Processo George Floyd: poliziotto tre volte colpevole per omicidio

512

tratto da: https://www.remocontro.it/2021/04/21/processo-george-floyd-il-poliziotto-tre-volte-colpevole-per-omicidio/

Remocontro Remocontro 21 Aprile 2021

 

L’ex agente di polizia Derek Chauvin è stato riconosciuto colpevole per la morte di George Floyd. Il verdetto conferma per l’ex poliziotto tutti e tre i capi di accusa: omicidio colposo, omicidio di secondo grado preterintenzionale e omicidio di terzo grado. Il verdetto è stato accolto da applausi e grida di gioia che da Minneapolis sono rimbalzate a New York, Chicago, Philadelphia, Dallas e in tutte le città dove, temendo un risultato diverso, i negozi erano stati barricati e gli elicotteri giravano per monitorare una situazione che era un’esplosione annunciata. E l’esplosione c’è stata, ma di sollievo. Giustizia per George Floyd è fatta.

Giustizia è fatta

Dopo tre settimane di audizioni, 46 testimoni, e la continua riproposizione delle ultime immagini di George Floyd, ucciso a Minneapolis, in Minnesota, il 25 maggio 2020, il processo è arrivato al verdetto. Quel ginocchio che il 25 maggio 2020 ha soffocato George Floyd, che implorava di lasciarlo respirare – «I can’t breathe» le sue ultime parole, potrebbe costare fino a 40 anni di carcere al 46enne poliziotto, che ha lasciato l’aula di tribunale in manette.

Sollievo dopo i timori di ingiustizia

Fuori dal tribunale, la folla che a Minneapolis è esplosa in applausi e cori. Scene analoghe anche in molte altre città americane per quello che è certamente uno dei processi più seguiti nella storia d’America, con una copertura mediatica assoluta e gli occhi della comunità afroamericana che pretendeva una condanna per quello che tutto il mondo aveva visto nei drammatici video degli ultimi momenti della vita di George Floyd.

Temendo un risultato diverso, in molto città i negozi erano stati barricati e gli elicotteri giravano per monitorare una situazione di estrema tensione. Esplosione annunciata, per fortuna di entusiasmo, come sottolinea Marina Catucci.

Processo difficile

Impegno difficile per i giurati, «12 persone, 6 bianche, 4 nere e 3 multirazziali», precisa il Manifesto, dettaglio molto importante in un processo di tanta portata razziale. Indicative della partita giuridico politica in campo, le arringhe conclusive di accusa e difesa e letture contrapposte  sulle stesse circostanze che hanno portato alla morte di Floyd. Per l’accusa è stato un atto deliberato da parte di Chauvin, per la difesa il poliziotto ha solo seguito il protocollo mentre era circondato da una folla inferocita.

Timori in tutti gli Stati Uniti multirazziali

A Minneapolis tribunale praticamente blindato come una postazione in zona di guerra, ma anche a New York, Los Angeles, Chicago, Dallas, Philadelphia, si respirava  l’aria di prima della tempesta nel timore di nuovi scontri per un verdetto blando. A Brooklyn Center,  cittadina poco lontana da Minneapolis, da 10 giorni vi sono proteste e violenti scontri per l’uccisione da parte della polizia di un altro afroamericano, il 20enne Amid Wright, al punto che il sindaco ha ordinato il coprifuoco.

Biden per una ‘sentenza chiara’

Sul processo Chauvin si era espresso in giornata anche il presidente Joe Biden, rispondendo a una domanda di una giornalista: «Sto pregando che il verdetto sia giusto, di un’evidenza schiacciante dal mio punto di vista». Colpevolista netto senza dirlo apertamente,  e solo a giuria isolata, ad elaborazione di sentenza, ma le polemiche non mancheranno. Resta una dichiarazione molto inusuale per un presidente, ma Biden è ben consapevole del ruolo giocato dalla comunità afroamericana nella sua elezione, e ha voluto rimarcare il proprio appoggio in quello che è un tema cruciale.

‘Svolta storica’ ma solo un inizio

«Una svolta storica», il primo commento del legale della famiglia di George Floyd. Familiari che avevano ricevuto la telefonata del presidente Biden, che dichiarerà pubblicamente, come la vice Kamala Harris, nelle prossime ore. «Il verdetto di oggi è un importante passo in avanti per la giustizia in Minnesota. Il processo si è chiuso ma il nostro lavoro è solo all’inizio», ha detto il governatore del Minnesota, Tim Waltz.

Sollievo dell’America non razzista

Per una parte dell’America è un sospiro di sollievo. Una punizione che dovrebbe scongiurare i disordini della comunità afroamericana. Verdetto chiave nella lunga storia di battaglie contro la violenza della polizia americana, soprattutto nei confronti delle comunità afroamericana ed ispanica, ed è destinata a creare un precedente anche in tanti altri processi. La decisione di oggi potrebbe accelerare una riforma della polizia, a livello federale e a livello locale, attesa da troppo tempo negli Stati Uniti.

 

Remocontro
REMOCONTRO

 

Processo George Floyd: poliziotto tre volte colpevole per omicidio

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.