“Possiamo ricostruire le case, ma non possiamo recuperare i ricordi delle nostri vite”

0
424

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/43415

23/07/2021

Nella seconda parte di un blog in due parti, Haitham Saqqa, assistente del Programma Medical Aid for Palestinians (Assistenza Medica per i Palestinesi – MAP) a Gaza, condivide il suo vissuto dell’offensiva militare israeliana a Gaza a maggio e del suo impatto sulle persone con disabilità.

Fonte: english version

Di Haitham Saqqa – 20 luglio 2021

Nella seconda parte di un blog in due parti, Haitham Saqqa, assistente del  Nella prima parte, Haitham ha descritto la sua vita sotto occupazione e le sue esperienze nelle tre precedenti grandi offensive militari del 2008/2009, 2012 e 2014. Qui racconta l’impatto del recente assalto israeliano nel maggio 2021.

Anche se l’ultimo attacco a Gaza è stato simile ad altri, è stata un’esperienza nuova per me. Ora sono un padre e un marito; le mie responsabilità non riguardano solo la mia vita e come proteggermi, ma sono responsabile anche verso mia moglie e mia figlia Laure di tre anni, che sta vivendo la guerra per la prima volta.

Inoltre, è la prima volta che subisco attacchi mentre vivo in un condominio al terzo piano. A Gaza, quando si parla di guerre, questo include l’orribile esperienza di edifici abbattuti dai razzi. Gli attacchi del 2014 si sono conclusi con la distruzione totale degli edifici residenziali a torre e, nel 2021, gli attacchi aerei israeliani sono iniziati da dove avevano lasciato sette anni fa. Due degli edifici distrutti a maggio appartenevano ai miei cugini e si trovavano nella stessa strada in cui vivo.

La distruzione di questi edifici è iniziata con quello che le forze israeliane chiamano un “razzo di avvertimento”. Anche se sembra qualcosa di piccolo, è un vero razzo di un aereo da guerra, che può uccidere e ha già ucciso persone. Non sono sicuro di cosa immaginino le persone quando sentono parlare di “razzi di avvertimento”. Non è un messaggio di testo o una lettera, ma un razzo. Come si possono usare missili da guerra per avvertire gli esseri umani?

I razzi di avvertimento per me sono meschini e devastanti. Non danno alle persone abbastanza tempo per evacuare le loro case. Mettono le persone in uno stato di panico, anche se la maggior parte di noi prepara piccole borse e valigie durante questi attacchi con dentro i nostri documenti e oggetti importanti. Ma alcune persone dimenticano di prenderli, o non hanno il tempo di prenderli quando stanno evacuando.

Un enorme razzo di avvertimento ha colpito una banca nella mia strada, vicino a dove vivevano i miei cugini. Ne sono seguiti un secondo e un terzo. L’attacco avrebbe dovuto colpire la banca stessa, ma ha distrutto i due edifici dei miei cugini. Nove famiglie di oltre 60 persone sono state sfollate dalle loro case, solo perché abitavano vicino alla banca. I miei cugini hanno perso la casa il giorno di Eid al-Fitr. Mi chiedo come i loro figli ricorderanno e festeggeranno l’Eid in futuro.

Alcune delle persone sfollate da questi bombardamenti stanno con noi ora, mentre altre sono a casa dei nostri parenti o amici. La perdita delle loro case è orribile, ma le case si possono ricostruire. Quello che non possiamo recuperare sono i ricordi personali con i nostri cari e la nostra storia in queste case. La tua vita privata diventa pubblica quando tutte le tue cose in frantumi finiscono tra le macerie nelle strade e la tua vita diventa una storia per giornalisti e fotografi. Ci sono più di 8.200 persone a Gaza ancora sfollate a causa degli attacchi di Maggio.

Prima del bombardamento della mia strada, consolavo mia figlia dicendole che le esplosioni che aveva sentito erano fuochi d’artificio. Era sempre spaventata. Sono sicuro che non fosse del tutto convinta, ma si fidava di suo padre.

Questo fino al momento in cui questo razzo di avvertimento ha colpito la nostra strada e lei lo ha visto dalla sua camera da letto. Ha sentito la forte esplosione, ha visto la polvere, il fumo e il fuoco proprio davanti ai suoi occhi. Ha visto le case dei suoi cugini in una nuvola di fumo e ha fatto un milione di domande come: “Cosa vogliono da noi?” e “Perché ce l’hanno con noi?”. Ho dovuto pensare a un milione di risposte.

Ho sempre desiderato e sperato che mia figlia potesse godersi la sua infanzia e seguire i suoi sogni come gli altri bambini del mondo. Ma è tutto fuori dal mio controllo, non posso fermare la guerra. Quello che posso fare, però, è essere onesto con lei e insegnarle la vita, insegnarle la resilienza, insegnarle la pace e l’amore.

Sono felice di lavorare con MAP. Mi ha dato l’opportunità di impegnarmi con la mia gente, specialmente durante i periodi di guerra e di crisi. Sono lieto di avere l’opportunità di apprendere e condividere le mie esperienze, in particolare per quanto riguarda i diritti delle persone con disabilità. Sono considerato una persona con disabilità: sono affetto da nanismo.

Sfortunatamente, con ogni guerra o attacco, il numero di persone con disabilità aumenta. C’è ancora molto isolamento sociale e mancanza di diritti per le persone con disabilità a Gaza. Considero la mia una storia di successo e un esempio per molte persone con disabilità. Il mio percorso non è stato facile dall’infanzia fino ad ora, a causa dell’emarginazione che ho dovuto affrontare e della mancanza di accessibilità che ho sperimentato nella mia vita quotidiana.

Molte persone non mi hanno preso sul serio fin dall’inizio, ma ho subito dimostrato loro che non siamo diversi come persone con disabilità. Oggi guardo all’enorme numero di persone che hanno sperimentato la disabilità, sia durante i precedenti assalti a Gaza sia durante le proteste della “Grande Marcia del Ritorno”. Vedo ancora che c’è molto lavoro da fare in questo ambito.

I 14 anni di blocco e chiusura illegale che sono stati imposti a Gaza hanno avuto un grave impatto sulle persone con disabilità. Le restrizioni sulle importazioni di combustibile per la produzione di energia elettrica hanno portato a frequenti interruzioni di corrente, colpendo persone con disabilità che potrebbero aver bisogno di ricaricare le batterie di dispositivi di assistenza come sedie a rotelle e apparecchi acustici, o utilizzare ascensori. Molti faticano a riparare o sostituire i dispositivi di assistenza che si guastano. Le restrizioni al movimento bloccano le opportunità di viaggiare per istruzione, assistenza sanitaria o altre attività. L’impatto disastroso del blocco economico e della disoccupazione colpisce in modo sproporzionato le persone con disabilità.

Mentre tutti a Gaza cercano di sopravvivere a una situazione disperata, le persone con disabilità sono tra le più colpite. Al MAP, continueremo a collaborare con chiunque per sfidare l’indifferenza sulla disabilità e difendere i diritti dei palestinesi con disabilità. Continueremo a chiedere che Israele, in quanto potenza occupante, garantisca i diritti di movimento dei palestinesi, l’accesso all’assistenza sanitaria e ai servizi essenziali, e la protezione in tutta Gaza e nell’intero territorio palestinese occupato.

Questo è la seconda parte di un blog in due parti di Haitham Saqqa, assistente del programma MAP a Gaza. Potete leggere la prima parte qui.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

“Possiamo ricostruire le case, ma non possiamo recuperare i ricordi delle nostri vite”

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.