ONU : Il leader palestinese chiede un nuovo processo di pace nel discorso alle Nazioni Unite

0
310

tratto da: https://frammentivocalimo.blogspot.com/2020/09/onu-il-leader-palestinese-chiede-un.html

Mahmoud Abbas afferma che gli accordi con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein con Israele sono una “violazione” dei “principi per una soluzione giusta e duratura ai sensi del diritto internazionale”.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas venerdì ha chiesto una conferenza internazionale, all’inizio del prossimo anno, per “lanciare un autentico processo di pace”, criticando la recente decisione di due paesi arabi di normalizzare le relazioni con Israele.

Abbas sembra riconoscere la crescente stanchezza internazionale per un conflitto che dura da decenni:

Mi chiedo cos’altro posso dire dopo tutto quello che ho detto in innumerevoli occasioni”, ha spiegato nel video discorso, registrato nel suo quartier generale nella città di Ramallah in Cisgiordania.

I palestinesi hanno respinto la proposta del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di porre fine al conflitto, che favorisce in modo schiacciante Israele, e hanno ufficialmente interrotto i contatti sia con gli Stati Uniti che con Israele. Sostenendo che Washington non è più un mediatore onesto, hanno chiesto un processo di pace multilaterale basato sulle risoluzioni delle Nazioni Unite e sugli accordi passati.

Hanno anche respinto la decisione degli Emirati Arabi Uniti e del Bahrein di normalizzare i legami con Israele, considerandola un tradimento, infatti il riconoscimento di Israele dovrebbe avvenire solo in cambio di concessioni territoriali.

Nel suo discorso, Abbas ha detto che gli accordi, firmati alla Casa Bianca all’inizio di questo mese, sono una “violazione” dei “principi di una soluzione giusta e duratura ai sensi del diritto internazionale”.

Per più di tre decenni i palestinesi hanno cercato uno stato indipendente in Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme est, territori conquistati da Israele nella guerra del 1967. Israele si è ritirato da Gaza nel 2005 ma ha imposto un blocco paralizzante quando il gruppo militante palestinese, Hamas, ha preso il potere nel 2007.

Non ci sono stati colloqui di pace sostanziali tra Israele e palestinesi da quando il primo ministro Benjamin Netanyahu è stato eletto per la prima volta più di un decennio fa, e le due parti sono ferocemente divise sulle questioni centrali del conflitto.

Netanyahu si è invece concentrato sulla costruzione di legami con i paesi arabi, africani e asiatici che hanno a lungo sostenuto la causa palestinese. In Israele l’ accordo con gli Emirati Arabi Uniti, un paese ricco di petrolio con una notevole influenza regionale, è visto come una svolta storica che potrebbe trasformare il Medio Oriente.

Israele ha sospeso i suoi piani di annettere fino a un terzo della Cisgiordania in seguito all’accordo con gli Emirati Arabi Uniti, pur dicendo che ha ancora in programma di portarli a termine. Gli Emirati Arabi Uniti hanno affermato che l’accordo ha rimosso una minaccia immediata alla soluzione dei due stati e ha dato alla regione una opportunità.

I palestinesi insistono sul fatto che il conflitto centrale in Medio Oriente non sarà risolto finché non realizzeranno le loro aspirazioni all’indipendenza.

“Non ci può essere pace, sicurezza, stabilità, coesistenza nella nostra regione senza la fine dell’occupazione”, ha detto Abbas, parlando dietro una targa con la scritta “Stato di Palestina”.

“Non ci inchineremo. Non ci arrenderemo. Non scenderemo a compromessi. E trionferemo.”

 

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2020/09/onu-il-leader-palestinese-chiede-un.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.