(Quasi) in diretta

admin | November 21st, 2011 – 4:36 pm

http://invisiblearabs.com/?p=3894

Tanto bello, il blog sulla piattaforma wordpress, ma un po’ ingessato quando bisogna aggiornarlo velocemebnte. Perché velocemente le cose accadono. E allora, per chi vuole capire cosa stia succedendo a Tahrir e dintorni, Twitter rimane lo strumento più duttile. Consultando, certo, le fonti più attendibili e/o interessanti. Su Twitter, il mio account è @invisiblearabs. Un po’ più difficile, oggi, identificare un hashtag che contenga tutti i messaggi che riguardano #tahrir. Alla fine, molti dei blogger più importanti hanno scelto proprio #tahrir… ed è comprensibile il perché.

Se volete seguire la rivoluzione unfolding, se volete sfogliarla, potere seguirmi un po’ su twitter. E poi navigare da soli. Ancora per una oretta farò rimbalzare i tweeps più interessanti.

Chiedo scusa a quelli che non comprendono (ancora) il gergo di twitter. Non vi preoccupate, poi diventa intuitivo.

Buona navigazione.

Un piccolo nuovo commento: non è la seconda rivoluzione egiziana. E’ sempre la stessa. Come dice @arabawy, “stiamo solo portando a termine la prima”. Lo dimostra Ahmed Harara, nella foto. Ha perso un occhio nella battaglia del 28 gennaio scorso, a Tahrir. Ha perso l’altro due giorni fa. Il suo commento: “Meglio essere ciechi e vivere nella dignità, che vedere ed essere umiliati”.

Altra musica, doverosa. Beautiful Day degli U2. Oggi vado sui classici. Live da Chicago.

 

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam