Palestina, terra fertile per la microfinanza

0

 

I semi della microfinanza sono capaci di ridurre la povertà, promuovere l’inclusione finanziaria, coltivare i diritti e la crescita economica e sociale.


20 Luglio 2018

a cura di Corrado Fontana, giornalista di Valori.it

Ma farli germogliare in una terra difficile come la Palestina non è da tutti, e per questo spicca l’impegno quotidiano di ACAD (Arab Center for Agricultural Development, ovvero il Centro arabo per lo sviluppo agricolo) di Ramallah, e del suo “braccio finanziario” ACAD Finance.

Un’organizzazione che conduce progetti di formazione, elabora e sostiene programmi di capacity building per agricoltori e cooperative, di protezione sui temi della sicurezza alimentare e della tutela ambientale, di soccorso nelle situazioni emergenziali in caso di disastri umanitari. Ed eroga microcrediti (prestiti medi sotto i 2500 dollari), specialmente a favore di famiglie a basso reddito e imprese rurali e femminili (le donne, perlopiù abitanti in Cisgiordania, costituiscono il 50% del portafoglio clienti), ma anche a chi vive nella cosiddetta Area C sotto controllo israeliano.

E in un Paese dove nel 2017 la disoccupazione ha colpito il 27,4% della forza lavoro (maschile al 71,2%), e dove i finanziamenti internazionali sono diminuiti a vantaggio di altre aree di conflitto, «La microfinanza – conferma il Presidente di ACAD Finance, Adnan Faramand – è molto importante. Dal momento che la maggior parte delle nostre aziende è di piccole dimensioni (il 95% delle attività sono piccole o micro imprese), e allo stesso tempo il settore dell’economia informale svolge un ruolo significativo nella creazione di posti di lavoro e nell’alleviare la povertà».

È in questo scenario operativo complesso che ACAD Finance è attiva da 30 anni con una realtà ben strutturata: con circa 5mila clienti è soggetta alla supervisione della Palestinian Monetary Authority e impiega 53 dipendenti tra Ramallah e altre 7 filiali.

Da tempo intrattiene inoltre importanti relazioni di collaborazione con Banca Etica, con la quale condivide la mission, sottolinea Faramand, e l’appartenenza all’INAISE (International Association of Investors in the Social Economy), «considerando Banca Etica non solo come uno strumento finanziario ma come un partner strategico a lungo termine». Dal 24 al 26 settembre 2018 il Coinsiglio Direttivo di Acad Finance si riunirà a Padova presso la sede centrale di Banca Etica per rafforzare il legame e la conscenza reciproche.

Banca Etica ha approvato recentemente un finanziamento da 500mila euro in favore del partner mediorientale: un’iniezione di risorse essenziale. Poiché – conclude Faramand – «i nuovi prestiti di Banca Etica consentiranno ad ACAD Finance di espandere le attività di prestito alle donne in stato di povertà e alle persone a basso reddito che si trovano principalmente nelle aree agricole e nei campi profughi».

E a beneficiarne non sarà solo chi accede a quel denaro per necessità individuali, ma un intero territorio, coinvolto dai progetti cui ACAD partecipa. Come quello che, nel nome dell’affermazione del diritto allo studio e della stabilità economica di una comunità, ha consentito l’installazione di pannelli solari sulla scuola beduina di al-Kaabneh; o i quattro giorni di corso di formazione su “Come avviare la tua attività commerciale” che hanno coinvolto ad Amman giovani giordani e iracheni; o la piantumazione di oltre tremila piante di ulivo in un terreno dell’Area C, in Cisgiordania.

Tanti progetti finanziati che danno volto, nomi e concretezza alla cooperazione internazionale.

 

 

Fonte: https://www.bancaetica.it/blog/palestina-terra-fertile-per-microfinanza

 

 

Palestina, terra fertile per la microfinanza

Palestina, terra fertile per la microfinanza

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.