QUALCOSA DI TERRIBILE SI STA PREPARANDO PER I PALESTINESI A GAZA

0

Evidenza – 11/1/2019

MEMO. Un membro di rilievo dell’Ufficio Politico di Hamas lunedì ha affermato che “il peggio deve ancora venire” per quanto riguarda la Striscia di Gaza. Il commento di Musa Abu Marzuk ha seguito l’annuncio dell’Autorità Palestinese (ANP) che ritirerà i suoi addetti alla sicurezza dal Valico di Rafah, la sola via tra Gaza e il mondo esterno attraverso l’Egitto. Ha twittato opinioni simili dopo che il ministro degli Affari Civili dell’ANP Hussein Al-Sheikh ha promesso che sono in arrivo ulteriori misure punitive per irrigidire lo stato di assedio ai Palestinesi nell’enclave costiera.

La dichiarazione ha fatto seguito a un incontro tra il presidente dell’ANP Mahmoud Abbas e il presidente egiziano Abdel Fattah Al-Sisi avvenuto al Cairo. Abbas si trovava lì per partecipare all’apertura di una moschea e di una chiesa nella nuova zona della capitale amministrativa, ma non è chiaro cosa sia intercorso esattamente tra i due uomini. Il membro del Comitato Centrale di Fatah, Dalal Salama, ha dichiarato che il suo movimento terrà incontri con Abbas dopo il suo ritorno dal Cairo per discutere di misure “più severe e precise” contro i palestinesi a Gaza.

La settimana scorsa, quando l’ANP ha pagato i suoi dipendenti nel territorio assediato, migliaia di essi non hanno ricevuto i loro stipendi. Più tardi è stato rivelato che erano membri di Fatah fedeli all’ex leader, Mohammed Dahlan — un rivale politico di Abbas — oppure si trattava di coloro che ancora disobbediscono all’editto di Abbas di rifiutarsi di lavorare nella pubblica amministrazione sotto il governo guidato da Hamas. Abbas diede l’ordine nel 2007 quando Hamas espulse Fatah dalla Striscia di Gaza, mettendo fine a diciotto mesi di disordini che fecero seguito alla netta vittoria del Movimento di Resistenza Islamica alle elezioni generali del 2006. Il leader dell’ANP ha pagato i dipendenti pubblici per rimanere a casa negli ultimi 12 anni al fine di usurpare il voto popolare.

Secondo il quotidiano Maariv, Abbas probabilmente prenderà misure punitive supplementari contro il popolo palestinese a Gaza nei suoi sforzi per segnare un punto a livello politico contro Hamas. Il giornale ha riportato le scoperte degli agenti della sicurezza israeliani che ritengono che misure punitive più severe contro Gaza possano influenzare la situazione della sicurezza in Israele perché la resistenza palestinese accusa lo stato di occupazione di essere dietro a tutte queste mosse e risponderà attaccando obiettivi israeliani. Tutto ciò suggerisce che si stia preparando qualcosa di molto spiacevole per Gaza.

Dalla Norvegia, il direttore del Global Network for Rights and Development (GNRD – Rete globale per i diritti e lo sviluppo), Lo’ay Deeb, ha riportato fonti informate che affermano che “un’escalation senza precedenti contro Gaza arriverà presto”. Ha aggiunto che un accordo firmato dai principali paesi arabi include l’annuncio che Gaza è “territorio insorto”. Non sono stati solo gli stati arabi a sottoscrivere tale accordo; anche Israele lo ha fatto.

Inoltre, il canale televisivo israeliano Channel 20 ha appena riferito che le autorità di occupazione hanno annunciato la sospensione degli aiuti finanziari da parte del Qatar che vengono portati tramite Israele verso Gaza. Il canale ha dichiarato che il governo israeliano ha dato la colpa di tale sospensione al fatto che un missile sarebbe stato presumibilmente lanciato da Gaza ad Ashkelon durante la notte. Il governo ha chiesto all’ambasciatore del Qatar in Palestina, Mohammad Al-Emadi, di rinviare la sua visita a Gaza prevista per domenica, quando avrebbe dovuto consegnare i fondi del Qatar per pagare gli impiegati del governo nell’enclave. Anche l’Egitto ha aderito all’accordo. Quando l’ANP e Fatah adottano misure contro Gaza o Hamas, l’Egitto solitamente chiede loro di riflettere due volte sulle loro decisioni o di annullarle. Questa volta, però, quando l’ANP ha annunciato il ritiro dei suoi ufficiali da Rafah, l’Egitto ha dichiarato che avrebbe chiuso il confine da martedì; permetterà di rientrare a Gaza solo ai palestinesi che si trovano all’estero e progettano di tornare a casa.

L’ANP ha imposto ulteriori misure punitive alla popolazione di Gaza; le autorità di occupazione israeliane hanno vietato il trasferimento di somme consistenti di denaro sul territorio; l’Egitto ha chiuso il Valico di Rafah e un’escalation israeliana sembra essere all’orizzonte. Si sta preparando qualcosa di serio per la Striscia di Gaza e sembra che Abu Marzuk abbia ragione: il peggio deve ancora venire. Se ciò accadrà, la comunità internazionale continuerà a tacere, come ha fatto durante le precedenti offensive militari israeliane, anche se le punizioni collettive rappresentano una grave violazione del diritto internazionale? Il mondo ha la possibilità di fare qualcosa ora; se i diritti umani e lo stato di diritto significano qualcosa, la comunità internazionale deve opporsi alla continua oppressione di oltre 2 milioni di persone imprigionate a Gaza prima che sia troppo tardi.

Traduzione per InfoPal di Giulia Zeppi

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

 

Qualcosa di terribile si sta preparando per i palestinesi a Gaza

Qualcosa di terribile si sta preparando per i palestinesi a Gaza

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.