Parlamentare Likud: colonie buone per la pace

12 Giu 2013

Il vice primo ministro, Ofir Akunis, ha fatto sua la posizione di Netanyahu secondo la quale la costruzione delle colonie non è un impedimento alla soluzione negoziata con i palestinesi.

 
immagine1

Secondo quanto riportato da Ha’aretz ieri, “la passata esperienza ha dimostrato che uno stop delle costruzioni ha solo spinto i palestinesi lontano dal negoziato con Israele. ‘La politica del Likud è chiara: il nostro appello ai palestinesi ad aderire a negoziati diretti senza precondizioni è già in atto’, ha detto Akunis”.

Akunis – lo stesso parlamentare che nella precedente legislatura ha proposto una legge per limitare i finanziamenti stranieri alle organizzazioni politiche e che nel 2011 ha sostenuto in tv il senatore Joe McCarthy – ha essenzialmente detto che più colonie Israele costruisce e più facile sarà giungere ad un accordo con i palestinesi. Ovvero, il congelamento della colonizzazione non fa che allontanarli.

Intanto, l’ex ministro degli Esteri Avigdor Lieberman è uscito fuori con quella che è probabilmente la dichiarazione più pragmatica e moderata che hai mai reso: c’è stato un congelamento de facto delle costruzioni a Gerusalemme Est visto che nessun nuovo bando di gara è stato emesso. Ha spiegato che questo “temporaneo stop” serve a dare al segretario di Stato americano John Kerry una possibilità per giungere alla pace.

 

Mairav Zonszein
+972mag.com

Inviato da aicitaliano il Mer, 12/06/2013 – 08:55

http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/aic/parlamentare-likud-colonie-buone-la-pace

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam