanno mai avuto davvero la possibilità di guarire.

Tutta la popolazione di Gaza, nelle parole del defunto Eyad al-Sarraj, ex capo del Programma di salute mentale della comunità di Gaza, soffre di un grave disturbo post-traumatico da stress, senza mai arrivare al post.

Dopo il massacro sulla spiaggia, Huda ha dovuto sopravvivere a tre assalti militari israeliani a Gaza – nel 2008-09, 2012 e 2014 – che hanno causato nuovo dolore e riaperto vecchie ferite.

La prima guerra causò la morte di suo cognato, Annan, che aveva 26 anni. Ebbe la sfortuna di essere vicino a una stazione di polizia a Jabaliya. Le stazioni di polizia civili sono state tra gli obiettivi principali nei primi momenti di quella guerra. Sua sorella, Amani, 24 anni, che all’epoca era con suo marito, ha subito gravi lesioni alle quali cedette poi nel marzo 2009.

La guerra del 2014 la vide rivivere il proprio trauma attraverso gli occhi degli altri, mentre intere famiglie furono massacrate in un assalto che causò più di 2.200 vite, di cui circa 1.500 civili.

Queste aggressioni non le permisero una tregua dal suo stesso trauma. Ma hanno raddoppiato la sua determinazione a studiare e perseguire la giustizia.

La legge mi ha insegnato che ogni criminale dovrebbe essere ritenuto responsabile per i suoi crimini”, ha detto Huda a The Electronic Intifada. Vedere come l’esercito israeliano è un’eccezione è stato uno shock per me”.

Secondo il Centro palestinese per i diritti umani, non è stato possibile perseguire una causa contro l’esercito israeliano nel caso della sua famiglia nei tribunali israeliani. Nel 2007, Israele ha designato la Striscia di Gaza come una regione ostile, rendendo impossibile per i palestinesi di Gaza entrare in Israele per presentare casi legali o agli avvocati israeliani di andare dall’altra parte per incontrare i clienti, minando così una procedura che era già piena di ostacoli.

Di conseguenza, ha detto Huda, “il fascicolo della magistratura israeliana è stato sospeso”.

L’avvocato del PCHR che stava gestendo il caso Ghalia, Mohammed al-Alami, è stato comunque abbastanza impressionato dalla determinazione di Huda che alla fine l’ha assunta come apprendista dopo la sua laurea in giurisprudenza nel 2017.

Nel suo discorso di laurea quell’estate, ha commosso un pubblico entusiasta con la sua storia e li ha messi in piedi quando ha ringraziato sua madre, Hamdiyeh, per il suo costante sostegno attraverso tutto questo.

La sala di laurea era piena di genitori che sorridevano e applaudivano per le loro figlie. E li guardavo e desideravo che mio padre fosse presente, che potesse vedermi diventare un avvocato, ha detto Huda a The Electronic Intifada. La cosa più difficile per me, comunque, è vedere la sua foto.

A gennaio, con il diploma in giurisprudenza conseguito, Huda ha fatto un altro passo in avanti verso la difesa dei diritti dei palestinesi e contro i crimini dell’occupazione israeliana, che spera di diventare.

Ola Mousa è un’artista e scrittrice di Gaza.

Non tirarsi indietro fino a quando la giustizia non sarà servita

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.