Per aiutare i migranti in Bosnia ed Erzegovina, contrastare gli abusi dell’UE

0
266

tratto da: https://www.hrw.org/news/2021/02/20/help-migrants-bosnia-and-herzegovina-tackle-eu-abuses

20 febbraio 2021

I migranti si scaldano le mani davanti a un fuoco al campo di Lipa, fuori , Bosnia ed Erzegovina, lunedì 11 gennaio 2021. Il campo è stato chiuso il 23 dicembre 2020 e distrutto in un incendio lo stesso giorno.  © 2021 AP Photo / Kemal Softic 

 

La visita del Commissario dell’Unione europea per gli affari interni Ylva Johansson in Bosnia ed Erzegovina questa settimana ha sottolineato il ruolo dell’UE nell’alleviare le sofferenze dei migranti e dei richiedenti asilo nel paese. Durante la sua visita, Johansson ha sottolineato le elevate aspettative della Commissione europea nei confronti della Bosnia-Erzegovina in merito alla gestione della migrazione, poiché il paese rimane un aspirante candidato all’adesione all’UE.

Johansson ha visitato i resti di Lipa, un campo di migranti nel nord-ovest della Bosnia ed Erzegovina che è stato distrutto da un incendio il 23 dicembre.

L’incendio ha lasciato centinaia di persone bloccate a temperature gelide senza accesso ai servizi di base e ha illustrato l’incapacità delle autorità locali, di entità e statale in Bosnia-Erzegovina di fornire una risposta completa per proteggere i migranti e i richiedenti asilo.

Tuttavia, Johansson non è riuscito a riconoscere la responsabilità dell’UE. Molti migranti e richiedenti asilo intrappolati in Bosnia-Erzegovina erano fuggiti dalla Grecia dove hanno dovuto affrontare una mancanza di protezione a causa del sistema di asilo disfunzionale del paese e sono stati accolti con violenti respingimenti dalla polizia croata quando hanno tentato di cercare protezione nell’UE.

Human Rights Watch e altre organizzazioni hanno documentato innumerevoli casi di respingimenti illegali, che comportano violenze e furti raccapriccianti, da parte della polizia croata. I migranti sono costretti a tornare oltre il confine feriti e senza scarpe, telefoni cellulari e denaro, aggravando ulteriormente la loro situazione una volta raggiunta la Bosnia ed Erzegovina. L’assistenza umanitaria fornita alla Bosnia ed Erzegovina dalla Commissione europea non è una scusa per ignorare gli abusi dei suoi stessi Stati membri.

Se l’UE vuole davvero aiutare i richiedenti asilo e i migranti in Bosnia-Erzegovina, deve ritenere le autorità croate responsabili delle loro politiche abusive alle frontiere e affrontare le carenze in altri paesi dell’UE. In caso contrario, è improbabile che la Bosnia-Erzegovina ascolti conferenze secondo cui le persone dovrebbero essere trattate umanamente da un blocco che non pratica ciò che predica.

 

https://www.hrw.org/news/2021/02/20/help-migrants-bosnia-and-herzegovina-tackle-eu-abuses

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.