Piantare alberi nel Negev non è “forestazione”, ma pulizia etnica

359

Articolo pubblicato originariamente su The Middle East Monitor e tradotto in italiano da Bocche Scucite

La polizia israeliana arresta un uomo mentre i beduini protestano nel villaggio meridionale israeliano di Sawe al-Atrash, nel deserto del Negev, contro un progetto di rimboschimento del Jewish National Fund (JNF), il 12 gennaio 2022. [AHMAD GHARABLI/AFP via Getty Images]

Dopo le proteste di massa dei residenti arabi e le minacce dei parlamentari arabi, il governo d’occupazione israeliano ha deciso mercoledì di sospendere il grande progetto del Fondo nazionale ebraico (JNF) di piantare alberi nel Negev. Il JNF è un ente quasi-governativo che sorveglia il tredici per cento della terra in Israele per essere usata esclusivamente dagli ebrei. Ha iniziato il suo progetto di piantagione domenica; per un valore di 150 milioni di NIS (48 milioni di dollari), è destinato a rimboschire grandi porzioni di terra nel Negev sotto la supervisione dell’Autorità fondiaria israeliana.

Il governo israeliano sostiene che si tratta di terra demaniale anche se comprende molti villaggi arabi, che il governo non ha mai riconosciuto e che quindi rimangono scollegati dai servizi pubblici come le reti idriche e fognarie, la rete elettrica e l’accesso alle telecomunicazioni. Tuttavia, gli israeliani di sinistra sostengono che si tratta di terra al centro di una disputa tra il governo e i residenti arabi locali. I palestinesi locali sanno che è la loro terra sulla quale hanno vissuto per secoli.

Piantare alberi e trasformare il deserto in un’area verde e in terreno agricolo è qualcosa di buono di cui tutti dovrebbero essere felici. Allora perché gli arabi palestinesi locali si oppongono?

A partire dagli anni ’40, i sionisti hanno occupato la Palestina ed espulso la popolazione locale in gran numero, sostituendola con immigrati ebrei che hanno assunto la “proprietà” della terra e delle case palestinesi. C’è chi ha resistito alla violenta pulizia etnica, chi si è trasferito in zone vicine, chi in zone che non erano state occupate nel 1948 e chi è fuggito del tutto dal paese.

Da allora, lo stato di occupazione tratta gli immigrati ebrei come veri cittadini, mentre gli abitanti originali che sono riusciti a rimanere nelle loro case nella terra occupata dal 1948 sono residenti “non riconosciuti” o, nel migliore dei casi, cittadini di seconda classe. Vengono chiamati arabi israeliani.

All’epoca, la JNF ha realizzato progetti di forestazione su vaste aree della terra occupata, anche sulle rovine dei villaggi palestinesi abbandonati, al fine di cambiare i fatti sul terreno e trasformare la Palestina in Israele. Il mio vicino Mustafa Abul Qumsan, 86 anni, è stato espulso dal suo villaggio nel 1948, quando aveva 12 anni. “Anni dopo l’occupazione”, mi ha detto, “sono andato a visitare il mio villaggio. Non ho trovato le nostre case. Ho trovato una foresta”.

Gli arabi palestinesi residenti in Israele sanno per esperienza che i progetti di forestazione sono usati per coprire le prove della pulizia etnica dei palestinesi locali. Indipendentemente da qualsiasi ragione economica o ambientale per la forestazione nel Negev, quindi, lo scopo principale è quello di rafforzare la presa di Israele sulla terra occupata prima della potenziale espansione della popolazione araba palestinese locale nella zona.

Israele dal 1948 cerca di espellere la popolazione locale dalle zone della Palestina occupata, specialmente dal Negev. In alcune aree, li rimuovono con la forza o demoliscono le loro case. Il villaggio “non riconosciuto” di Al Araqib, per esempio, è stato demolito dagli israeliani più di 150 volte dal 2011, e ricostruito dai suoi residenti in ogni occasione.

Per convincere gli arabi a lasciare i loro villaggi – e dare alla pulizia etnica una patina lucida – Israele ha più volte proposto loro di trasferirsi in aree urbanizzate con grattacieli dove possono godere dei servizi pubblici. Tutte queste proposte sono state respinte, perché la popolazione locale sa che sono un espediente per sradicarli dalla loro terra. Questo è contestato dai funzionari israeliani, naturalmente.

La polizia israeliana a cavallo fa la guardia mentre i bulldozer lavorano durante una protesta dei beduini nel villaggio meridionale israeliano di Sawe al-Atrash, nel deserto del Negev, contro un progetto di rimboschimento del Jewish National Fund (JNF), il 12 gennaio 2022. [AHMAD GHARABLI/AFP via Getty Images]

“Non c’è nessuna espulsione”, ha dichiarato Alon Tal MK al Times of Israel. “Queste sono terre nazionali; abbiamo il diritto di proteggerle per tutti i cittadini, e un modo per farlo è piantare alberi”. Alon ha supervisionato la forestazione al JNF per più di un decennio. “La Israel Land Authority vuole tenere la terra, che è il loro lavoro. I beduini [i palestinesi del Negev] sono abusivi, e un modo per farli smettere è piantare alberi”. Le parole del membro della Knesset spiegano la vera intenzione dietro il piano di forestazione del governo israeliano e della JNF.

I palestinesi del Negev hanno vissuto pacificamente sulla loro terra per secoli prima dell’occupazione israeliana. La loro sola presenza significava la proprietà; non avevano bisogno né avevano (nella maggior parte dei casi) documentazione per provarlo. Lo stato di occupazione, invece, esige di vedere tale prova di proprietà. Ha imposto molte leggi oppressive volte a privare i palestinesi dei loro diritti di proprietà, e sa bene che la maggior parte degli abitanti del Negev non ha titoli di proprietà o documenti simili.

Dagli anni ’70, decine di arabi palestinesi sono andati in tribunale nel tentativo di provare la proprietà della loro terra. Hanno perso le loro cause o i tribunali hanno ritardato il processo. Nel frattempo, le autorità di occupazione hanno accelerato il furto della terra distruggendo i villaggi non riconosciuti, peggiorando le condizioni di vita, bloccando la costruzione di nuove case e realizzando progetti di forestazione e urbanizzazione.

“Oggi, ci sono circa 125.000 acri di terra contesa”, ha spiegato Hanna Noach, che co-dirige il Negev Coexistence Forum di sinistra. “I beduini vengono convocati in tribunale e viene loro chiesto di provare la loro proprietà, ma a parte la tradizione orale, spesso non hanno nulla da mostrare”.

L’aspetto ideologico di questa vecchia-nuova presa di terra è evidente. L’estremista di  destra Itamar Ben Gvir è un parlamentare e capo del partito Otzma Yehudit, che è apertamente antiarabo. La forestazione è uno strumento per la pulizia etnica di Israele in Palestina, non un obiettivo in sé.

“Oggi, l’ordine del giorno è raggiungere il Negev e prendere parte all’importante mitzvah [comandamento] di lottare per la Terra d’Israele”, ha dichiarato il Jerusalem Post. Ha aggiunto di aver parlato con un’autorità religioso-sionista, Dov Lior, ex rabbino capo di Hebron e Kiryat Arba, “che ha stabilito che è lecito piantare alberi per la lotta per la Terra d’Israele, e ha invitato tutti i membri della Knesset a venire nel Negev per far fiorire il deserto”.

Secondo il ministro delle comunicazioni israeliano Yoaz Hendel, scrivendo su Facebook: “Ci sono molte zone del paese dove, quando non si coltiva la terra, la si perde… Alla vigilia di Tu Bishvat [una festa ebraica celebrata come giornata di consapevolezza ecologica], l’agricoltura dovrebbe essere riconosciuta e piantare è la soluzione ovunque, e così sarà fatto anche quest’anno.”

Le intenzioni di Israele sono molto chiare. Vuole quanta più terra palestinese possibile, con il minor numero possibile di palestinesi che ci vivono. Questo è il senso della forestazione. L’ecologia e l’ambiente non c’entrano nulla. I palestinesi lo capiscono, lo vediamo tutti, ma nessuno fa niente per fermarlo, lasciando i residenti locali ad affrontare da soli le autorità di occupazione israeliane mentre la comunità internazionale, complice, sta a guardare.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.