Non torneremo alla normalità, era la normalità il problema

0
437

tratto da: REMOCONTRO

Antonio Cipriani Antonio Cipriani 29 Marzo 2020

 

Viviamo le conseguenze. Reclusi in casa, con tanto tempo a disposizione per leggere e riflettere, vediamo sgretolarsi le certezze assolute del mondo brutto che abbiamo costruito negli ultimi decenni. Non ci sono altre parole per dirlo. L’ordine infame che ha dettato ingiustizie sociali, ha devastato il pianeta e ha inventato un sistema di guerra permanente, appare d’improvviso più decifrabile. Si sgretola.
Appesi alla curva ascendente o discendente del virus, vediamo gli stessi politici che si sono arresi al modello americano sulla sanità, correre ai ripari. Agitarsi, proporre soluzioni più o meno mediatiche. Senza chiedere scusa, per carità! Vediamo l’arroganza dei cantori del padronato che provano a buttarla in caciara, il naufragio dei sovranisti complottisti, la disfatta dell’ignoranza rozza o elegante che ha innervato cultura e politica degli ultimi decenni. Stretti a quel #IoRestoACasa sappiamo che non è adesso, ma attendiamo il momento.

Nel frattempo continuiamo a vivere le conseguenze. Per non esserci battuti contro l’ingiustizia quando era necessario farlo. Per aver abboccato a ogni campagna di stampa antipolitica, contro il pubblico, a favore dello spreco dei soldi nostri per finanziare affarucci privati.   D’altra parte il potere economico ha tante armi. Ha denaro, banche, possiede i media, in un modo nell’altro. Quando direttamente, quando attraverso la pubblicità che li sostiene. Quindi incarna una narrazione simbolica di forza e sicurezza, di certezze declinate in vantaggio per tutti anche se non è vero.

Basta vedere che cosa è accaduto nel corso dei decenni, quante volte la narrazione flautata del sistema ha conquistato i cuori. E che cosa è cambiato per i cittadini comuni, per quelli che devono andare negli ospedali pubblici, per i pendolari, per i precari, per i sottopagati, per i disoccupati, per chi deve mandare i figli in scuole cadenti, per chi non può respirare per l’inquinamento.

Verrebbe da dire che in decenni di chiacchiere, di fuffa elevata a notizia da dibattere nelle stucchevoli arene televisive, di emergenzialismo come stato costante di allerta, le cose sono peggiorate. Anno dopo anno. Più sicurezza, più ferocia contro i meno protetti. Più decoro, più esclusione. Più privatizzazioni, più differenze di classe. Più tecnologie superfighe, più povertà.
E i ringhiosi da diretta televisiva (che pena…)? Ieri, quando ci distruggevano il pianeta, i boschi, i diritti, erano troppo occupati a incavolarsi contro i migranti, i barboni, i poveri in genere. A schiumare rabbia senza mai avere la percezione delle cause dei problemi.  Anestetizzati e ignoranti, dal verbo ignorare, non conoscere.

La storia è questa. Fino a quando avviene qualcosa che ci pone di fronte alla realtà. Fin quando le conseguenze della non-scelta diventano più pericolose di quelle di qualunque scelta. E allora si sceglie. Si traccia la Linea Gotica, si prende parte. Si diventa partigiani. Si prendono decisioni e si combatte. Per noi stessi, per i figli, per la casa, per l’abitare, per il futuro. Per non tornare a come eravamo prima, prima che le conseguenze ci mettessero in ginocchio.

Dobbiamo essere chiari: non torneremo alla normalità, perché era la normalità il problema.

 

Antonio Cipriani

ANTONIO CIPRIANI

Giornalista con una vocazione per il lato oscuro delle storie ufficiali, dopo una lunga esperienza all’Unità ha studiato e realizzato progetti editoriali che avessero al centro la democrazia dell’informazione. Ha partecipato alla costruzione di E Polis, di DNews e di Globalist syndication. Stagione professionale chiusa, si sta dedicando a nuovi idee. Dopo aver contribuito all’invenzione del progetto editoriale-artistico Emergenze, il cui collettivo ha dato vita all’Edicola 518, ha realizzato la rivista artistica e rurale Magnifica Terra e ha fondato Vald’O, la vineria letteraria a San Quirico d’Orcia. Crede nel giornalismo di strada e nei progetti territoriali, culturali, artistici e narrativi, soprattutto con giovanissimi e pensionati.

https://www.remocontro.it/2020/03/29/non-torneremo-alla-normalita-era-la-normalita-il-problema/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.