QUELLE LACRIME DI UMANITA’ DEL SINDACO DI TORRE MELISSA (video) – di Vita.it

0

 

Intervistato da Radio Capital, dopo una notte di soccorsi in mare, Gino Murgi è scoppiato a piangere: «Come si può restare indifferenti di fronte a una mamma che urla e un bambino di tre mesi bagnato, nudo, viola dal freddo? Ho pensato ai miei figli»

Per soccorrerli si sono buttati fra le onde nel gelo invernale e non hanno esitato un istante a mettersi in mare con il barchino di un hotel pur di raggiungerli e portarli in salvo a riva. È grazie agli abitanti di Torre di Melissa, piccolo paesino del crotonese, che 51 migranti di nazionalità curda sono riusciti a sopravvivere al naufragio della barca a vela su cui viaggiavano. Attorno alle quattro, l’imbarcazione si è incagliata a pochi metri dalla spiaggia, intrappolando a bordo i migranti, terrorizzati dalla violenza delle onde.

Le loro urla disperate, i pianti e le richieste di aiuto hanno svegliato gli abitanti del paese, che con il sindaco Gino Murgi in testa, non hanno esitato un momento a riversarsi sulla spiaggia e ad intervenire ancor prima dell’arrivo dei soccorsi.

Il sindaco è stato poi intervistato da Radio Capital. E si è commosso. Ecco le sue parole.

 

Quelle lacrime di umanità del sindaco di Torre Melissa

http://www.vita.it/it/article/2019/01/11/quelle-lacrime-di-umanita-del-sindaco-di-torre-melissa/150317/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.