Punizione collettiva su Issawiya da 5 giorni

0

News – 16/4/2019

Gerusalemme-Ma’an. Martedì, per il quinto giorno consecutivo, le autorità israeliane hanno continuato la dura repressione sul quartiere di Issawiya, nella città del distretto della Gerusalemme occupata. I palestinesi gerosolimitani denunciano di essere sottoposti a “punizioni collettive” attraverso chiusure di strade, ricerche arbitrarie e detenzioni di massa.

Muhammad Abu al-Hummus, membro di un comitato di controllo locale, ha affermato che da cinque giorni consecutivi, le forze israeliane fanno irruzione a Issawiya e hanno istituito posti di blocco all’ingresso.
Abu al-Hummus ha aggiunto che le forze israeliane hanno istituito i posti di blocco dalle prime ore dell’alba e condotto ricerche approfondite su veicoli e autobus di proprietà palestinese.

Inoltre, le forze israeliane hanno anche controllato le carte d’identità dei conducenti palestinesi e hanno svolto controlli di base.

Le forze israeliane hanno anche arrestato cinque giovani palestinesi dopo essere entrati nelle loro case.

Le aree palestinesi nella Gerusalemme Est occupata hanno visto un afflusso di coloni israeliani che ha portato demolizioni di case e lo sfratto delle famiglie native palestinesi, nonché una maggiore presenza di forze israeliane e di polizia.

Issawiya è sottoposta a raid della polizia e restrizioni alla libertà di movimento per i palestinesi locali sotto forma di blocchi stradali e ricerche arbitrarie. A causa della natura aggressiva dei raid, i giovani locali a volte lanciano sassi o cocktail Molotov contro le forze di occupazione.

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

Punizione collettiva su Issawiya da 5 giorni

Punizione collettiva su Issawiya da 5 giorni

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.