PERCHE’ ISRAELE CONTINUA A DEMOLIRE IL VILLAGGIO DI AL-ARAQEEB NELLA PALESTINA OCCUPATA?

0
411

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/03/30/perche-israele-continua-a-demolire-il-villaggio-di-al-araqeeb-nella-palestina-occupata/

30 marzo 2021

https://www.middleeastmonitor.com/

Sheik Sayiah al-Turi, beduino a capo di un villaggio non autorizzato nel Negev, nel villaggio di al-Araqeeb vicino alla città israeliana meridionale di Beersheva il 17 settembre 2019 [HAZEM BADER / AFP via Getty Images]

La scorsa settimana, appena due giorni dopo le ultime elezioni generali israeliane, l’esercito di occupazione ha demolito il villaggio di Al-Araqeeb per la 185esima volta dal 2000. Il contesto è il Piano Prawer di giudaizzare la regione del Negev, considerato uno dei più pericolosi piani di insediamento ebraico dal 1948. Circa 197.700 acri sono sotto il diretto controllo di Israele nel Negev. Gli abitanti arabi sono stati espulsi per consolidare l ‘”ebraicità” dello stato coloniale.

La ripetuta demolizione di Al-Araqeeb fa parte del piano di Israele per “trasferire” – un eufemismo per “espellere” – gli arabi palestinesi dalla loro patria. Al-Araqeeb si trova a nord di Beersheba, nel deserto del Negev, nel sud della Palestina occupata. È uno dei 45 villaggi arabi che lo stato di occupazione non “riconosce”, il che significa che non si collega ai servizi pubblici. Il Negev copre oltre il 50% dell’area della Palestina storica, circa 27.000 chilometri quadrati. Come risultato del tasso di natalità palestinese, la popolazione indigena è aumentata da 15.000 nel 1948 a circa 260.000 all’inizio di quest’anno.

Altre demolizioni – Fumetto [Sabaaneh / MiddleEastMonitor]

Fin dai primi anni dell’occupazione dal 1948 in poi, le autorità israeliane hanno cercato il controllo diretto su ciò che restava delle terre beduine nel Negev al fine di sviluppare il suo arsenale militare (la struttura di armi nucleari di Dimona si trova lì) e di stabilire fattorie statali e private. All’inizio degli anni ’70, le autorità richiedevano al popolo del Negev di registrare la propria terra presso l’Amministrazione della terra israeliana, anche se il governo sapeva che la maggior parte dei beduini del Negev non conservava documenti relativi alla loro proprietà terriera e ai villaggi lì, specialmente nel capoluogo della regione, Beersheba.

È importante notare che l’area abitata dai beduini arabi nel Negev – che sono gli indigeni, ricordiamolo – non supera i 59.000 dei 3,3 milioni di acri del Negev. Nel 1948, i tribunali israeliani stabilirono che i beduini non avevano diritti di proprietà della loro terra e della terra dei loro antenati.

Gli israeliani sono stati in grado, attraverso rigide politiche demografiche e di insediamento, di non riconoscere l’espansione urbana araba nella regione del Negev. Hanno riunito i beduini del Negev in aree specifiche per diversi motivi, tra cui la rottura della loro concentrazione demografica in aree che hanno un’identità puramente araba. Una delle zone in cui furono reinsediati i beduini era la città di Mar’it. Questo fu sia uno sradicamento che un’espulsione forzata degli arabi del Negev. Ci sono molti piani israeliani per raggrupparli in tre aree nel sud della Palestina storica, vale a dire Dimona, Arad e Beersheba.

Allo stesso modo, il processo di raccolta può avvenire in sette villaggi invece che nei 70 villaggi beduini sparsi nel deserto del Negev, che non sono riconosciuti dal governo israeliano. Ciò renderà la vita dei beduini ancora più ai margini della società per quanto riguarda l’assistenza sanitaria,  l’istruzione e altri servizi pubblici.

Il piano Prawer è quello di confiscare circa 197.700 acri della loro terra e reinsediare gli arabi del Negev in un’area che è inferiore a 24.700 acri. La demolizione di Al-Araqeeb fa ancora una volta parte di questo piano.

Il prossimo governo israeliano, indipendentemente dalla sua affiliazione politica, confischerà più terra nel Negev nei prossimi anni, ma i beduini non saranno ancora riconosciuti come cittadini con pieni diritti in uno stato che afferma di essere una democrazia.

Lo stato di occupazione ei suoi centri di ricerca usano molti termini, incluso “il processo di sviluppo”, per giustificare i suoi insediamenti ebraici nel Negev (e in Galilea, nel nord). In effetti, ciò che è accaduto in Galilea dal 1948 è probabilmente il modello di ciò che è previsto per il Negev.

Alla fine della Nakba (Catastrofe) del 1948, 151.000 palestinesi furono lasciati nel nascente stato di Israele. Le cosiddette forze di “difesa” israeliane presero il controllo della proprietà e della terra dei rifugiati ai sensi della legge sugli assenti del 1950, per cui coloro che erano presenti nel loro paese come rifugiati in Cisgiordania, per esempio, o nella Striscia di Gaza, ma non risiedono nei loro villaggi e le città furono dichiarati “assenti” e le loro proprietà furono confiscate. Oggi, tali sfollati subiscono le umiliazioni di quella che è essenzialmente una cittadinanza di seconda classe come arabi nello “Stato ebraico” e non sono in grado di tornare alle loro case e alla terra da dove sono stati espulsi dal 1948 in poi.

In conclusione, l’ultima demolizione di Al-Araqeeb fa parte dello stesso processo per giudaizzare la terra di Palestina. Il processo inizia con la demolizione di case e infrastrutture e si conclude con l’espulsione degli arabi dai loro villaggi e città in tutta la Palestina.

Questo articolo è apparso per la prima volta in arabo su Al-Quds Al-Arabi il 29 marzo 2021

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Monitor.

 

 

http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/03/30/perche-israele-continua-a-demolire-il-villaggio-di-al-araqeeb-nella-palestina-occupata/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.