(Quasi) in diretta

0

admin | November 21st, 2011 – 4:36 pm

http://invisiblearabs.com/?p=3894

Tanto bello, il blog sulla piattaforma wordpress, ma un po’ ingessato quando bisogna aggiornarlo velocemebnte. Perché velocemente le cose accadono. E allora, per chi vuole capire cosa stia succedendo a Tahrir e dintorni, Twitter rimane lo strumento più duttile. Consultando, certo, le fonti più attendibili e/o interessanti. Su Twitter, il mio account è @invisiblearabs. Un po’ più difficile, oggi, identificare un hashtag che contenga tutti i messaggi che riguardano #tahrir. Alla fine, molti dei blogger più importanti hanno scelto proprio #tahrir… ed è comprensibile il perché.

Se volete seguire la rivoluzione unfolding, se volete sfogliarla, potere seguirmi un po’ su twitter. E poi navigare da soli. Ancora per una oretta farò rimbalzare i tweeps più interessanti.

Chiedo scusa a quelli che non comprendono (ancora) il gergo di twitter. Non vi preoccupate, poi diventa intuitivo.

Buona navigazione.

Un piccolo nuovo commento: non è la seconda rivoluzione egiziana. E’ sempre la stessa. Come dice @arabawy, “stiamo solo portando a termine la prima”. Lo dimostra Ahmed Harara, nella foto. Ha perso un occhio nella battaglia del 28 gennaio scorso, a Tahrir. Ha perso l’altro due giorni fa. Il suo commento: “Meglio essere ciechi e vivere nella dignità, che vedere ed essere umiliati”.

Altra musica, doverosa. Beautiful Day degli U2. Oggi vado sui classici. Live da Chicago.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.