Questioni di sicurezza…

admin | October 5th, 2011 – 10:55 am

Non è il primo episodio. Non è la prima volta che succede. Una volta – ero presente – è successo nell’incontro annuale del premier israeliano con la stampa estera. Stavolta, però, la reazione dell’Associazione Stampa Estera (la FPA) a Gerusalemme è stata pesantissima. Molto più pesante, nei toni della lettera aperta, di quanto era successo nelle precedenti occasioni. Tanto è vero che oggi ne parla anche Haaretz. La notizia: un cameraman di Al Jazeera è stato costretto a denudarsi, durante la perquisizione di rito della sicurezza israeliana, prima di intervistare il presidente Shimon Peres. Stavolta la FPA parla apertamente di razzismo nei confronti dei giornalisti arabi. L’intervista, ironia della sorte, era stata chiesta dallo stesso Peres dopo l’incendio della moschea nel nord di Israele, in Galilea, che si ritiene sia stata compiuta da estremisti ebrei.

Ecco il testo della lettera:

The Foreign Press Association demands  that Israeli Authorities immediately cease undressing foreign and Arab  journalists at official events.

This outrageous policy is an affront to  common sense, an assault on human dignity and a blight upon the state of Israel.  It simply must stop.

The latest outrage occurred earlier today when an Al  Jazeera cameraman was asked to remove his pants upon arrival for an interview  with President Shimon Peres _ an interview that came at the invitation of the  president himself to criticize anti-Muslim violence! The explanations we have  received – that such inspections are necessary for Arab journalists – are deeply  troubling in a country that bills itself as the Middle East’s only  democracy.

It is not the first time this has happened. This pattern has existed for years and has become  more entrenched and aggressive over the past year.

We respect Israel’s  need to maintain tight security. But when there is so much technology available  to scan both people and their belongings, such practices cannot be justified and  have nothing to do with security. The truth is darker and sadder: This  lamentable policy combines blatant racism with systematic and ham-handed media  harassment.

Sadly, by now we expect nothing better from the Shin Bet.  Frankly, we have ceased hoping that the Prime Minister’s Office – scene of some  of the most persistent abuses – will intervene. But it is deeply disappointing  that this policy is also accepted and enabled by the office of Shimon Peres – a  Nobel Peace Laureate and outspoken advocate of human rights and progressive  thinking. We respectfully call on the President to use the influence of his  office to end this abomination.

Nella playlist di oggi, ci sta bene un brano arabo. La grande Stella d’Oriente, Umm Kulthum, canta uno dei suoi brani più belli,  Al Atlal. I versi di Ibrahim Nagi sono altissima poesia: sulla Rete ho trovato questa traduzione in inglese e francese.

http://invisiblearabs.com/?p=3652

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam