Padri dietro le sbarre

0

14 novembre 2013

 immagine1

Una manifestazione a Gerusalemme per chiedere la liberazione dei detenuti palestinesi, il 17 aprile 2013. (Ammar Awad, Reuters/Contrasto)

Suhad Abu Fiad, 33 anni, si toglie l’ampia veste nera, si sdraia sul lettino dell’ecografo e comincia ad ascoltare il battito del cuore del suo prossimo figlio. Sembra una scena di routine, ma la visita avviene in una clinica di Nablus, in Cisgiordania, e Suhad non ha rapporti con suo marito da tre anni.

Samir è in carcere in Israele dal 2009 e non ha beneficiato della recente amnistia che ha portato alla liberazione dei palestinesi detenuti per fatti commessi prima del 1993. Quindi Suhad e il marito hanno deciso di trovare un’alternativa. Il loro non è un caso isolato: il primo episodio risale all’agosto del 2012. I parenti dei detenuti riescono a fare uscire dal carcere lo sperma dei prigionieri (in contenitori per lenti a contatto, sacchetti di patatine o pacchetti di caramelle) e, facendolo arrivare in clinica entro 12 ore, fanno eseguire una fecondazione in vitro.

L’intervento, che costerebbe tremila dollari, per le mogli dei detenuti è eseguito gratuitamente. Secondo la clinica di Nablus, nel loro laboratorio ci sono attualmente 65 campioni di sperma e una ventina di donne stanno portando avanti una gravidanza.

http://www.internazionale.it/news/medio-oriente/2013/11/14/padri-dietro-le-sbarre/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.