PROGRAMMA ALIMENTARE MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE PER RIDURRE GLI AIUTI A 190.000 PALESTINESI

0

A Palestinian man pushes a cart with sacs of food after collecting aid provided by the UN agency for Palestinian refugees UNWRA, in Gaza City on January 17, 2018
The UN agency for Palestinian refugees faces its worst funding crisis ever after the United States froze tens of millions of dollars in contributions, its spokesman said today. / AFP PHOTO / MOHAMMED ABED

La mossa arriva dopo che l’agenzia delle Nazioni Unite per i palestinesi ha affermato che “i bassi livelli di finanziamento da record” significherebbe aiuti per mezzo milione di persone in meno.

Copertina – La maggior parte dell’aiuto fornito dal WFP è attraverso carte elettroniche che le persone usano per acquistare cibo in una rete di 185 negozi (AFP)

20 dicembre 2018

Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha tagliato gli aiuti alimentari a circa 190.000 palestinesi a Gaza e nella Cisgiordania occupata a partire dal prossimo mese a causa della carenza di fondi, ha detto un funzionario di alto livello del WFP per i Territori palestinesi.
L’annuncio di mercoledì segue il taglio dei finanziamenti degli Stati Uniti alle agenzie umanitarie che lavorano nei Territori occupati, la qual cosa, ha detto questa settimana l’agenzia delle Nazioni Unite responsabile per i profughi palestinesi, significa che mezzo milione di palestinesi in meno saranno destinatari di aiuti.
“L’assistenza del WFP è stata un’ancora di salvezza per decine di migliaia di persone che hanno esaurito tutte le loro scarse risorse mentre cercavano di far fronte a continue e crescenti difficoltà”, ha detto Stephen Kearney, direttore del WFP in Palestina.
“Mentre il divario tra l’aumento del fabbisogno alimentare e le risorse disponibili continua ad ampliarsi, il WFP non ha altra alternativa che prendere queste difficili decisioni”.
Dal 1° gennaio, l’agenzia delle Nazioni Unite sospenderà l’assistenza alimentare a 27.000 persone in Cisgiordania.
Inoltre, gli aiuti alimentari a 165.000 persone nel territorio e nella Striscia di Gaza assediata sarebbero ridotti del 20% da 10 a 8 dollari a persona ogni mese.
I tagli degli Stati Uniti hanno interessato il 40% del finanziamento totale del WFP, ha detto Kearney.
“Il principale donatore che abbiamo avuto negli ultimi anni sono stati gli Stati Uniti, che hanno tagliato i finanziamenti, non solo all’UNRWA, che lavora con i rifugiati a Gaza, ma anche al resto della comunità umanitaria, incluso il WFP”, ha detto.

“Chiediamo alla comunità internazionale dei donatori di rafforzare il proprio sostegno e aiutarci a impedire ulteriori difficoltà”.
Kearney ha detto che i problemi di fondo di Gaza rimarranno finché Israele manterrà il suo blocco e le lotte intestine palestinesi continueranno, impedendo una soluzione politica.
Un portavoce dell’Autorità palestinese, che esercita un limitato autogoverno in Cisgiordania, ha rifiutato di commentare.
A Gaza, Fawzi Barhoum, portavoce del gruppo di governo di Hamas, ha esortato l’ONU a “continuare a provvedere ai bisogni dei palestinesi fino a quando non recupereranno la loro libertà”.

‘Bassi livelli di finanziamento da record’

Lunedì, l’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, ha detto di stare affrontando “bassi livelli di finanziamento da record”, nonostante un “grave deterioramento” della situazione umanitaria nei Territori occupati e nella striscia di Gaza in particolare.
Annunciando il suo piano di risposta umanitaria per il prossimo anno, Jamie McGoldrick, coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per i Territori palestinesi, ha detto che l’UNRWA si aspetta di ricevere 200 milioni di dollari in meno dai finanziamenti nel 2019 – una riduzione da 550 milioni di dollari nel 2018 a 350 milioni.

Humanitarian Response Plan 2019

Ha detto che circa 2,5 milioni di persone sono state identificate come bisognose di assistenza umanitaria, ma che una “crescente penuria nel contesto dell’esercizio” ha fatto sì che l’UNRWA si scostasse da un approccio da “ordinaria amministrazione” a uno che riflette “le realtà attuali in cui operiamo”.
“Destinando a 1,4 milioni persone l’assistenza umanitaria, il Piano di risposta umanitaria (HRP) si basa sul numero massimo di persone vulnerabili che realisticamente crediamo di poter raggiungere nell’attuale clima politico di non contributi e risorse”, ha scritto McGoldrick in un preambolo al piano.

Spirale verso il basso

La maggior parte dell’aiuto fornito dal WFP è attraverso carte elettroniche che le persone usano per acquistare cibo in una rete di 185 negozi.
Palestinesi e operatori umanitari temono che i tagli provocheranno una spirale verso il basso, poiché le persone comprano meno dalle aziende che, a loro volta, acquistano meno dai fornitori.
Nella cittadina di Gaza di Deir al-Balah, il negoziante Mohammad Al-Dirawi ha detto di aver guadagnato circa 400 nuovi clienti da quando ha aderito al programma e ha assunto tre nuovi lavoratori.
“Dipendiamo per il 90% del lavoro dal WFP”, ha affermato. “Dio non voglia, se si ferma, potremmo non essere in grado di portare avanti il supermercato.”
Aref Abdel-Jawwad, proprietario di un caseificio di Deir Al-Balah, ha detto che vende dal 50 al 70% dei suoi prodotti ai negozi approvati dal WFP.
Teme di dover ridurre le ore dei suoi dipendenti, ognuno dei quali guadagna circa 300 dollari al mese.
Mustafa Kassiha, un produttore di latte a Rafah, ha detto che il caseificio di Abdel-Jawwad compra tutto il suo latte.
“Questo è il nostro unico reddito, non c’è alternativa “, ha detto.
Gli Stati Uniti, che in precedenza contribuivano con centinaia di milioni di dollari all’UNRWA, in agosto hanno dichiarato che avrebbero smesso di sostenere l’agenzia delle Nazioni Unite, che hanno definito “un’operazione irrimediabilmente imperfetta”.

Si dice che l’amministrazione di Donald Trump sostenga azioni per ridurre drasticamente il numero di palestinesi riconosciuti come rifugiati, da più di cinque milioni, a circa un decimo di quel numero.

Traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina.org
Fonte: https://www.middleeasteye.net/news/un-world-food-programme-cut-back-aid-190000-palestinians-647489959?fbclid=IwAR2ItA0hKmaxgeylefxEACjmaDJjo4zBcOECViv2T9jJt_rRkXP69id6Thg

 

 

Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite per ridurre gli aiuti a 190.000 palestinesi

Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite per ridurre gli aiuti a 190.000 palestinesi

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.