Palestinian-American boy, 14, locked up in Israeli military jail

Ragazzo palestinese-americano, 14 anni, rinchiuso nel carcere militare israeliano

IMAMGINE1
da Alex Kane il 11 Aprile 2013

Un palestinese è stato arrestato la settimana scorsa con l’accusa di lancio di pietre ed è in custodia in una prigione israeliana, un evento mondano e quotidiano nella West Bank occupata. Ma questo caso ha fatto notizia – ed è perché il palestinese è un 14enne che ha anche la cittadinanza americana.

Nato a New Orleans, Mohammed Khalek è stato prelevato dalla sua casa la settimana scorsa da otto soldati israeliani armati di fucile.
E ‘accusato di aver lanciato pietre contro le auto israeliane vicino a Silwad, a nord est di Ramallah. Khalek deve ancora essere incriminato, e la sua detenzione è stata prorogata fino al 14 aprile.

Il legale di Addameer Randa Wahbe ha detto ad Haaretz che a Khlaek, “è stato detto da parte del personale che, se avesse confessato di avere gettato pietre, rapidamente sarebbe stato rilasciato.”

Il caso Khalek ha ottenuto la copertura della Associated Press e di Reuters . I mezzi di comunicazione stanno evidenziando come il caso di Khalek è un esempio di routine che i bambini palestinesi siano rinchiusi in carceri militari israeliane.

Noah Browning di Reuters riferisce che Khalek è apparso in carcere con “le caviglie ammanettate insieme sopra le scarpe da corsa.” Browning riferisce inoltre che il padre del ragazzo, Abdulwahab Khalek, ha detto che Mohammed “è stato maltrattato e aveva le braccia rotte dai suoi denti nel corso del suo arresto nelle prime ore del 5 aprile. “

“Il trattamento dei militari israeliani su Mohammed Khalak è terribile e fin troppo comune,” Bill Van Esveld di Human Rights Watch ha detto a Reuters. “Non c’è alcuna giustificazione per … incatenarlo per 12 ore e interrogarlo, mentre gli si rifiuta di fargli vedere il padre o un avvocato. “

La Associated Press nota che un rapporto delle Nazioni Unite ha recentemente stigmatizzato l’esercito israeliano per i suoi abusi dei diritti dei bambini palestinesi. 700 bambini palestinesi ogni anno vengono arrestati dai militari israeliani, secondo l’UNICEF. Qui c’è di più dalla relazione:

” I maltrattamenti su bambini palestinesi nel sistema israeliano di detenzione militare risultano essere molto diffusi, sistematici e istituzionalizzati …

Il modello di maltrattamenti include gli arresti dei bambini nelle loro case tra la mezzanotte e le 05:00 da soldati armati fino ai denti, la pratica di bendare i bambini e legare le mani con fascette di plastica, abusi fisici e verbali durante il trasferimento ad un sito di interrogatorio, compreso l’uso di sistemi di ritenuta dolorosi, la mancanza di accesso ad acqua, cibo, servizi igienici e assistenza medica; interrogatori usando violenza fisica e minacce, confessioni estorte, e la mancanza di accesso a un avvocato o ai familiari durante gli interrogatori.

Il trattamento in contrasto con i diritti dei bambini continua durante le apparizioni giudiziarie, anche con l’ammanettamento dei bambini; la negazione della cauzione e l’imposizione di pene detentive, e il trasferimento dei bambini al di fuori dei territori palestinesi occupati per scontare la pena all’interno di Israele. L’incarcerazione li isola dalle loro famiglie e interrompe i loro studi.

Queste pratiche sono in violazione del diritto internazionale che protegge tutti i bambini contro i maltrattamenti a contatto con le forze dell’ordine, istituzioni militari e giudiziarie.”

Il padre del ragazzo si è scagliato contro la risposta del governo americano per l’arresto del figlio in un’intervista a Reuters . “Il governo degli Stati Uniti ha l’obbligo di fare qualcosa per noi, ma non nemmeno gli importa. Hanno perso la questione da qualche parte nella loro tasca posteriore “, ha detto la fonte di notizie.

L’indifferenza è prevedibile. Ai cittadini americani maltrattati dai militari israeliani è negato aiuto adeguato da parte del governo degli Stati Uniti. Ad esempio, il governo degli Stati Uniti ha aspettato tre giorni per contattare la famiglia di Furkan Dogan , che fu giustiziato a bruciapelo a bordo della Mavi Marmara, la nave parte della flottiglia 2010 di aiuto per cercare di rompere il blocco di Gaza. Dogan era un cittadino statunitense di origine turca. Gli Stati Uniti hanno rifiutato di indagare sulla morte di Dogan, preferendo permettere a Israele di farlo se stesso.

ARTICOLO ORIGINARIO

http://mondoweiss.net/2013/04/palestinian-american-military.html

 A Palestinian was arrested last week for allegedly throwing stones and is being held in an Israeli jail, a mundane and daily occurrence in the occupied West Bank. But this case has made headlines–and it’s because the Palestinian is a 14-year-old who also has American citizenship.

New Orleans-born Mohammed Khalek was taken from his home last week by eight rifle-toting Israeli soldiers. He’s accused of throwing stones at Israeli cars near Silwad, northeast of Ramallah. Khalek has yet to be charged, and his detention has been extended until April 14. Addameer advocacy officer Randa Wahbe toldHaaretz that Khlaek “was told by interrogators that if he confessed to rock throwing quickly, he would be released.”

Khalek’s case has garnered coverage in the Associated Press and Reuters.The media outlets are highlighting how Khalek’s case is an example of Palestinian children routinely being locked up in Israeli military jails.

Reuters’ Noah Browning reports that Khalek appeared in jail with “his ankles shackled together just above his running shoes.” Browning also reports that the boy’s father, Abdulwahab Khalek, said that Mohammed “was maltreated and had his braces broken from his teeth during the course of his arrest in the early hours of April 5.”

“The Israeli military’s treatment of Mohammed Khalak is appalling and all too common,” Human Rights Watch’s Bill Van Esveld told Reuters. “There’s no justification for … shackling him for 12 hours and interrogating him while refusing to let him see his father or a lawyer.”

The Associated Press story notes that a United Nations report recently castigated the Israeli military for its abuses of the rights of Palestinian children. 700 Palestinian children a year are arrested by the Israeli military, according to UNICEF. Here’s more from the report:

Ill-treatment of Palestinian children in the Israeli military detention system appears to be widespread, systematic and institutionalized…

The pattern of ill-treatment includes the arrests of children at their homes between midnight and 5:00 am by heavily armed soldiers; the practice of blindfolding children and tying their hands with plastic ties; physical and verbal abuse during transfer to an interrogation site, including the use of painful restraints; lack of access to water, food, toilet facilities and medical care; interrogation using physical violence and threats; coerced confessions; and lack of access to lawyers or family members during interrogation.

Treatment inconsistent with child rights continues during court appearances, including shackling of children; denial of bail and imposition of custodial sentences;  and transfer of children outside occupied Palestinian territory to serve their sentences inside Israel. The incarceration isolates them from their families and interrupts their studies.

These practices are in violation of international law that protects all children against ill-treatment when in contact with law enforcement, military and judicial institutions.

The boy’s father lashed out at the American government’s response to his son’s arrest in an interview with Reuters. “The U.S. government is obligated to do something for us, but it doesn’t even care. They’ve lost the issue somewhere in their back pocket,” he told the news outlet.

The indifference is to be expected. American citizens mistreated by the Israeli military are denied adequate help by the U.S. government. For instance, the U.S. government waited three days to contact the family of Furkan Dogan, who was executed at point-blank range on board the Mavi Marmara, the aid ship part of the 2010 flotilla trying to break the blockade of Gaza. Dogan was a U.S. citizen of Turkish descent. The U.S. declined to investigate the death of Dogan, preferring to allow Israel to do so itself.

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam