OBIETTRICE DI COSCIENZA ISRAELIANA CONDANNATA A 20 GIORNI DI PRIGIONE MILITARE

0

05/08/2019

L’obiettrice di coscienza Maya Brand-Feigenbaum sconterà altri 20 giorni dietro le sbarre per il suo rifiuto di servire nell’esercito israeliano a causa delle sue politiche di occupazione.

 

English version

30 luglio 2019

FOTO – L’obiettrice di coscienza israeliana Maya Brand-Feigenbaum. ‘Sono consapevole che abbiamo bisogno di un esercito che ci protegga da minacce reali. Ma allo stesso tempo, c’è bisogno di persone che si battono per una realtà libera dalla guerra‘. (Ido Ramon / Mesarvot)

 

Un organismo disciplinare dell’IDF, martedì, ha condannato la 18enne obiettrice di coscienza israeliana Maya Brand-Feigenbaum a 20 giorni di prigione militare per il suo rifiuto di prestare servizio militare.

Questa è la seconda volta, da quando ha ricevuto la sua data di arruolamento il 14 luglio, che Brand-Feigenbaum, della città settentrionale di Tivon, viene condannata per essersi rifiutata di prestare servizio. A fine condanna avrà trascorso dietro le sbarre un totale di 27 giorni. La coscrizione militare è obbligatoria per la maggior parte degli ebrei israeliani.

Mi rifiuto di prestare servizio nell’esercito perché credo che questo sia il modo migliore e più significativo per me per promuovere i miei principi contro la guerra e contribuire a porre fine all’occupazione”, ha scritto Brand-Feigenbaum in una dichiarazione rilasciata prima del suo precedente periodo di prigione militare.

Il controllo pluridecennale su una nazione compromette la sicurezza dello Stato di Israele”, prosegue la nota. “Come donna che ama questo paese, i cui paesaggi e persone sono parte di me, non posso prendere parte al mantenimento di questa situazione. Sono consapevole che nella nostra realtà abbiamo bisogno di un esercito che ci protegga da minacce reali ma, allo stesso tempo, c’è bisogno di persone che lottano per una realtà libera dalla guerra. Attività contro la guerra andranno a beneficio sia del paese che del mondo per garantire sicurezza a lungo termine. Agire per risolvere il conflitto e porre fine all’occupazione andrà a beneficio di tutti gli abitanti della terra, siano ebrei, musulmani o cristiani”.

Prima della sua prima convocazione davanti al comitato per gli obiettori di coscienza dell’IDF, Brand-Feigenbaum ha ricevuto una visita nella sua casa di Tivon del presidente della Joint List, Ayman Odeh, che ha chiamato Brand-Feigenbaum e i suoi colleghi obiettori di coscienza un “raggio di umanità che illumina la via che porta verso la fine dell’occupazione e che promuove la pace“.

Intanto, l’esercito non ha ancora liberato dalla prigione militare il ventenne obiettore di coscienza Roman Levin, nonostante una raccomandazione del comitato degli obiettori di coscienza perché sia fatto. Levin ha trascorso oltre 70 giorni nella prigione militare. Sia Levin che Brand-Feigenbaum sono supportati da Mesarvot – Rifiutarsi di servire l’occupazione, una rete popolare che riunisce individui e gruppi che si rifiutano di arruolarsi nell’IDF per protestare contro l’occupazione.

 

FOTO – L’obiettore di coscienza Roman Levin. “Il mio rifiuto è un atto di protesta contro un’occupazione che dura da più di 50 anni e di solidarietà con il popolo palestinese in Cisgiordania e Gaza.” (Ido Ramon / Mesarvot).

Levin, della città di Bat Yam, a sud di Tel Aviv, è emigrato quando aveva 3 anni dall’Ucraina in Israele, assieme ad alcuni membri della sua famiglia. All’inizio credeva che il suo servizio sarebbe stato un aiuto per la società e avrebbe realizzato i suoi doveri di cittadino.

Mi rifiuto di continuare il mio servizio militare”, ha detto Levin. “Il mio rifiuto è un atto di protesta contro un’occupazione che dura da oltre 50 anni e di solidarietà con il popolo palestinese in Cisgiordania e Gaza”.

Questa è la quarta volta che Levin viene condannato per essersi rifiutato di prestare servizio nell’esercito. È già stato incarcerato due volte, dopo un anno e mezzo di servizio prestato nell’IDF come autista di autocarri.

 

Traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina.org

 

 

Obiettrice di coscienza israeliana condannata a 20 giorni di prigione militare

Obiettrice di coscienza israeliana condannata a 20 giorni di prigione militare

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.