PERCHE’ IL SOSTEGNO INTERNAZIONALE ALLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE SI FERMA ALLA PALESTINA?

604

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/04/16/perche-il-sostegno-internazionale-alla-corte-penale-internazionale-si-ferma-alla-palestina/

https://www.972mag.com/

16 aprile 2021     Matt Cannock e Solomon Sacco,

Opponendosi a un’indagine nei territori occupati, gli stati più potenti contraddicono le proprie posizioni sulla Corte penale internazionale semplicemente per proteggere un alleato politico.

Un giovane ragazzo palestinese cammina tra le macerie di una casa, che secondo testimoni è stata colpita da un attacco aereo israeliano, a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 2 agosto 2014 (Abed Rahim Khatib / Flash90)

La decisione del mese scorso del procuratore capo della Corte penale internazionale (ICC), Fatou Bensouda, di aprire un’indagine completa sui presunti crimini commessi nei territori palestinesi occupati è benvenuta per coloro che promuovono i diritti umani e la giustizia. Purtroppo, però, sembra che non tutti i paesi siano d’accordo.

In una lettera del 9 aprile agli amici conservatori di Israele, il primo ministro britannico Boris Johnson ha scritto che il Regno Unito “si oppone alle indagini della Corte penale internazionale sui crimini di guerra in Palestina”. L’indagine, ha aggiunto Johnson, “dà l’impressione di essere un attacco parziale e pregiudizievole a un amico e alleato del Regno Unito”.

Assumendo questa posizione, il Regno Unito si è unito a una serie di stati che sembrano disposti, se non desiderosi, di cementare un sistema selettivo di giustizia internazionale, che darebbe la priorità agli interessi degli stati potenti rispetto agli interessi delle vittime di crimini di guerra e crimini contro l’umanità. .

Nonostante la sentenza della Camera cautelare della CPI che ha confermato la sua giurisdizione in Palestina, molti Stati che avevano presentato argomenti alla corte che si opponeva a tale giurisdizione hanno da allora fatto dichiarazioni pubbliche che condannano il movimento del pubblico ministero. Attraverso la loro opposizione, questi stati rischiano danni irreparabili alla corte e rischiano di minare l’ordine legale internazionale, semplicemente per proteggere un alleato politico.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu incontra l’allora ministro degli esteri britannico Boris Johnson a Londra, nel Regno Unito, durante una visita ufficiale di stato. 6 febbraio 2017 (Kobi Gideon / GPO)

Poche settimane prima della lettera di Johnson, l’Australia ha rilasciato una dichiarazione simile secondo cui la Corte penale internazionale “non dovrebbe esercitare la giurisdizione in relazione [alla situazione nello Stato di Palestina]”. Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha fatto eco a questa posizione, affermando che la “visione giuridica” della Germania sul caso “rimane invariata: la corte non ha giurisdizione a causa dell’assenza dell’elemento di statualità palestinese richiesto dal diritto internazionale”.

Il Canada ha anche rilasciato una dichiarazione secondo cui “non riconosce uno Stato palestinese e quindi non riconosce la sua adesione ai trattati internazionali, incluso lo Statuto di Roma”. Secondo quanto riferito, anche il ministro degli Esteri ungherese sarebbe stato pubblicamente “in disaccordo” con la decisione della Corte penale internazionale.

Doppi standard
Indipendentemente dal fatto che siano d’accordo con la decisione della CPI sulla sua giurisdizione, questi stati – che sono tutti parte dello Statuto di Roma – sono obbligati a rispettare i loro obblighi del trattato. Ciò potrebbe includere future richieste di cooperazione con le indagini del tribunale o l’esecuzione di mandati di arresto contro individui accusati di crimini commessi nei territori occupati.

Ironia della sorte, questi stessi Stati hanno offerto un forte sostegno alla corte quando altri Stati hanno contestato le sue decisioni giudiziarie. Ciò include, ad esempio, quando alcuni stati  hanno affermato che Omar al-Bashir, l’ex presidente del Sudan (che non è parte dello Statuto di Roma), ha beneficiato dell’immunità, precludendo il suo arresto sul loro territorio per accuse relative a sospetti crimini commessi in Darfur. Ciò ha provocato l’evasione dell’arresto di al-Bashir per anni, nonostante due mandati della CPI emessi contro di lui

L’ex presidente sudanese Omar al-Bashir arriva a Juba, l’attuale Sud Sudan. 4 gennaio 2011 (Al Jazeera English / CC BY-SA 2.0)

Nel 2013, ad esempio, dopo che diversi membri dello Statuto di Roma non erano riusciti ad arrestare il presidente al-Bashir in visita nei loro paesi, la Germania ha dichiarato che “la nostra Corte può adempiere al suo mandato per quanto riguarda la costruzione della pace e la riconciliazione nelle comunità colpite dal conflitto se tutti gli Stati parti rispettano i loro obblighi legali “. Il Canada ha espresso un appello simile, “incoraggiando [ing] tutti gli stati a rispettare i loro impegni internazionali”. L’Australia ha anche invitato gli Stati parti “a cooperare con la Corte in conformità con la lettera e lo spirito dello Statuto di Roma”.

Anche le parole del governo del Regno Unito nel 2014 forniscono un esempio calzante di tale sostegno: “Per riuscire a porre fine all’impunità, è assolutamente vitale che noi tutti cooperiamo con la Corte penale internazionale, in linea con i principi dello Statuto di Roma, che si applicano ugualmente a tutte le persone senza alcuna distinzione … e anche quando il nostro stato è influenzato. “

Si può solo sperare che quegli stessi Stati – che in passato in modo così veemente e giustamente hanno esortato i membri a collaborare con la Corte – applichino gli stessi standard al caso della Corte penale internazionale sulla Palestina. È compito degli Stati  difendere la capacità della Corte penale internazionale di esercitare il proprio mandato indipendente, non esercitare pressioni proprie per interferire con il processo decisionale giudiziario della Corte.

Su questo punto, dovremmo guardare alla Germania, che ha dichiarato all’Assemblea degli Stati riunita nel dicembre 2020 che “si oppone a tutte le misure che interferiscono ingiustamente con l’esercizio delle funzioni giudiziarie della Corte … e proteggerà incessantemente la Corte e il suo personale contro qualsiasi pressione o minaccia esterna. ” Anche se potrebbe non essere stata l’intenzione, la dichiarazione della Germania sulla Palestina solo pochi mesi dopo – specialmente dopo che il tribunale ha emesso la sua sentenza – potrebbe essere vista essa stessa come un modo per “interferire ingiustamente” con le funzioni della Corte.

Manifestanti palestinesi si scontrano con le forze di sicurezza israeliane durante la Grande Marcia del Ritorno, vicino alla chiusura Israele-Gaza, a est di Rafah, nella Striscia di Gaza meridionale, il 5 aprile 2019 (Abed Rahim Khatib / Flash90)

È quindi preoccupante vedere presunti sostenitori della Corte penale internazionale e della giustizia internazionale gettare ombra sul processo giudiziario e abbandonare le vittime con tale sprezzante indifferenza. È particolarmente eclatante argomentare – come hanno fatto molti di questi stati – che i negoziati politici tra Palestina e Israele dovrebbero avere la precedenza su un processo criminale internazionale, il che implica che un tale processo ostacolerebbe “una pace globale, giusta e duratura nel medio oriente.”

Tali argomenti sono stati fatti in tutti i conflitti in cui vengono commessi crimini relativi allo Statuto di Roma, e non sono mai validi. Al contrario, perseguendo la responsabilità, la CPI può svolgere un ruolo fondamentale nel rompere il “ciclo dell’impunità” che così spesso frustra una pace durevole e giusta.

Corte sotto attacco
La Corte penale internazionale deve affrontare e ha dovuto affrontare molti altri attacchi. Alcuni stati, ad esempio, hanno cercato di limitare l’efficacia del pubblico ministero ponendo limiti impraticabili al bilancio del tribunale. Molto più preoccupanti sono stati gli attacchi degli Stati Uniti, in particolare sotto la presidenza di Donald Trump; sebbene il presidente Joe Biden abbia finalmente revocato le vergognose sanzioni del suo predecessore al pubblico ministero e al suo staff due settimane fa, c’è ancora incertezza su come Washington procederà nei rapporti con la Corte penale internazionale.

Tuttavia, se la CPI deve rimanere un meccanismo efficace e basato su regole per porre fine all’impunità per i crimini ai sensi del diritto internazionale, gli Stati devono rispettare le sue decisioni giudiziarie e l’autorità del pubblico ministero di esercitare la sua discrezione. Quando gli stati hanno contestato le decisioni della corte a seguito del loro mancato arresto del presidente al-Bashir, le questioni legali relative alle sue immunità sono state finalmente risolte dalla Camera d’appello della CPI.

Fatou Bensouda, procuratore capo della CPI. 17 giugno 2012. (Prachatai / Flickr / CC BY-NC-ND 2.0)

Anche gli Stati che stanno impugnando il caso sulla Palestina dovrebbero ora rispettare le decisioni del tribunale; possono avanzare contro-argomentazioni legali laddove hanno la facoltà di farlo, ma devono astenersi dal compiere attacchi politici al tribunale quando le decisioni non vanno come vogliono.

È tempo che tutti gli Stati difendano i diritti di tutte le vittime dei crimini dello Statuto di Roma, compresi quelli nei territori occupati. Come molte vittime nei territori occupati hanno detto alla nostra organizzazione, Amnesty International, “la Corte penale internazionale rappresenta la nostra unica speranza per ottenere responsabilità e giustizia a lungo negate”. E come ha sottolineato Amnesty in precedenza, “tutti gli stati che affermano di sostenere la giustizia internazionale devono avere un interesse comune nel sostenere la CPI nell’esercizio della sua giurisdizione sulla situazione in Palestina “.

È chiaro da tempo che, mentre il Procuratore si sposta per avviare indagini su situazioni che coinvolgono Stati potenti, la CPI e il suo personale saranno sempre più attaccati e minacciati. Infatti, nei giorni successivi alla decisione della Camera preliminare a febbraio, è stato riferito che Israele avrebbe “chiesto ai suoi alleati di fare pressioni sul procuratore della CPI” contro l’apertura di un’indagine della CPI. Con il nuovo procuratore, Karim Khan, che entrerà in carica il 16 giugno, non abbiamo dubbi che resisterà con forza a tali pressioni e sosterrà l’indipendenza reale e percepita del suo ufficio.

Tuttavia, considerando le dichiarazioni politiche dei potenti Stati membri, Khan sarà sottoposto a un controllo ancora maggiore per dimostrare la sua capacità di svolgere il suo mandato senza timori o favori. Gli Stati parte dello Statuto di Roma dovrebbero rimanere fermi nel loro sostegno alla CPI, all’indipendenza del pubblico ministero e, soprattutto, alle vittime che chiedono la loro giustizia in tribunale.

Matt Cannock è il capo del Centro di giustizia internazionale di Amnesty International.
Solomon Sacco è il vicedirettore del Law and Policy Program di Amnesty International.

 

 

http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/04/16/perche-il-sostegno-internazionale-alla-corte-penale-internazionale-si-ferma-alla-palestina/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.