PUO’ GAZA FAR FRONTE A COVID-19 DOPO ANNI DI BLOCCO?

0
273

tratto da: INVICTA PALESTINA

25/03/2020

Il coronavirus potrebbe devastare il territorio palestinese, già colpito duramente dalle restrizioni israeliane

Fonte – English version

Hazem Balousha a Gaza City e Oliver Holmes a Gerusalemme – 23 mar 2020

Immagine di copertina: Lavoratori  sterilizzano una strada nella città di Rafah, nella striscia meridionale di Gaza, dopo che due palestinesi a Gaza sono risultati positivi al Covid-19. Fotografia: Xinhua / Rex / Shutterstock

Mentre i Paesi chiudevano i confini, imponevano il coprifuoco e sospendevano gran parte della vita quotidiana, Gaza – sotto  assedio da anni – era in qualche modo isolata dalla pandemia di coronavirus. Ma, come accaduto in gran parte del resto del mondo, Covid-19 ha trovato il modo per  penetrare anche qui.

Nelle prime ore di domenica mattina, funzionari della sanità palestinese hanno annunciato i primi due casi a Gaza, viaggiatori  rientrati dal Pakistan attraverso il valico egiziano. Facevano parte di quel piccolo flusso di persone, circa 1.300, arrivate nella Striscia e poste in strutture di quarantena, principalmente scuole e hotel vuoti.

Medhat Abbas, direttore generale  della medicina di base a Gaza, ha affermato che anche altre persone con cui la coppia era venuta in contatto erano state messe in quarantena. “In questa fase, non occorre farsi prendere dal panico”,  ha detto Abbas.

“Siamo in grado di trattare i casi esistenti e altri eventuali numeri limitati, ma se la pandemia aumenta, come è accaduto in alcuni Paesi, avremo bisogno di un intervento internazionale”, ha affermato. Gaza ha solo 40 posti letto di terapia intensiva, o 100 in condizioni di emergenza, ha aggiunto – molto meno di quanto sarebbe necessario se scoppiasse un  focolaio.

Per quasi un decennio e mezzo, questa minuscola fetta di terra vive sotto uno schiacciante blocco – israelo-egiziano, quello che i locali chiamano “assedio” .

“Ci siamo abituati all’isolamento”, ha detto Ahlam al-Madhoun, 45 anni, mentre acquista del cibo  in un supermercato. “Il mondo capirà che l’isolamento in cui vivono da 14 giorni è lo stesso di quello in cui viviamo da 14 anni?”

Mentre il blocco  avrebbe potuto isolare Gaza dalla pandemia, o nella migliore delle ipotesi ritardare il suo ingresso, potrebbe anche causare una catastrofe se il virus si dovesse diffondere.

Lunedì, B’Tselem, gruppo israeliano per i diritti umani, ha accusato Israele di aver trasformato la Striscia nella “più grande prigione a cielo aperto del mondo”, condizione non  particolarmente adatta per affrontare la pandemia.

“Israele non potrà declinare la colpa, se questo scenario da incubo si dovesse trasformare in una realtà che lui stesso ha creato e per prevenire la quale non ha fatto  alcuno sforzo “, ha detto.

Anni di severe restrizioni su persone e merci non solo hanno distrutto l’economia, ma hanno danneggiato quasi ogni aspetto della vita. Nel frattempo, tre guerre devastanti tra Israele e Hamas, il  partito militante che governa la Striscia, hanno rafforzato la crisi, così come lo hanno fatto rivalità spesso violente tra fazioni palestinesi in competizione. Più recentemente, una sanguinosa repressione israeliana messa in atto verso  le proteste vicino alla frontiera, ha provocato migliaia di ferite da arma da fuoco, mettendo a dura prova gli ospedali.

Il sistema sanitario di Gaza stava crollando anche prima della pandemia, ha denunciato la scorsa settimana  Michael Lynk, il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani nei territori palestinesi.

“Le sue scorte di farmaci essenziali sono cronicamente basse. Le sue fonti naturali di acqua potabile sono in gran parte contaminate. Il suo sistema elettrico fornisce energia a fasi alterne. In tutta la Striscia prevale una profonda povertà, accompagnata da spaventose condizioni socio-economiche “, ha detto. “La popolazione di Gaza è anche una popolazione fisicamente molto  vulnerabile”.

Per bloccare Covid-19, le autorità di Gaza hanno chiuso le sale per matrimoni, messo al bando i mercati settimanali e chiesto alle persone di rimanere a casa.

Ibrahim Raida, 31 anni, graphic designer, si è chiesto se le misure  siano sufficienti. “Pensavamo di essere immuni, ma dopo i due casi … Gaza è un posto piccolo e sovrappopolato, il virus può essere facilmente diffuso.”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inviato kit di test, dispositivi di protezione individuale e occhiali, ma ha affermato che tutto ciò potrebbe non essere sufficiente, senza ulteriori donazioni internazionali.

Il capo dell’ufficio dell’OMS per i territori palestinesi occupati, Gerald Rockenschaub, era a Gaza durante il fine settimana e ha dichiarato che il contenimento era ancora possibile. Tuttavia, i preparativi per l’eventualità di un focolaio dovrebbero essere immediatamente accelerati , ha detto.

“Ciò che dobbiamo fare  ora è attivarci rapidamente per rafforzare le capacità del sistema sanitario”, ha affermato. “Ci sono carenze ovunque.”

Israele sostiene che il blocco è una misura di sicurezza necessaria per limitare il suo nemico Hamas, che ha spesso lanciato razzi fuori dalla striscia. L’ONU, tuttavia, afferma che la sua politica costituisce una punizione collettiva per i circa 2 milioni di residenti della Striscia.

Cogat, l’organo del ministero della difesa responsabile del coordinamento delle attività del governo israeliano nei territori palestinesi, ha affermato di aver chiuso  i valichi pedonali a Gaza,  lasciando aperto un ingresso separato per il commercio. Israele ha fornito “centinaia” di kit di test Covid-19 a Gaza, ha aggiunto, senza specificarne il numero.

“Permetteremo l’uscita per situazioni pericolose per la vita e altri casi straordinari” ha detto un funzionario della Cogat. Alla domanda se le autorità israeliane permetterebbero ai palestinesi che  dovessero contrarre il virus di entrare nel Paese per essere curati nel caso in cui  il sistema sanitario di Gaza diventasse  sovraccarico, il funzionario ha risposto: “Questa eventualità  è in fase di valutazione”.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

 

Può Gaza far fronte a Covid-19 dopo anni di blocco?

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.