Petrolio, tensione futura tra Israele e palestinesi

Il giacimento Meged 5 si estende tra Israele e Cisgiordania. I palestinesi potranno fare esplorazioni? Domanda lecita dato che non controllato il 60% del loro territorio.

adminSito
martedì 5 novembre 2013 12:04

 immagine1

di Michele Giorgio – Il Manifesto 
Gerusalemme, 5 novembre 2013, Nena News

Una indiscrezionegirava ieri nell’imminenza dell’arrivo in Israele e nei Territori occupati del segretario di stato Usa John Kerry: Obama presenterebbe a gennaio un proprio piano per un accordo definitivo tra Israele e i palestinesi. Lo dice la presidente del «Meretz» Zahava Galon, aggiungendo che Kerry ne avrebbe informato Netanyahu nell’incontro a Roma. Si tratterebbe di un piano molto simile a quello presentato dall’ex presidente Usa Bill Clinton alla fine del 2000, fondato sulle linee del 1967 e su scambi territoriali. Presto si capirà la fondatezza dell’indiscrezione, intanto tutto allontana la già remota possibilità di accordo tra israeliani e palestinesi. A cominciare dalla corsa sfrenata alla colonizzazione dei Territori occupati fino all’ultimo annuncio del premier israeliano Netanyahu che sarà costruita una nuova barriera lungo il Giordano. La Valle del Giordano per Netanyahu è una «linea rossa» per tutti i futuri accordi.

E si aggiungono i forti interessi economici generati dall’occupazione militare. La Givot Olam, società petrolifera israeliana, ha comunicato che le sue recenti esplorazioni rivelano che il pozzo Meged 5, presso Rosh Hayin, avrebbe riserve di greggio ampiamente superiori a quelle stimate in passato: 3,53 miliardi di barili (circa un settimo delle riserve di petrolio del Qatar, per capirci) contro 2,15. L’euforia ha subito contagiato i responsabili israeliani del settore e gli operatori finanziari che in questi ultimi anni hanno festeggiato anche la scoperta di due ingenti giacimenti sottomarini di gas: Tamar e Leviatano. Tuttavia, proprio come nel caso della disputa in corso con il Libano per lo sfruttamento di quel gas, anche nel caso del Meged 5 è subito sorto un interrogativo: quella ricchezza petrolifera appartiene tutta a Israele o anche ai palestinesi della Cisgiordania occupata?

«Non sono un geologo ma considerando che il Meged 5 è vicinissimo alla “linea verde” (che internazionalmente divide Israele dai Territori occupati, ndr) la riserva nel sottosuolo deve per forza interessare anche il territorio della Cisgiordania. È naturale che sia così», ci ha detto Dror Ektes, un ricercatore sulle attività israeliane nelle terre palestinesi che conosce ogni centimetro della «linea verde». Per al Jazeera, che ha intervistato un funzionario israeliano, il Meged 5 si estenderebbe in un’area tra i 125 e 250 kmq e, inevitabilmente, anche in territorio palestinese.

D’altronde l’anno scorso fu anche un ex ministro, Efraim Sneh, ad ammettere che il petrolio del pozzo interessa un territorio che va dalla città israeliana di Rosh Hayin al villaggio palestinese di Rantis, presso Ramallah.

Sneh in quell’occasione parlò di collaborazione tra Israele e Anp di Abu Mazen, sulla base degli accordi di Oslo, a beneficio delle due parti. Dopo un anno le cose certo non vanno in quella direzione. E ora che il Meged 5 si è rivelato ancora più generoso è difficile immaginare l’inizio di una collaborazione per lo sfruttamento della ricchezza del petrolio. «Israele ci prende anche le risorse naturali, l’occupazione non riguarda solo le colonie e la confisca di terre» dice Ashraf Khatib, un esperto dell’Anp ricordando che i palestinesi hanno giacimenti sottomarini di gas davanti alle coste di Gaza ma non hanno mai potuto sfruttarli.

Qualcuno fa notare che il controllo esclusivo da parte di Israele della cosiddetta «Area C» della Cisgiordania (60% del territorio) non consente ai palestinesi l’accesso alla zona del Meged 5. Ed è molto probabile che il governo Netanyahu insisterà per avere quella porzione di terra in un ipotetico accordo permanente con i palestinesi mentre l’influente ministro del commercio e dell’industria, Nafatli Bennett, invoca l’annessione immediata a Israele dell’area C della Cisgiordania. Nena News

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam