PayPal: smettete di discriminare i palestinesi. FIRMA la petizione

324

Articolo pubblicato originariamente su Actions.someofus e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

Ogni mattina, a partire dalle 3, decine di migliaia di palestinesi iniziano ad attraversare i checkpoint militari israeliani per recarsi al lavoro. Ci possono volere ore. E troppo spesso l’attesa interminabile può diventare violenta, perché le persone vengono schiacciate dalla folla o colpite dai soldati.

Nel frattempo, i palestinesi che lavorano come freelance online incontrano un altro problema: non possono essere pagati. La più grande piattaforma di pagamento online del mondo, PayPal, non serve i palestinesi che vivono nella Cisgiordania e nella Striscia di Gaza occupate da Israele.

Si tratta di una chiara discriminazione: gli israeliani che vivono negli insediamenti illegali nelle stesse località possono creare conti PayPal.

Ma potrebbero esserci dei progressi: nell’ultimo mese abbiamo sentito da più fonti che PayPal potrebbe prendere provvedimenti per fornire il servizio a tutti i palestinesi.

È il momento di unirsi alle decine di migliaia di membri di SumOfUs che hanno già firmato la petizione che chiede a PayPal di smettere di discriminare i palestinesi.

L’occupazione israeliana rende quasi impossibile per i palestinesi arrivare a fine mese. Il tasso di disoccupazione a Gaza è del 48%, quindi molti palestinesi cercano disperatamente altre opzioni, come il lancio di imprese digitali locali o il lavoro freelance online, per tirare avanti.

Non c’è motivo per cui PayPal continui a praticare questa discriminazione: il suo principale concorrente, Apple Pay, serve i palestinesi. Eppure, PayPal continua a discriminare i palestinesi che vivono in Cisgiordania e a Gaza, in diretta violazione delle linee guida delle Nazioni Unite.

I membri di SumOfUs come voi hanno fatto una grande differenza nel far sì che Ben & Jerry’s fosse la prima grande azienda globale a ritirarsi dai Territori palestinesi occupati illegalmente da anni. Molteplici fonti all’interno dell’azienda hanno dichiarato che le decine di migliaia di persone che hanno agito hanno avuto un enorme impatto su questa decisione.

Sappiamo che possiamo spingere PayPal a unirsi a Ben & Jerry’s per stare dalla parte giusta della giustizia palestinese. Per questo motivo, abbiamo unito le forze con il gruppo palestinese per i diritti digitali, 7amleh, per denunciare la mancata operatività di PayPal in Palestina. Se raggiungeremo 200.000 firme, consegneremo il vostro messaggio a PayPal di persona.

Dite a PayPal di smettere di discriminare i palestinesi e di offrire i suoi servizi a tutti gli abitanti di Gaza e della Cisgiordania.

Petizione aggiornata al giugno 2022 in collaborazione con 7amleh, il Centro arabo per l’avanzamento dei social media.02

FIRMA la petizione a questo link

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.