Palestinesi divisi per l’annullamento del concerto di un cantante gay

230

Articolo originariamente pubblicato su Al Monitor e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

Palestinesi si riuniscono in una piazza vicino a una lanterna gigante mentre guardano i fuochi d’artificio che illuminano il cielo dopo il tramonto, il 12 aprile 2021, mentre la gente festeggia l’inizio del mese di digiuno musulmano del Ramadan. – ABBAS MOMANI/AFP via Getty Images

Un gruppo di giovani a Ramallah ha fatto pressione sui funzionari per cancellare il concerto di Bashar Murad, mettendo in luce le divisioni sociali sull’identità sessuale.

Il 17 giugno, i giovani palestinesi della città di Ramallah, nella Cisgiordania centrale, hanno impedito al cantante Bashar Murad di esibirsi per quello che hanno definito il suo sostegno all’omosessualità in Palestina.

In un articolo sulla sua pagina Facebook, Murad, che è gay, ha annunciato la cancellazione dello spettacolo dal vivo presso lo spazio culturale al-Mustawda3 di Ramallah, senza spiegarne le ragioni.

Ma un video girato all’interno dello spazio culturale, diventato virale sui social media, mostra un gruppo di giovani che chiede ai dipendenti di al-Mustawda3 di cancellare lo spettacolo perché gli artisti sono gay.

Un palestinese di nome Yaman Jarrar ha detto: “Bashar Murad è un pervertito e non deve tenere uno spettacolo qui. Non ci rappresenta e non rappresenta nessun palestinese libero. Inoltre la nostra religione non lo permette”.

E ha aggiunto: “Siamo venuti da voi con molto rispetto per comunicarvi il messaggio che non permetteremo a questi pervertiti di passare. Vi chiediamo di non mettere alla prova la nostra pazienza quando si tratta di cose proibite da Dio, e non permetteremo a nessuno di osare violare la nostra onorevole religione, questa è una linea rossa”.

La data dello spettacolo ha coinciso con l’uccisione di tre giovani palestinesi da parte delle forze israeliane nel campo di Jenin. Jarrar ha dichiarato: “Mentre i giovani di Jenin sacrificano le loro vite per l’amata patria, un gruppo sospetto ha cercato di organizzare una festa gay a Ramallah”.

Jarrar e il gruppo di uomini con lui sono stati ampiamente elogiati sui social media.

Tutte le parti coinvolte – i giovani che hanno protestato contro il concerto, Murad, la direzione di al-Mustawda3 e persino la polizia palestinese – hanno rifiutato di commentare con Al-Monitor.

In un post del 17 giugno sulla sua pagina Facebook, Jarrar, figlio dell’importante predicatore di Hamas Bassam Jarrar, ha raccontato che il suo gruppo ha ricevuto informazioni sul fatto che a Ramallah si sarebbe tenuta una festa gay annuale. Dopo essere arrivati sul posto, “siamo stati sorpresi da un gruppo di gay che deridevano la nostra vera religione e lanciavano rifiuti e pietre mentre stavamo eseguendo la preghiera del Maghrib di fronte al luogo in cui si sarebbe tenuto l’evento”.

Murad è un cantante e cantautore di Gerusalemme. In un’intervista del 2019 alla BBC, ha dichiarato che cerca di far luce su questioni come la parità di genere e i diritti LGBT, e di trasmettere l’idea che la società palestinese è varia, ricca di storie e talenti, e molto più profonda dell’occupazione israeliana. “Mi rendo conto che è un lavoro in corso per aprire le menti delle persone a nuove idee”, ha dichiarato.

Sui social media, la maggior parte dei palestinesi ha accolto con favore la cancellazione dello spettacolo, mentre altri hanno criticato l’interferenza dei giovani.

Parlando con Al-Monitor, lo scrittore e analista politico palestinese Nihad Abu Ghosh ha ribadito la sua condanna della cancellazione dello spettacolo, che aveva pubblicato su Facebook, affermando: “Coloro che si nominano agenti di Allah sulla terra e guardiani dei suoi confini stanno praticamente prendendo la legge nelle loro mani”.

Poi, ha aggiunto, “coloro che sostengono di essere i rappresentanti della gioventù di Ramallah possono anche prendersela con una ragazza non velata o con una studentessa che cammina per strada con il suo collega o in un caffè dove uomini e donne sono accolti insieme. Non ci vorrà molto prima che inizino i loro attacchi con l’acido contro le ragazze che frequentano le università e le scuole”, ha aggiunto.

Abu Ghosh ha continuato: “La cosa strana è il silenzio sospetto dell’AP sulla violazione della sua area di competenza e sulla confisca del suo ruolo. Ha ripetutamente taciuto su coloro che prendono la legge nelle proprie mani. Il peggio è che c’è chi pensa che eventi come il concerto di al-Mustawda3 siano più pericolosi per la società palestinese dell’occupazione”.

Nel 2019, l’Autorità palestinese ha messo al bando Al-Qaws for Sexual and Gender Diversity in Palestinian Society, un’organizzazione civile palestinese che lavora per proteggere i diritti della comunità LGBTQ, impedendole di tenere qualsiasi attività in Cisgiordania.

Commentando l’annullamento dell’evento a Ramallah, Al-Qaws ha scritto in un post sulla sua pagina Facebook il 21 giugno, circa “l’ondata di violenza, incitamento, distorsione e minaccia sociale in nome della religione, dei costumi e delle tradizioni”.

L’organizzazione ha aggiunto che l’annullamento è “particolarmente nuovo in termini di metodo e strumenti che colpiscono individui specifici che lavorano nel campo politico e culturale palestinese, e che prende di mira le istituzioni semplicemente per aver ospitato ciò che viene visto come gay”.

Per saperne di più:

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.