‘Punirli anche con la pena di morte’: politici israeliani sui detenuti in sciopero

Evidenza Prigionieri palestinesi – 2/5/2012

Ramallah – InfoPal. Ra’faat Hamduna, direttore del Centro per i Prigionieri, si dice preoccupato per le dichiarazioni provenienti da ambienti politici israeliani riguardo lo sciopero della fame a oltranza dei detenuti palestinesi.

Il ministro per la Sicurezza Interna di Israele,Yitzhak Aharonovich, definisce i detenuti palestinesi “terroristi dalle mani sporche di sangue”.

Shaul Mofaz, leader di fresca nomina del partito Kadima, a capo del Comitato per gli Affari con l’Estero, chiede di “inasprire le misure contro i detenuti palestinesi”.

Il ministro degli Esteri, Avigdor Lieberman, chiede di sbarazzarsi dei detenuti palestinesi, e Silvan Shalom, vice premier di Israele, chiede di “applicare nei loro confronti la pena di morte”.

Ancora, dal partito di maggioranza, il Likud, i deputati Danny Danon e Yisrael Katz, ministro dei Trasporti, promuovono l’adozione di nuove leggi punitive per i detenuti palestinesi.

Questo è lo scenario del quale Hamduna, si dice preoccupato, anche per il silenzio dimostrato dal premier israeliano, Benjamin Netanyhau, impeganto sul fronte elettorale interno.

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

http://www.infopal.it/punirli-anche-con-la-pena-di-morte-politici-israeliani-sui-detenuti-in-sciopero/

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam