OGGI, IN PALESTINA, E’ LA FESTA DELLA MAMMA

venerdì 21 marzo 2014

immagine1

5 madri palestinesi nelle carceri israeliane nel giorno della festa della mamma

Pubblicato ieri (aggiornato) 20/03/2014 21:52

RAMALLAH (Ma’an) -Mentre i palestinesi si preparano a celebrare la festa della mamma, il 21 marzo, cinque madri palestinesi saranno private dal festeggiare l’occasione con i loro figli e figlie, perché sono incarcerate da Israele.

La Società del prigioniero palestinese ha rilasciato una dichiarazione giovedi su in occasione della festa della mamma per esprimere solidarietà alle donne palestinesi incarcerate.

Intisar al-Sayyad da Gerusalemme, madre di due figlie e due figli, è detenuta dal 22 novembre 2012. Sta scontando due anni e mezzo alla prigione Sharon di Israele. Suo marito Muhammad al-Sayyad è stato citato nella dichiarazione che ha detto che l’educazione dei figli, in mancanza della loro madre, è “un compito molto difficile”. “Sentiamo l’assenza di nostra madre ogni giorno e non solo nella festa della mamma. devo giocare il suo ruolo a volte per aiutare i miei fratelli e le mie sorelle con i loro studi “, dice di la figlia di Intisar Malak, 16 anni.

Allo stesso modo, Layla Hamarsha, 24 anni, ha detto che a causa della assenza di entrambi i genitori, ha assunto il ruolo della madre a casa. “Come figlia maggiore, e dato che sia mia madre che mio padre sono stati incarcerati, sono responsabile di cinque fratelli e sorelle.” Il fratello minore, ha detto, ha 14 anni e ha bisogno di assistenza medica e psicologica, perché soffre di disturbi ossei. La madre di Layla, Reem Hamarsha, è stata arrestata il 16 febbraio al valico del Ponte Allenby al suo ritorno dalla Giordania alla Cisgiordania. Da allora è stata imprigionata senza processo. Il marito Adnan Hamarsha è stato detenuto solo un giorno in più e anche lui non è stato ancora processato.

Nawal al-Saadi, madre di cinque figlie e sei figli, è stata arrestata il 5 novembre 2012 ed è stata condannata a 20 mesi e una multa di 1.000 shekel. Due dei suoi figli sono stati uccisi dalle forze israeliane.

Ahlam Issa di Qalqilia nel nord della Cisgiordania è stata arrestata il 16 febbraio 2014 e da allora è detenuta senza processo. Suo marito Saed Sawaid sta scontando una condanna a 27 anni dal 2003. I due hanno un figlio di 19 anni e una figlia di 16 anni.

La più anziana madre palestinese detenuta in Israele è Rasmiyya Balawna, 53 anni, da Tulkarem. Ha lasciato tre figlie e un figlio che ha scontato nove anni nelle carceri di Israele . E ‘stato rilasciato come parte dell’affare Gilad Shalit di scambio di prigionieri, ma fu deportato nella Striscia di Gaza.

Ci sono circa 20 donne palestinesi in custodia israeliana.

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

………………………………………………………………..

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=683210

5 Palestinian moms in Israeli jail on Mother’s Day

Published yesterday (updated) 20/03/2014 21:52

immagine2

(MaanImages/file)

 RAMALLAH (Ma’an) — As Palestinians prepare to mark Mother’s Day on March 21, five Palestinian mothers will be deprived of celebrating the occasion with their sons and daughters because they are jailed by Israel.

The Palestinian prisoner’s society released a statement Thursday on the occasion of Mother’s Day to express solidarity with the jailed Palestinian women.

Intisar al-Sayyad from Jerusalem, mother of two daughters and two sons, has been detained since Nov. 22, 2012. She is serving two-and-a-half years in Israel’s Sharon prison.

Her husband Muhammad al-Sayyad was quoted in the statement as saying that raising children in the absence of their mother is very “difficult task.”

“We feel the absence of our mother every day and not only on Mother’s Day. I have to play her role sometimes helping my brothers and sisters with their studies,” says Intisar’s daughter Malak, 16.

Similarly, Layla Hamarsha, 24 said that due to the absence of both parents, she has been playing the mother’s role at home.

“As the eldest daughter, and since both my mother and my father have been jailed, I have been responsible for five brothers and sisters.”

The youngest brother, she said, is 14 years old and needs both medical and psychological care because he suffers bone disorders.

Layla’s mother Reem Hamarsha was detained on Feb. 16 at the Allenby Bridge crossing upon her return from Jordan to the West Bank. Since then she has been jailed without trial. The husband Adnan Hamarsha was detained only one day later and he too hasn’t been tried yet.

Nawal al-Saadi, mother of five daughters and six sons, was detained on Nov. 5, 2012 and has been sentenced to 20 months and a fine of 1,000 shekels. Two of her sons were killed by Israeli forces.

Ahlam Issa from Qalqiliya in the northern West Bank was detained on Feb. 16, 2014 and since then she has been detained without trial. Her husband Saed Sawaid is serving 27-year sentence since 2003. The two left behind a 19-year-old son and a 16-year-old daughter.

The oldest Palestinian mother in Israeli custody is Rasmiyya Balawna, 53, from Tulkarem.

She left behind three daughters and a son who served nine years in Israeli jails. He was released as part of the Gilad Shalit prisoner swap deal, but was deported to the Gaza Strip.

There are about 20 Palestinian women in Israeli custody.

 

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.