OCHA: “L’Onu ribadisce la sua richiesta di porre fine alle demolizioni e di rispettare il diritto internazionale”

475

tratto da: https://imemc.org/article/ocha-un-reiterates-its-call-for-demolitions-to-end-and-for-international-law-to-be-respected/

5 FEBBRAIO 2021

Dichiarazione di Sarah Muscroft, capo dell’OCHA nel territorio palestinese occupato, James Heenan, capo dell’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite nel territorio palestinese occupato, e Lucia Elmi, rappresentante speciale dell’UNICEF nello Stato di Palestina

I rappresentanti delle Nazioni Unite hanno incontrato ieri la comunità beduina palestinese di Humsa al Bqai’a, nella valle del Giordano settentrionale in Cisgiordania. L’1 e il 3 febbraio, 60 persone, compresi 35 bambini, sono state sfollate dalle loro case e le loro cose sono state sequestrate o distrutte dalle forze israeliane. Tra gli oggetti sequestrati c’erano tende fornite loro come assistenza umanitaria a seguito di una precedente demolizione di  altre 83 strutture nel novembre 2020, la più grande demolizione singola dal 2009.

Le demolizioni e le confische sono state effettuate dopo che alle famiglie è stato ordinato verbalmente di lasciare l’area, anche se la comunità ha chiarito che vogliono restare. La comunità ha presentato ricorso ai tribunali e ha respinto le precedenti proposte di trasferimento in un altro luogo. Questa situazione in cui la comunità è sottoposta a pressioni per trasferirsi solleva un rischio reale di trasferimento forzato, che è una violazione del diritto internazionale.

La comunità umanitaria ha inoltre costantemente espresso preoccupazione per altre imminenti demolizioni, comprese le scuole. Una scuola a Um Qussa, nel sud della Cisgiordania, è attualmente minacciata di demolizione, che avrebbe un impatto su 50 bambini. I bambini beduini, in particolare le ragazze, sono tra i più vulnerabili alle violazioni dei diritti umani. Limitare il loro accesso all’istruzione e ad altri servizi di base durante una pandemia non fa che aggravare questa vulnerabilità. Attualmente 53 scuole, frequentate da 5.200 bambini, hanno ricevuto ordini di demolizione. I diritti dei bambini alla protezione, alla sicurezza e al benessere devono essere sempre rispettati.

La comunità umanitaria continuerà a fornire assistenza a coloro che sono stati colpiti da questa demolizione, assicurerà che la loro umanità sia riconosciuta e la dignità sostenuta e difenderà il rispetto del diritto internazionale.

Oggetti rimanenti a Humsa al Bqai'a il 4 febbraio 2021, dopo le demolizioni e le confische di questa settimana, insieme a una tenda da campeggio utilizzata da alcuni degli sfollati.Oggetti rimanenti a Humsa al Bqai’a il 4 febbraio 2021, dopo le demolizioni e le confische di questa settimana, insieme a una tenda da campeggio utilizzata da alcuni degli sfollati.
Una frazione di Humsa al Bqai'a, prima delle demolizioni e delle confische di questa settimana. Foto di un membro della comunità.
Una frazione di Humsa al Bqai’a, prima delle demolizioni e delle confische di questa settimana. Foto di un membro della comunità.

Background

Dagli anni ’70, Israele ha dichiarato circa il 18% della Cisgiordania, o quasi il 30% dell’Area C, come “zone di fuoco” per l’addestramento militare. Humsa al Bqai’a è una delle 38 comunità beduine e pastori parzialmente o totalmente situate all’interno di queste “zone di fuoco”. Queste sono alcune delle comunità più vulnerabili della Cisgiordania, con accesso limitato all’istruzione e ai servizi sanitari e alle infrastrutture idriche, igieniche ed elettriche.

In Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, si stima che dal 2009 siano state distrutte circa 7.400 strutture di proprietà palestinese, provocando lo sfollamento di oltre 11.000 persone dalle loro case, compresi alcuni sfollati più di una volta. Solo dall’inizio del 2021, almeno 152 strutture, di cui 37 donate, sono state distrutte, rendendo senzatetto almeno 184 palestinesi. La mancanza di permessi di costruzione rilasciati da Israele è tipicamente citata come motivo, anche se, a causa del regime di pianificazione restrittivo e discriminatorio, i palestinesi non possono quasi mai ottenere tali permessi. Le demolizioni sono un mezzo chiave per creare un ambiente che non lasci ai palestinesi altra scelta che lasciare le loro case.

 

OCHA: “UN reiterates its call for demolitions to end and for international law to be respected”

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.