Professori e attivisti condannano Zoom per aver censurato l’evento di Leila Khaled

0
123

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/40610

18/10/2020

Zoom non dovrebbe nè interferire nè avere alcun potere sul contenuto del nostro programma di studi e aule

Fonte – English version

Michael Arria – 14 ottobre 2020

Immagine di copertina: Leila Khaled partecipa a una manifestazione presso la sede del comitato internazionale per la Croce Rossa nella città di Gaza il 10 dicembre 2012.

A settembre, il programma di videoconferenza Zoom ha negato i suoi servizi per un panel online che presentava Leila Khaled, militante del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP).
L’evento in aula aperta è stato sponsorizzato dal programma di studi sulle etnie arabe e musulmane e sulla diaspora della San Francisco State University (SFSU) e dal dipartimento di studi di genere e delle donne.

Zoom ha affermato di aver annullato l’evento per conformarsi alle leggi antiterrorismo degli Stati Uniti. Khaled è stata protagonista di due dirottamenti (nel 1969 e nel 1970), ma non ha mai ucciso nessuno.

“Zoom si impegna a supportare lo scambio aperto di idee e conversazioni, fatte salve alcune limitazioni contenute nei nostri Termini di servizio, comprese quelle relative alla conformità degli utenti con le leggi statunitensi in materia di controllo delle esportazioni, sanzioni e antiterrorismo”, ha dichiarato. “Alla luce dell’affiliazione o dell’appartenenza dell’oratore a un’organizzazione terroristica straniera designata dagli Stati Uniti e dell’incapacità di SFSU di confermare il contrario, abbiamo stabilito che l’incontro viola i Termini di servizio di Zoom, impedendo a SFSU di utilizzare Zoom per questo particolare evento.”

Poco dopo che Zoom ha annunciato la sua decisione, Facebook ha rimosso la pagina dell’evento del panel per il webinar. Gli organizzatori hanno tentato di tenere il discorso su YouTube, ma quella piattaforma ha interrotto lo streaming di 20 minuti dall’inizio dell’evento e ha affermato che violava i loro termini di servizio.

Il 9 ottobre, i partecipanti ad una conferenza sul massacro di Sabra e Shatila hanno rilasciato una dichiarazione in cui si condanna la decisione di Zoom e si chiede alla SFSU di difendere la libertà accademica. I partecipanti alla classe includevano il dottor Rabab Abdulhadi, professore alla SFSU, ed Ellen Siegel, una sopravvissuta al massacro di Sabra e Shatilla.

“Ricordiamo che è stata la soppressione delle voci dei palestinesi sradicati e sfollati che ha portato i palestinesi, tra cui Leila Khaled, a un’azione così drastica di dirottamento di aerei nel 1969 per portare all’attenzione del mondo le ingiustizie che il suo popolo ha subito e continua a soffrire oggi.” – Si legge nella dichiarazione del gruppo – “Né Zoom né SFSU devono essere autorizzati a bloccare le voci delle persone che subiscono gravi ingiustizie. Interrompere la libertà di parola è un crimine contro la giustizia”.

La dichiarazione corrisponde a una petizione, compilata da professori e studenti interessati, chiedendo che SFSU tenga un evento riprogrammato e rinnovi il suo impegno a difendere la libertà accademica. “La governance condivisa dell’università garantisce che il contenuto del corso debba essere di competenza della facoltà”, si legge. “Questo è un elemento importante della libertà accademica. Qualunque siano le forze in gioco a Zoom, la loro azione è servita a una specifica missione politica e ideologica: interrompere il sostegno e il dibattito sulla libertà palestinese e le critiche al dominio coloniale di Israele sulla Palestina nei campus universitari e oltre “.

Anche la California Faculty Association (CFA) ha rilasciato una risoluzione sulla questione, insieme a una lettera al presidente della SFSU Lynn Mahoney che la invita a rivedere l’accordo della scuola con Zoom.
Il dottor Rabab Abdulhadi ha detto a Mondoweiss che la continua pressione dell’opinione pubblica su Zoom è stata cruciale, nonostante il fatto che l’evento sia già accaduto. “È essenziale chiedere che SFSU e tutte le nostre istituzioni accademiche e non accademiche siano dichiarate responsabili della censura di Zoom del nostro webinar in aula aperta”, ha affermato. “Zoom non dovrebbe nè interferire né avere alcun potere sul contenuto del nostro programma di studi e aule. Ciò ha implicazioni per tutti coloro che sono diventati dipendenti da società tecnologiche private, specialmente nell’era della pandemia COVID-19 “.

Questi argomenti sono stati ripresi dal Palestine Feminist Working Group. “Poiché ci affidiamo sempre più alle piattaforme digitali per coinvolgere un pubblico più ampio, e soprattutto poiché lo spazio per il coinvolgimento faccia a faccia si è ristretto sulla scia del COVID-19, sappiamo che questo tipo di soppressione sarà utilizzato come arma per mettere a tacere qualsiasi comunità emarginata che utilizzi spazi digitali per dare voce all’opposizione ai sistemi oppressivi in cui viviamo “, si legge nella dichiarazione. “Mentre siamo profondamente consapevoli delle logiche sistemiche del razzismo inerenti alle tecnologie digitali per le comunità razzializzate, le piattaforme digitali producono anche opportunità di socialità di fronte alla cancellazione. Se le piattaforme digitali continuano ad avere il potere di dettare i termini della conversazione, e se continuiamo a dover chiedere il permesso a massicci conglomerati tecnologici per condividere le nostre storie vitali, possiamo solo aspettarci un’ulteriore limitazione di ciò che lo studioso palestinese Edward Said ha chiamato ‘permesso di narrare.’”

Trad: Lorenzo Poli “siamo realisti, esigiamo l’impossibile” – Invictapalestina.org

 

Professori e attivisti condannano Zoom per aver censurato l’evento di Leila Khaled

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.